Mon­te Cri­sto, per Du­mas un film che du­ra quat­tro ore

Sta­se­ra il lun­go­me­trag­gio del 1929 di Hen­ri Fe­scourt in cui gli at­to­ri so­no va­lo­riz­za­ti dal­la ci­ne­pre­sa mo­bi­le

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - Ni­co Nan­ni

Sia­mo ar­ri­va­ti al mo­men­to clou del­le Gior­na­te: la ma­ra­to­na ci­ne­ma­to­gra­fi­ca. Que­st'an­no - do­po le set­te ore de I Mi­se­ra­bi­li del 2015 - toc­ca a Mon­te Cri­sto (1929) di so­lo, per co­sì di­re, quat­tro ore (ini­zio pro­ie­zio­ne ore 20.15 con l'ac­com­pa­gna­men­to mu­si­ca­le di Do­nald So­sin e Frank Boc­kius). I due film han­no avu­to lo stes­so re­gi­sta: Hen­ri Fe­scourt, uno dei più si­gni­fi­ca­ti­vi del ci­ne­ma fran­ce­se, og­gi ri­cor­da­to per lo più per I Mi­se­ra­bi­li, men­tre il suo Mon­te Cri­sto non eb­be il suc­ces­so spe­ra­to e spa­rì pre­sto dal­la cir­co­la­zio­ne. Per Fe­scourt - che per Mon­te Cri­sto eb­be a di­spo­si­zio­ne mez­zi ge­ne­ro­si e star di pri­mo pia­no - si trat­tò del pri­mo con­tat­to con l'ope­ra di Du­mas pa­dre. Non po­ten­do ri­pe­te­re la lun­ghez­za che eb­be per I Mi­se­ra­bi­li, sep­pe ri­dur­re il ro­man­zo all'es­sen­zia­le, tra­la­scian­do al­cu­ne tra­me e ac­cor­pan­do al­cu­ni ele­men­ti del­la sto­ria, crean­do un an­te­fat­to e ag­giun­gen­do un pa­io di sce­ne fi­na­li, riu­scen­do co­sì a da­re rit­mo al film e a svi­lup­pa­re me­glio i per­so­nag­gi. Si può no­ta­re an­che una di­ver­sa tec­ni­ca nel­la rea­liz­za­zio­ne: se ne I Mi­se­ra­bi­li il re­gi­sta ave­va usa­to in­qua­dra­tu­re fis­se, qui è pa­dro­ne nell'uso del­la mac­chi­na da pre­sa mo­bi­le (ben quat­tro le ci­ne­pre­se usa­te) e si con­fer­ma ot­ti­mo di­ret­to­re de­gli at­to­ri. La pel­li­co­la che si ve­drà og­gi è il frut­to del­la ri­co­stru­zio­ne ef­fet­tua­ta nel 2006 da ZZ Pro­duc­tion per il ca­na­le cul­tu­ra­le fran­co-te­de­sco Ar­te da due di­ver­se co­pie (una con­ser­va­ta a Mo­sca e una nel­la Ci­ne­te­ca Te­de­sca) e cor­ri­spon­de al­la co­pia in 15 rul­li che fu pro­iet­ta­ta a Pa­ri­gi nell'ot­to­bre 1929.

Ie­ri in­tan­to è sta­ta la gior­na­ta del­le due Na­nà: si po­treb­be di­re che Re­noir ha bat­tu­to De Ri­so due a ze­ro, ma sa­reb­be in­giu­sto e in­ge­ne­ro­so. Pur­trop­po la co­pia del film "Una don­na fu­ne­sta" (que­sto il ti­to­lo del film ita­lia­no) tro­va­ta a Bue­nos Ai­res ci dà so­lo un ter­zo del­la pel­li­co­la ori­gi­na­le, ma il pro­ble­ma non è que­sto: quan­to ri­ma­ne sa­reb­be suf­fi­cien­te a ren­de­re lo­gi­co il rac­con­to, se non fos­se sbal­la­to il mon­tag­gio, per cui c'è da au­spi­ca­re un re­stau­ro fi­lo­lo­gi­co. Te­nu­to con­to che il film ita­lia­no è del 1917 e quel­lo fran­ce­se di qua­si 10 an­ni do­po, le due ope­re so­no dif­fe­ren­ti sia nel­la sce­neg­gia­tu­ra che nel­la rea­liz­za­zio­ne. Nel film di De Ri­so ap­pa­re il fi­glio di Na­nà, men­tre in quel­lo di Re­noir non se ne fa nep­pu­re cen­no; la ten­den­za al me­lo­dram­ma ti­pi­co nel ci­ne­ma ita­lia­no dell'epo­ca è an­co­ra pal­pa­bi­le, men­tre il film fran­ce­se è più scor­re­vo­le e pre­sen­ta an­che una cer­ta iro­nia. In­fi­ne le due in­ter­pre­ti: Til­de Kas­say e Ca­the­ri­ne Hes­sling so­no bra­ve nel di­mo­stra­re la vol­ga­ri­tà del personaggio.

PRO­TA­GO­NI­STA FEM­MI­NI­LE Lil Da­go­ver

MON­TE CRI­STO Jean An­ge­lo (1888-1933) iin­ter­pre­te ro­man­ti­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.