Un­ghe­ria, fal­li­to il vo­to an­ti-mi­gran­ti

Il pre­mier Or­ban: «Si va avan­ti: una leg­ge de­ci­de­rà chi vo­glia­mo ri­ce­ve­re». Sod­di­sfa­zio­ne a Bru­xel­les Il 98% re­spin­ge le quo­te di in­gres­si Ue, ma l’af­fluen­za si fer­ma al 43%: man­ca il quo­rum

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Car­di­ni e Bus­sot­ti

IL VO­TO

L’af­fluen­za al Re­fe­ren­dum in Un­ghe­ria, per de­ci­de­re se ac­cet­ta­re la quo­ta di im­mi­gra­ti pre­vi­sta dal­la Ue si è fer­ma­ta al 43%. Non è sta­to rag­giun­to il quo­rum e il ri­sul­ta­to del­la vo­ta­zio­ne non è va­li­do.

IL RI­SUL­TA­TO

Se­con­do le pro­ie­zio­ni il 98% dei vo­tan­ti ha det­to no ai mi­gran­ti. Per il pre­mier Vik­tor Or­ban il ri­sul­ta­to è chia­ris­si­mo e l’un­ghe­ria an­drà avan­ti lo stes­so. L’eu­ro­pa in­vi­ta al ri­spet­to de­gli ac­cor­di.

Il re­fe­ren­dum in Un­ghe­ria con­tro le quo­te ob­bli­ga­to­rie di re­di­stri­bu­zio­ne dei mi­gran­ti in Eu­ro­pa non ha rag­giun­to il quo­rum del 50% ne­ces­sa­rio per es­se­re va­li­do, fer­man­do­si a cir­ca il 44%. Ma il 98% di co­lo­ro che han­no vo­ta­to, su 8,3 mi­lio­ni di aven­ti di­rit­to, ha mes­so la cro­cet­ta sul no: un flop in ge­ne­ra­le dell’ini­zia­ti­va, ma un suc­ces­so po­li­ti­co per Vik­tor Or­ban che lo ave­va lan­cia­to.

Il pre­mier si aspet­ta­va un ap­pog­gio po­po­la­re al­la sua po­li­ti­ca del pu­gno du­ro sui pro­fu­ghi e di op­po­si­zio­ne a Bru­xel­les sul­la re­go­la, già con­cor­da­ta in Eu­ro­pa a set­tem­bre 2015, di fis­sa­re quo­te vin­co­lan­ti per tut­ti gli sta­ti mem­bri: 160.000 dei mi­gran­ti ap­pro­da­ti in Gre­cia e Ita­lia da ri­par­ti­re fra gli Sta­ti Ue. Di que­sti, 1.294 toc­che­reb­be­ro all’un­ghe­ria (che con­ta cir­ca 10 mi­lio­ni di abi­tan­ti). Or­ban spe­ra­va ov­via­men­te di rag­giun­ge­re il 50% ma da­to che già ne­gli ul­ti­mi gior­ni era chia­ro dai son­dag­gi che non ce l’avreb­be fat­ta, ave­va co­min­cia­to a di­re che l’im­por­tan­te non era il quo­rum ma l’esi­to del vo­to, che avreb­be avu­to co­mun­que va­lo­re vin­co­lan­te per l’un­ghe­ria.

Il 98% dei no espres­si (3,2 mi­lio­ni) si­gni­fi­ca che il pre­mier ha po­tu­to pe­sca­re vo­ti di so­ste­gno am­pia­men­te al di là del suo par­ti­to con­ser­va­to­re (Fi­desz), scip­pan­do­li agli al­tri par­ti­ti, in par­te all’op­po­si­zio­ne di si­ni­stra che ave­va in­vi­ta­to a boi­cot­ta­re le ur­ne, e in par­te al par­ti­to di ul­tra-de­stra Job­bik nel qua­le Or­ban ve­de una cre­scen­te mi­nac­cia a de­stra. Dun­que per lui co­mun­que un suc­ces­so nel­la con­ta arit­me­ti­ca del vo­to. In que­sto mo­do Or­ban si può pre­sen­ta­re co­me ca­po­fi­la nell’ue del “no” al­la po­li­ti­ca di mi­gra­zio­ne e co­me il ba­stio­ne del­la ci­vil­tà cri­stia­na dell’eu­ro­pa e dell’oc­ci­den­te. Que­sto in­fat­ti il te­no­re del­le sue di­chia­ra­zio­ni ie­ri se­ra do­po la chiu­su­ra dei seg­gi. «Sia­mo sta­ti i so­li in Eu­ro­pa, pur­trop­po, a te­ne­re un re­fe­ren­dum sui mi­gran­ti», «sia­mo or­go­glio­si di es­se­re sta­ti i pri­mi”, ha det­to.

È sta­ta una cam­pa­gna mol­to ag­guer­ri­ta che ha pe­sca­to a ma­ni bas­se nel re­per­to­rio xe­no­fo­bo, i pro­fu­ghi era­no pre­sen­ta­ti co­me con­cor­ren­za che ru­ba la­vo­ro agli un­ghe­re­si e mes­si sul­lo stes­so pia­no di cri­mi­na­li, ter­ro­ri­sti e stu­pra­to­ri. Per Or­ban il re­fe­ren­dum si­gni­fi­ca­va an­che la «lot­ta con­tro la bu­ro­cra­zia di Bru­xel­les», il se­gna­le

«Una leg­ge di­rà che so­lo noi

de­ci­dia­mo con chi vi­ve­re»

che la pic­co­la Un­ghe­ria con il suo gran­de or­go­glio ma­gia­ro si bat­te­va con­tro il co­los­so eu­ro­peo. In di­chia­ra­zio­ni al seg­gio, pre­ve­den­do l’esi­to, Or­ban ave­va mes­so in chia­ro: «le con­se­guen­ze giu­ri­di­che del vo­to ci sa­ran­no in ogni ca­so», sa­rà sta­bi­li­to per leg­ge che so­lo il Par­la­men­to un­ghe­re­se può de­ci­de­re «con chi gli un­ghe­re­si vo­glio­no vi­ve­re». La so­la con­di­zio­ne, ag­giun­ge­va, è che i ci de­vo­no es­se­re più no di sì. Sce­na­rio que­sto scon­ta­to da set­ti­ma­ne. In ca­so con­tra­rio, se aves­se­ro vin­to i sì, Or­ban ave­va an­che mi­nac­cia­to che si sa­reb­be di­mes­so. Ma si trat­ta­va ap­pun­to di ipo­te­si per as­sur­do.

Fi­no al­la fi­ne, gli or­ga­niz­za­to­ri del­la cam­pa­gna han­no in­cal­za­to gli elet­to­ri con mes­sag­gi di­gi­ta­li sol­le­ci­tan­do di an­da­re a vo­ta­re: «an­co­ra so­lo po­che ore al­la chiu­su­ra dei seg­gi, è in gio­co la si­cu­rez­za dell’un­ghe­ria, per fa­vo­re an­da­te a vo­ta­re».

I seg­gi si so­no chiu­si al­le 19 e su­bi­to do­po il vi­ce lea­der del par­ti­to go­ver­na­ti­vo Fi­desz, Ger­ge­ly Gu­lyas, ha an­nun­cia­to che la per­cen­tua­le di vo­tan­ti era sot­to il 50% e che il 98% ha vo­ta­to per il no. Il re­fe­ren­dum ruo­ta­va at­tor­no a una so­la do­man­da: «Vo­le­te che l’ue im­pon­ga an­che sen­za l’ap­pro­va­zio­ne del Par­la­men­to l’in­se­dia­men­to ob­bli­ga­to­rio di cit­ta­di­ni non un­ghe­re­si in Un­ghe­ria?». Già il mo­do in cui era for­mu­la­ta la do­man­da, al net­to an­che di qual­sia­si ri­fles­so xe­no­fo­bo, da­va per scon­ta­ta la ri­spo­sta. Chi po­treb­be in tut­ta co­scien­za ri­spon­de­re sì a un ta­le que­si­to, la cui for­mu­la­zio­ne ten­den­zio­sa è evi­den­te. «Con di­rit­to pos­sia­mo di­re – ha di­chia­ra­to Gu­lyas – che que­sta è una mas­sic­cia vit­to­ria di co­lo­ro che re­spin­go­no le quo­te di mi­gran­ti, che cre­do­no che so­lo gli sta­ti na­zio­na­li for­ti pos­so­no re­si­ste­re, che cre­do­no al­la de­mo­cra­zia e che ha sen­so ri­vol­ger­si ai cit­ta­di­ni».

EUROSCETTICO

Il pre­mier un­ghe­re­se Vik­tor Or­ban, pro­mo­to­re di se­ve­re mi­su­re

per sco­rag­gia­re l’nva­sio­ne di

mi­gran­ti so­prat­tut­to mu­sul­ma­ni in

Eu­ro­pa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.