I so­ci Ute scel­go­no la gui­da Mar­ta Ro­ghi si ri­can­di­da

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sacile -

(ms) As­sem­blea og­gi al­le 16 nel­la se­de di via Ga­ri­bal­di per i so­ci dell'as­so­cia­zio­ne uni­ver­si­tà del­la ter­za età e de­gli adul­ti di Sa­ci­le e dell' al­to­li­ven­za, che do­vran­no eleg­ge­re le nuo­ve ca­ri­che so­cia­li per il trien­nio 2016/2017. Per la pre­si­den­te Mar­ta Ro­ghi si chiu­de il ter­zo trien­nio al­la gui­da dell'as­so­cia­zio­ne.

Ci sa­rà una sua ri­can­di­da­tu­ra?

«Sì. Ho già ma­ni­fe­sta­to la di­spo­ni­bi­li­tà a can­di­dar­mi per far par­te del con­si­glio di­ret­ti­vo, sa­ran­no i suoi com­po­nen­ti a giu­di­ca­re poi se rie­leg­ger­mi o me­no. So­no di­spo­ni­bi­le a pro­se­gui­re un la­vo­ro che, pur fa­ti­co­so, è sta­to per tut­ti e 9 gli an­ni gra­ti­fi­can­te. Ho vis­su­to que­sti 9 an­ni in­ten­si sia sot­to l'aspet­to or­ga­niz­za­ti­vo che di im­pe­gno per­so­na­le, cir­con­da­ta da per­so­ne che mi so­no sta­te di gran­de aiu­to. In par­ti­co­la­re la di­ret­tri­ce Cri­sti­na Trin­co, che per 20 an­ni è sta­ta ani­ma vi­va dell’as­so­cia­zio­ne, che rin­gra­zio per la pre­zio­sa col­la­bo­ra­zio­ne».

Qua­li so­no sta­ti i mo­men­ti più bel­li di que­sti 9 an­ni?

«Il cam­bio del­la se­de che aspet­ta­vo per da­re un vol­to nuo­vo e im­por­tan­te all’as­so­cia­zio­ne e una col­lo­ca­zio­ne più con­so­na al ruo­lo che ave­va as­sun­to nel pa­no­ra­ma lo­ca­le. Poi la cre­sci­ta co­stan­te e con­ti­nua dei par­te­ci­pan­ti al­le no­stre pro­po­ste che di an­no in an­no so­no au­men­ta­te di nu­me­ro e di qual­tà. In­fi­ne il fat­to che a po­co a po­co l'as­so­cia­zio­ne si è al­lar­ga­ta tan­to che da Ute è di­ven­ta­ta de­gli adul­ti e ora an­che dei gio­va­ni. Pro­gram­mi al­la ma­no cre­do di aver da­to ri­spo­ste al­le ri­chie­ste che ar­ri­va­va­no da­gli al­lie­vi, che han­no di­mo­stra­to di gra­di­re ciò che pro­po­ne­va­mo, la con­fer­ma l'ho avu­ta all’inau­gu­ra­zio­ne del nuo­vo an­no ac­ca­de­mi­co».

C'è sta­to un fat­to che ri­cor­da par­ti­co­lar­men­te?

«Il boom di iscri­zio­ni ai pri­mi cor­si di In­for­ma­ti­ca a con­fer­ma che la scel­ta fat­ta an­da­va in­con­tro al bi­so­gno del­le per­so­ne di ade­guar­si al­le no­vi­tà».

Qua­le è sta­to il la­vo­ro più im­pe­gna­ti­vo e che l'ha mag­gior­men­te gra­ti­fi­ca­ta?

«La pub­bli­ca­zio­ne del li­bro sui la­vo­ri del­le don­ne», il lun­go cam­mi­no dai mae­stri al­le pro­fes­sio­ni 1908/2008 che ci è co­sta­to un fa­ti­co­so la­vo­ro di ri­cer­ca ini­zia­to nel 2008, pre­sen­ta­to lo scor­so an­no in oc­ca­sio­ne dei 20 an­ni dell'ute».

IM­PE­GNO Mar­ta Ro­ghi ha ret­to l’ute per no­ve an­ni ma è pron­ta a con­ti­nua­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.