Na­din: «Sia­mo tut­ti col­pe­vo­li»

Cor­de­nons in co­da al­la se­rie D. Mian ri­schia. Ta­mai "ve­de" la zo­na playoff

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Da­rio Pe­ro­sa

Un so­lo pun­to in 5 par­ti­te re­le­ga il Cor­de­nons all'ul­ti­mo po­sto, già a 3 lun­ghez­ze dal­le pe­nul­ti­me (Pie­vi­gi­na, Le­gna­go e Mon­te) e met­te Mas­si­mo Mian sul­la gra­ti­co­la.

UBI MAIOR - Ren­zo Na­din ce­de il pas­so: «De­ci­de­ran­no - af­fer­ma il gm - il pre­si­den­te e i suoi so­ci». Vo­ci di cor­ri­do­io rac­con­ta­no di un rap­por­to mai sboc­cia­to fra Na­dio Po­lot­to e Mas­si­mo Mian. Il pre­si­den­tis­si­mo gra­na­ta in­ve­ce ha gran­de fi­du­cia nel suo ma­na­ger e fi­ni­rà pro­ba­bil­men­te con il se­guir­ne an­co­ra una vol­ta le in­di­ca­zio­ni. Per Na­din non è il mo­men­to di pren­de­re de­ci­sio­ni dra­sti­che. «Nien­te cac­cia al­le stre­ghe - ini­zia il gm -. Sia­mo tut­ti col­pe­vo­li. Pren­dia­mo co­me esem­pio pro­prio la ga­ra di Mon­te­bel­lu­na do­ve la squa­dra ha mo­stra­to a trat­ti le po­ten­zia­li­tà per gio­ca­re in D. Sia­mo an­da­ti in van­tag­gio pre­sto (7'), con uno dei no­stri gran­di "vec­chi" (Zu­bin, ndr) - rac­con­ta Na­din -. Sot­to di 2 gol (1-3) sia­mo sta­ti ca­pa­ci di re­cu­pe­ra­re di squa­dra (3-3, re­ti di Cra­via­ri e Gia­co­maz­zi). L'iner­zia a quel pun­to era a no­stro fa­vo­re, con l’uo­mo in più. In­ve­ce ab­bia­mo vo­lu­to stra­fa­re e ci sia­mo but­ta­ti scri­te­ria­ta­men­te in avan­ti, pa­gan­do. Non so­lo: ab­bia­mo but­ta­to via il van­tag­gio dell'uo­mo in più (espul­sio­ne di Pram­pa­ro, ndr ) e al 90' sba­glia­to il gol del 4-4 con Pa­van so­lo da­van­ti a una por­ta vuo­ta».

DE­LU­SIO­NE - Na­din met­te tut­ti sul­la gra­ti­co­la in­sie­me a Mian. «D'ac­cor­do sul fat­to che Mas­si­mo avreb­be do­vu­to tro­va­re il mo­do di ge­sti­re l'at­teg­gia­men­to dei gio­ca­to­ri sul 3-3, ma in cam­po c'era­no pu­re 3-4 gio­ca­to­ri esper­ti, che avreb­be­ro do­vu­to pren­de­re in ma­no la si­tua­zio­ne. La real­tà - quel­la di Ren­zo suo­no un po’ an­che co­me un'au­to­cri­ti­ca - è che pen­sa­va­mo di ave­re uno fra i grup­pi mi­glio­ri di gio­va­ni fuo­ri­quo­ta e dei "vec­chi" in gra­do di ga­ran­tir­ci l'espe­rien­za e la pe­ri­co­lo­si­tà ne­ces­sa­rie per la D. Non l'han­no an­co­ra di­mo­stra­to. Non è so­lo un pro­ble­ma di ma­ni­co». Lui sug­ge­ri­sce pa­zien­za: «Il cam­pio­na­to è lun­go e ab­bia­mo pa­ga­to ma­tri­co­la fuo­ri ca­sa. Do­me­ni­ca con­tro l'aba­no tor­ne­re­mo fi­nal­men­te all’as­si. Ve­dia­mo se in­sie­me riu­sci­re­mo a cam­bia­re la sto­ria del cam­pio­na­to».

SVOL­TA ROS­SA - Chi sem­bra aver già svol­ta­to è il Ta­mai che, ri­tro­va­ti i suoi bom­ber (Pa­la­din e Sel­lan), con la vit­to­ria sull'ar­zi­chiam­po (2-0) è tor­na­to nel­la par­te al­ta del ta­bel­lo­ne, a una so­la lun­ghez­za dal­la zo­na playoff. La con­fer­ma che i ros­si so­no ef­fet­ti­va­men­te sboc­cia­ti do­vrà ar­ri­va­re do­me­ni­ca da Val­da­gno. Ad at­ten­de­re i ra­gaz­zi di De Ago­sti­ni ci sa­rà l'al­to­vi­cen­ti­no, che ha ap­pe­na but­ta­to via (2-3) la vit­to­ria al Roc­co sul­la Trie­sti­na.

I GRA­NA­TA RE­STA­NO SUL FON­DO

Con un so­lo pun­to, la ma­tri­co­la Cor­de­nons è iso­la­ta in fon­do al­la clas­si­fi­ca di se­rie D. Co­sì già cir­co­la la vo­ce di mi­ster Mas­si­mo Mian (di spal­le nel­la fo­to), che pre­sto po­treb­be pa­ga­re per tut­ti

DI­RI­GEN­TE Ren­zo Na­din è il ge­ne­ral ma­na­ger del Cor­de­nons che per la pri­ma vol­ta nel­la sua sto­ria mi­li­ta in se­rie D

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.