Del­ne­ri cor­teg­gia ti­fo­si e gio­ca­to­ri

Ie­ri la pre­sen­ta­zio­ne uf­fi­cia­le e il pri­mo al­le­na­men­to con la squa­dra «Do­vran­no ter­mi­na­re ogni par­ti­ta con la ma­glia su­da­ta. In­te­res­san­ti Fo­fa­na e Pe­na­ran­da»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Gui­do Go­mi­ra­to

Non so­lo è con­si­de­ra­to tec­ni­co na­vi­ga­to e bra­vo, ma si di­mo­stra an­che abi­le co­mu­ni­ca­to­re tan­to che ha già fat­to brec­cia nel­la ti­fo­se­ria. Lui­gi Del­ne­ri, che ie­ri è sta­to pre­sen­ta­to al­la stam­pa dal pre­si­den­te Fran­co Sol­da­ti e dal dies­se Ne­reo Bo­na­to, è sta­to più che mai con­vin­cen­te nell'il­lu­stra­re il suo cre­do com­por­ta­men­ta­le e tec­ni­co-tat­ti­co, as­si­cu­ran­do che la cul­tu­ra del la­vo­ro ti­pi­ca del friu­la­no ver­rà sem­pre tu­te­la­ta, da lui e dal­la squa­dra. «Ho la­scia­to il Friu­li con que­sta men­ta­li­tà per svol­ge­re al­tro­ve la mia pro­fes­sio­ne e ho sem­pre da­to il mas­si­mo al­tri­men­ti mai avrei fat­to l'al­le­na­to­re - ha spie­ga­to Del­ne­ri, che avrà co­me vi­ce Giu­sep­pe Fe­raz­zo­li - I miei atle­ti do­vran­no usci­re dal cam­po con la ma­glia su­da­ta, nes­su­no do­vrà ac­cu­sar­ci di non aver da­to il mas­si­mo e il mio sa­rà un im­pe­gno to­ta­le ad una so­cie­tà che ha dei va­lo­ri im­por­tan­ti». Per quan­to con­cer­ne la con­te­sta­zio­ne dle­la ti­fo­se­ria do­po la de­ba­cle con la La­zio, è sta­to ca­te­go­ri­co. «È im­por­tan­tis­si­mo, an­zi in­di­spen­sa­bi­le, riav­vi­ci­na­re il pub­bli­co al­la squa­dra e al­la so­cie­tà, ab­bia­mo bi­so­gno dei ti­fo­si. Ma sta a noi me­ri­tar­ci il lo­ro ca­lo­re e do­vran­no es­se­re lo­ro a chia­mar­ci a fi­ne ga­ra sot­to la cur­va, piut­to­sto che an­dar­ci noi. Mi ren­do con­to che non man­che­ran­no dif­fi­col­tà, non è co­sa fa­ci­le as­sem­bla­re tan­ti ele­men­ti di cui mol­ti so­no gio­va­ni e nuo­vi. Ma c'è buo­na qua­li­tà». Del­ne­ri ha vo­lu­to an­che sa­lu­ta­re il suo pre­de­ces­so­re, Bep­pe Ia­chi­ni. «Que­sto è un mon­do par­ti­co­la­re, gli au­gu­ro di rien­tra­re pre­sto nel mon­do del cal­cio». «Rin­gra­zio an­che i Poz­zo; ci in­se­gui­va­mo da tan­to tem­po, ma due an­ni fa non c'era­no le con­di­zio­ni per con­cre­tiz­za­re la trat­ta­ti­va. Ora ci so­no e cre­do di aver fat­to la scel­ta giu­sta, co­me friu­la­no e co­me per­so­na che co­no­sce l'am­bien­te».

MO­DU­LO - Co­me sa­rà di­se­gna­ta la squa­dra? Con il 4-4-2? «Non so­no at­tac­ca­to a que­sto mo­du­lo - è sta­ta la pron­ta ri­spo­sta - Una co­sa pe­rò è cer­ta, la di­fe­sa sa­rà a quat­tro so­lo co­sì puoi es­se­re pro­po­si­ti­vo. Quan­do ero al­la gui­da dell'ata­lan­ta gio­ca­vo con Do­ni in qua­li­tà di tre­quar­ti­sta. Ab­bia­mo crea­to an­che il 4-2-3-1 con Pin­to e Val­des que­st'ul­ti­mo piaz­za­to a si­ni­stra e Pa­doin in mez­zo al cam­po. Il di­scor­so è tro­va­re l'equi­li­brio del­la squa­dra per di­fen­de­re be­ne e at­tac­ca­re con gli ele­men­ti giu­sti. Più dei nu­me­ri che la­scia­no il tem­po che tro­va­no con­ta l'or­ga­niz­za­zio­ne, il sa­per­si muo­ve­re con­ti­nua­men­te sen­za es­se­re in pos­ses­so di pal­lo­ne. In que­sta squa­dra ci so­no ele­men­ti dut­ti­li che pos­so­no ri­co­pri­re più ruo­li, ve­di The­reau che fa un­di­ci chi­lo­me­tri per­ché ha pol­mo­ni per cui bi­so­gne­rà an­che sfrut­ta­re la sua qua­li­tà e met­ter­la a di­spo­si­zio­ne de­gli al­tri».

LA JU­VE - «Ab­bia­mo die­ci gior­ni per pre­pa­ra­ci a que­sta sfi­da che è la più fa­ci­le, per­ché tut­ti ci dan­no per scon­fit­ti. Do­vre­mo sfrut­ta­re le op­por­tu­ni­tà che la Ju­ve ci da­rà di su­pe­ra­re la me­ta cam­po e poi cer­ca­re di pun­ge­re in avan­ti. Spe­ro di ria­ve­re Sa­mir. L'ho avu­to a Ve­ro­na, è gio­ca­to­re in­te­res­san­te».

FO­FA­NA - Tra i nuo­vi ac­qui­sti Del­ne­ri ha avu­to pa­ro­le di elo­gio per l'ivo­ria­no, si­no­ra og­get­to mi­ste­rio­so. «Ha fi­si­ci­tà, pas­so, in­ten­si­tà che so­no di­na­mi­che im­por­tan­ti. For­se pri­ma non gio­ca­va per­ché do­ve­va cre­sce­re. An­che Pe­na­ran­da è un gio­ca­to­re in­te­res­san­te e ci so­no tan­ti ele­men­ti esper­ti co­me Kums che in Bel­gio ha se­gna­to 15 gol lo scor­so an­no. Ritrovo Hall­freds­son e se me­ri­te­rà, gio­che­rà si­cu­ra­men­te. Co­me tut­ti. Ali Ad­nan? Bi­so­gna la­vo­rar­ci spe­cie in di­fe­sa. Sa af­fon­da­re i col­pi, ha un bel cross, un si­ni­stro po­ten­te».

«Ci in­se­gui­va­mo da di­ver­si an­ni»

DI NUO­VO IN BIAN­CO­NE­RO Lui­gi Del­ne­ri tra Fran­co Sol­da­ti e Ne­reo Bo­na­to

(Pres­spho­to Lan­cia)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.