«A que­sto pun­to me­glio la Red Bull»

Ul­tras con­tro il club do­po tre an­ni ano­ni­mi e de­lu­den­ti

Il Gazzettino (Pordenone) - - Ogni Sport -

UDI­NE - (m.a.) È fi­ni­ta la tre­gua, ora è guer­ra tra Cur­va Nord e so­cie­tà. La pa­zien­za an­da­ta a far­si be­ne­di­re. L'udi­ne­se pa­ga da­zio in cam­po e dal­lo sta­dio par­to­no si­lu­ri. Se ne va a quel pae­se an­che il man­tra tan­to ca­ro ai ti­fo­si du­ri e pu­ri: «L'udi­ne­se non si cri­ti­ca, si ama». Ora cam­bia co­sì: «L'udi­ne­se si cri­ti­ca pro­prio per­ché si ama». Pes­si­mo se­gna­le l'ab­ban­do­no del­la cur­va da par­te de­gli ul­tras. L'an­no scor­so ac­cad­de il con­tra­rio: in pie­na cor­sa per non re­tro­ce­de­re, gli ul­tras ri­ma­se­ro se­du­ti al lo­ro po­sto an­che do­po la fi­ne del­la par­ti­ta. Per pro­te­sta­re, ma sem­pre vi­ci­ni al­la squa­dra. Sa­ba­to se­ra, in­ve­ce, si è rot­to qual­co­sa. «Ba­sta stra­nie­ri» ha det­to la Cur­va nord. La stes­sa por­zio­ne di sta­dio che ha ve­ne­ra­to Zico co­me un dio, che avreb­be da­to la vi­ta per Bie­rhoff e Amo­ro­so, che ha am­mi­ra­to la cre­sci­ta di San­chez, og­gi si ag­grap­pa all'ita­lia­ni­tà. Ma in real­tà chie­de un'ani­ma, as­sen­te nell'udi­ne­se di Ia­chi­ni (ma an­che in quel­le pas­sa­te di Stra­mac­cio­ni e Co­lan­tuo­no). E ad­di­rit­tu­ra qual­cu­no in­vo­ca l'ar­ri­vo dei fa­mo­si com­pra­to­ri au­stria­ci: «Red Bull o fi­ni­sce ma­le - scri­ve An­to­nel­lo Par­la­to - al­me­no lo­ro co­strui­sco­no un grup­po al top». Co­me si evin­ce, l'obiet­ti­vo nu­me­ro uno dei ti­fo­si è la so­cie­tà. Si rin­gra­zia la fa­mi­glia Poz­zo per il la­vo­ro svol­to - è que­sto il sen­so del­la pro­te­sta - ma se que­sto è l'an­daz­zo, me­glio cam­bia­re. «Per­so­nal­men­te rin­gra­zio la fa­mi­glia Poz­zo per quan­to fat­to in pas­sa­to scri­ve ad esem­pio Ales­san­dro Cec­co­ni - ma è evi­den­te che or­mai il ci­clo si è chiu­so ed è ora di la­scia­re il po­sto ad al­tri». Per­fi­no Ru­di Tra­mon­tin, fre­sco vin­ci­to­re dell'auc day (l'ini­zia­ti­va che pre­mia­va il club in gra­do di por­ta­re più ti­fo­si al­lo sta­dio), non l'ha pre­sa be­ne: «In­de­gni» ha com­men­ta­to il pre­si­den­te dell'udi­ne­se club di Ro­ve­re­do in Pia­no. «Or­mai la Da­cia Are­na è di­ven­ta­ta ter­ra di con­qui­sta - ri­ba­di­sce Mar­co Mo­rat­to - Do­po tre an­ni ano­ni­mi e de­lu­den­ti era chia­ro a tut­ti che ci fos­se bi­so­gno di rin­for­za­re la squa­dra: non è sta­to fat­to per scel­ta del­la so­cie­tà, se do­ves­si­mo re­tro­ce­de­re la col­pa è tut­ta del club». La fi­gu­ra di Ia­chi­ni ne esce qua­si sal­va. Cer­to, più di qual­cu­no chie­de la te­sta del tec­ni­co, ma il giu­di­zio che ac­co­mu­na tut­ti è ri­vol­to ver­so la so­cie­tà, ver­so quel­la fa­mi­glia og­gi trin­ce­ra­ta die­tro un si­len­zio che fa ru­mo­re.

«Il ci­clo dei Poz­zo è or­mai fi­ni­to»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.