Na­nà a con­fron­to sul­lo scher­mo

Pri­ma del film di Renoir del 1926 la ver­sio­ne ita­lia­na del 1917 rin­ve­nu­ta di re­cen­te

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - Ni­co Nan­ni

"Na­nà" di Emi­le Zo­la (scrit­to nel 1880) è uno dei ro­man­zi che più han­no in­te­res­sa­to il ci­ne­ma, a par­ti­re - si leg­ge nei re­per­to­ri dal film mu­to di Jean Renoir (1926), al qua­le avreb­be­ro fat­to se­gui­to di­ver­si al­tri nel pe­rio­do so­no­ro. Er­ro­re: per­ché pri­ma di Renoir ci fu un al­tro "Na­nà", ita­lia­no, che per ra­gio­ni di cen­su­ra do­vet­te cam­bia­re ti­to­lo in "Una don­na fu­ne­sta", gi­ra­to da Ca­mil­lo De Ri­so nel 1917, ma di­stri­bui­to so­lo nel 1919 e su­bi­to scom­par­so.

Eb­be­ne, gra­zie a un for­tu­no­so rin­ve­ni­men­to di par­te del­la pel­li­co­la nel Mu­seo del Ci­ne di Bue­nos Ai­res (pe­scan­do dal­lo stes­so fon­do da do­ve è emer­sa la co­pia più com­ple­ta di Me­tro­po­lis di Fri­tz Lang), le Gior­na­te del Ci­ne­ma Mu­to han­no po­tu­to pro­gram­ma­re per og­gi la vi­sio­ne di en­tram­bi i film: l'ita­lia­no al­le ore 9.30 e il fran­ce­se al­le 14,30. Il ro­man­zo di Zo­la rac­con­ta la sto­ria di una ra­gaz­za che fug­ge dal­la mi­se­ria di­ve­nen­do at­tri­ce e cortigiana. Avi­da di lus­so e di pia­ce­ri, si fa man­te­ne­re ma si di­ver­te a umi­lia­re e ro­vi­na­re i suoi spa­si­man­ti. È in­ca­pa­ce di ama­re, se non il fi­glio. La­scia­ta da chi la man­te­ne­va, Na­nà va al­la ro­vi­na, si am­ma­la di va­io­lo e muo­re so­la. Da­van­ti a una sto­ria del ge­ne­re, per l'epo­ca tor­bi­da e pec­ca­mi­no­sa (non c'è in Na­nà l'aspi­ra­zio­ne al­la re­den­zio­ne che tro­via­mo in Mar­ghe­ri­ta Gau­thier, alias Vio­let­ta Va­le­ry) il ci­ne­ma non ha sa­pu­to re­si­ste­re. Sa­rà in­te­res­san­te ve­de­re le dif­fe­ren­ze tra il film di De Ri­so (che scon­ta la ten­den­za al me­lo­dram­ma ti­pi­co del ci­ne­ma ita­lia­no, men­tre il ro­man­zo di Zo­la è na­tu­ra­li­sti­co) e quel­lo di Renoir, più asciut­to e tec­ni­ca­men­te più avan­za­to (nel film fi­gu­ra co­me sce­no­gra­fo, co­stu­mi­sta e an­che at­to­re Clau­de Au­tant-la­ra, poi gran­de re­gi­sta).

Ma og­gi c'è an­che un'al­tra tri­pli­ce cu­rio­si­tà nel film "Th­ree Li­ve Ghosts" (1922)di Geor­ge Fi­tz­mau­ri­ce (ore 10.45): cu­rio­si­tà per la re­gia dell'hol­ly­woo­dia­no Fi­tz­mau­ri­ce, per il ri­mon­tag­gio so­vie­ti­co, per la par­te­ci­pa­zio­ne di Al­fred Hit­ch­cock per le di­da­sca­lie (ma sul set fe­ce un po’ di tut­to). Spie­ga Char­les Barr nel­la sche­da del film che la co­pia rin­ve­nu­ta a Mo­sca è com­ple­ta­men­te di­ver­sa da quel­la ori­gi­na­le: sia il ri­mon­tag­gio del­le sce­ne sia il cam­bio del­le di­da­sca­lie ne han­no fat­to una co­sa di­ver­sa dal film co­mi­co che rac­con­ta­va di tre soldati che fan­no ri­tor­no a Lon­dra al­la fi­ne del­la Gran­de Guer­ra, con un sus­se­guir­si di si­tua­zio­ni pa­ra­dos­sa­li. Il film all'ini­zio ven­ne ri­fiu­ta­to in Unio­ne So­vie­ti­ca, che pe­rò poi tra­sfor­mò i soldati in tre de­re­lit­ti con­trap­po­sti al­la ric­ca so­cie­tà ca­pi­ta­li­sta. Co­me dis­se Hit­ch­cock al suo bio­gra­fo si può «cam­bia­re il mo­do in cui il pub­bli­co in­ter­pre­ta un'azio­ne o un'espres­sio­ne cam­bian­do la di­da­sca­lia».

Il ro­man­zo di Zo­la ha ispi­ra­to il ci­ne­ma

PER­SO­NAG­GIO DISSOLUTO So­pra la Na­nà di Ca­mil­lo De Ri­so, a de­stra quel­la di Jean Renoir

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.