«Ora la squa­dra non ha ali­bi»

Re­ja, Gia­co­mi­ni e Fe­de­le sul tec­ni­co di Aqui­leia

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Edy Re­ja, Adria­no Fe­de­le, Mar­co Agru­sti

UDI­NE - Lui­gi Del­ne­ri non ha bi­so­gno di svio­li­na­te. Ha co­strui­to la sua car­rie­ra par­ten­do dall'opi­ter­gi­na do­po una buo­na car­rie­ra da cal­cia­to­re. Ma il ri­tor­no di un tec­ni­co friu­la­no sul­la pan­chi­na dell'udi­ne­se ha pro­vo­ca­to non so­lo la rea­zio­ne dei ti­fo­si, per­lo­più en­tu­sia­sti per l'aspet­to ter­ri­to­ria­le del­la scel­ta, ma an­che gli al­tri al­le­na­to­ri di li­vel­lo na­ti in Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia. A par­ti­re da ca­ro ami­co di Del­ne­ri e per qual­che ora can­di­da­to al­la stes­sa pan­chi­na la­sia­ta li­be­ra da Bep­pe Ia­chi­ni. «Fac­cio il mio in boc­ca al lu­po a Gi­gi - ha det­to - e cre­do che si to­glie­rà del­le sod­di­sfa­zio­ni. L'udi­ne­se si è mes­sa in buo­ne ma­ni. Tra me e la so­cie­tà friu­la­na so­no in­ter­cor­si so­lo con­tat­ti - ha pre­ci­sa­to l'ex tec­ni­co dell'ata­lan­ta - pe­ral­tro nor­ma­li quan­do è in cor­so un cam­bio del­la gui­da tec­ni­ca co­me nel ca­so del club bian­co­ne­ro. In que­sto mo­men­to, pre­fe­ri­sco re­sta­re al­la fi­ne­stra, ri­po­sar­mi at­ti­va­men­te, aspet­tan­do la si­tua­zio­ne giu­sta».

Par­ti­co­lar­men­te sen­ti­ta, poi, l'opi­nio­ne di Mas­si­mo Gia­co­mi­ni. Il tec­ni­co udi­ne­se con­qui­stò la pro­mo­zio­ne dal­la B nel 1979 con i bian­co­ne­ri, e in cam­po c'era pro­prio Del­ne­ri. Gia­co­mi­ni pe­rò pre­fe­ri­sce par­ti­re da Ia­chi­ni: «Il fat­to di aver­lo cac­cia­to in mo­do co­sì vio­len­to - ha at­tac­ca­to - rap­pre­sen­ta una scon­fit­ta per tut­ti. La Fio­ren­ti­na ha 8 pun­ti, ep­pu­re Pau­lo Sou­sa non ri­schia l'eso­ne­ro. Ma or­mai quel che è fat­to è fat­to. Del­ne­ri è un ca­ris­si­mo ami­co, spe­ro che pos­sa tro­va­re il ban­do­lo del­la ma­tas­sa, e nel ca­so dell'udi­ne­se si trat­ta di una ma­tas­sa in­gar­bu­glia­tis­si­ma. È esper­to, ha le ca­rat­te­ri­sti­che giu­ste per pren­de­re le re­di­ni del­la squa­dra. Ma at­ten­zio­ne - ha am­mo­ni­to - per­ché i gio­ca­to­ri re­ste­ran­no gli stes­si». Pro­prio sui gio­ca­to­ri, ad esem­pio, si è sof­fer­ma­to ul­ti­mo friu­la­no ad aver ini­zia­to una sta­gio­ne sul­la pan­chi­na dell'udi­ne­se (1994-95): «L'in­gag­gio di Del­ne­ri - ha spie­ga­to - è senz'al­tro una buo­na no­ti­zia. Pe­rò è at­te­so da un com­pi­to im­ma­ne, più dif­fi­ci­le di quel­lo con il Ve­ro­na dell'an­no scor­so. I gio­ca­to­ri so­no par­te di una squa­dra sgan­ghe­ra­ta e a vol­te sem­bra che non si im­pe­gni­no».

COL­LE­GA Edy Re­ja: «Udi­ne­se in buo­ne ma­ni»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.