Ren­zi a Nor­de­st: qui si vin­ce la cri­si

Il pre­mier a Tre­vi­so, ap­pel­lo agli im­pren­di­to­ri: «Pren­de­te per ma­no l’ita­lia e fa­te­la uscire dal­le sec­che»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Fa­va­ro, Van­zan Za­nar­do

LA VI­SI­TA

«Agli im­pren­di­to­ri del Nor­de­st chie­do di pren­de­re per ma­no l'ita­lia e por­tar­la fuo­ri dal­le sec­che del­la cri­si». Co­sì Mat­teo Ren­zi du­ran­te il suo tour nel Tre­vi­gia­no.

IL CON­FRON­TO

Il pre­mier ha ri­spo­sto al­le do­man­de dei cit­ta­di­ni su di­ver­si te­mi. «Con il re­fe­ren­dum nes­su­na svolta au­to­ri­ta­ria», ha ri­ba­di­to. E ri­guar­do al­le ban­che: «Atlan­te ha sal­va­to gli isti­tu­ti ve­ne­ti».

TRE­VI­SO - «Non po­ten­do­ne più di quel­li che il Pil lo com­men­ta­no, so­no ve­nu­to qua a sen­ti­re quel­li che il Pil lo pro­du­co­no, fra im­pren­di­to­ri ca­pa­ci di par­ti­re da ot­to di­pen­den­ti e ar­ri­va­re a mil­le­tre­cen­to». Mat­teo Ren­zi spie­ga co­sì la sua vi­si­ta in ter­ra tre­vi­gia­na, una «im­mer­sio­ne nel Nor­de­st pro­fon­do, nell’ita­lia che rie­sce a crea­re oc­ca­sio­ne di sviluppo». E a quel­li che il Pil lo pro­du­co­no, il pre­si­den­te del Con­si­glio dei mi­ni­stri con­se­gna un com­pi­to: «Agli im­pren­di­to­ri del Nor­de­st chie­do di pren­de­re per ma­no l'ita­lia e por­tar­la fuo­ri dal­le sec­che del­la cri­si».

È un tour di cor­sa quel­lo del pre­mier a Tre­vi­so e din­tor­ni, ini­zia­to con due ore di ri­tar­do a cau­sa di un at­ter­rag­gio di emergenza di un’ae­ro-am­bu­lan­za a Ciam­pi­no che in mat­ti­na­ta ha spo­sta­to in avan­ti tut­te le par­ten­ze dal­la ca­pi­ta­le. È co­sì che Ren­zi ha do­vu­to can­cel­la­re dall’agen­da la pri­ma vi­si­ta in pro­gram­ma a Mo­na­stier (sal­vo pe­rò chia­ma­re al te­le­fo­no il ti­to­la­re del­la Te­xa pro­met­ten­do­gli di tor­na­re) e poi ri­dur­re il tem­po di per­ma­nen­za nel­le al­tre azien­de, dal­la Fas­sa Bor­to­lo al­la Ghi­ra­da con Gil­ber­to Be­net­ton, pas­san­do per Non­no Nan­ni (quel­lo del­lo strac­chi­no), Tec­ni­ca (do­ve vie­ne omag­gia­to di un pa­io di sci 174 Nor­di­ca ne­ri col tri­co­lo­re) e Geox. An­che il pran­zo a Vil­la Mi­nel­li è sal­ta­to, so­sti­tui­to da un ve­lo­ce buf­fet an­naf­fia­to da so­la ac­qua: an­che se era tre­vi­gia­nis­si­mo pro­sec­co, il pre­mier ha ri­fiu­ta­to le bol­li­ci­ne.

Ma l’ap­pun­ta­men­to clou è sta­to l’in­con­tro pub­bli­co nel po­me­rig­gio all’au­di­to­rium Ap­pia­ni con il Co­mi­ta­to per il sì al re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le del 4 di­cem­bre. È sta­to qui che Ren­zi ha ri­spo­sto al­le con­te­sta­zio­ni ri­guar­dan­ti la sche­da elet­to­ra­le, vi­sto che M5s e Si han­no pre­sen­ta­to un ri­cor­so al Tar del La­zio: «Que­sto que­si­to è quel­lo che la leg­ge pre­ve­de per la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le». E in un’ora e un quar­to - più del pre­vi­sto per­ché dal­la pla­tea in pa­rec­chi l’han­no più vol­te in­ter­rot­to chie­den­do­gli ad esem­pio per­ché è sta­ta man­te­nu­ta l’im­mu­ni­tà par­la­men­ta­re o per­ché le in­den­ni­tà dei de­pu­ta­ti non so­no sta­te ab­bas­sa­te, ma an­che per tor­na­re sul de­li­ca­to ar­go­men­to del crack del­le ban­che ( "Sen­za Atlan­te sa­reb­be­ro sal­ta­te)" - il pre­mier ha spie­ga­to le ra­gio­ni del sì, in­vi­tan­do i so­ste­ni­to­ri a dar­gli una ma­no: «Fa­te­vi una li­sta di per­so­na, fa­te i co­mi­ta­ti, par­la­te con la gen­te».

Ha am­mes­so l’er­ro­re di aver le­ga­to il re­fe­ren­dum al­la te­nu­ta del Go­ver­no: «C'è dav­ve­ro qual­cu­no che pen­sa che si pos­sa vo­ta­re una ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le dan­do un vo­to sul Go­ver­no? Mi han­no det­to: "Ah Mat­teo, ma qui hai sba­glia­to te". Di­cia­mo­lo: sì, al­cu­ne co­se le ho fat­te be­ne, al­cu­ne le ho fat­te. Ma se io ho smes­so di but­tar­la su di me, ades­so so­no gli al­tri che non par­la­no del me­ri­to». Gli al­tri so­no quel­li del no, che se­con­do Ren­zi stan­no rac­con­tan­do «un sac­co di bu­gie». E elen­ca: «Que­sta sto­ria del­la "svolta au­to­ri­ta­ria" sta di­ven­tan­do un luo­go co­mu­ne pri­vo di sen­so. I po­te­ri del pre­mier era­no cam­bia­ti nel­la ri­for­ma di Ber­lu­sco­ni, nel­la

boz­za del '99 di D'ale­ma, in quel­la del Pds nel '94 e nel­la boz­za de­gli an­ni '80. Noi per si­cu­rez­za ab­bia­mo det­to: non toc­chia­mo que­sto ar­go­men­to. Il pre­si­den­te del Con­si­glio ri­ma­ne l'uni­co ca­po di go­ver­no a li­vel­lo eu­ro­peo che non può cam­bia­re mi­ni­stri, non ve­de cam­bia­to nean­che uno dei suoi po­te­ri». Poi la leg­ge elet­to­ra­le: «Se qual­cu­no pen­sa che la leg­ge elet­to­ra­le sia un co­sì gra­ve pro­ble­ma del­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le io, che ne so­no un con­vin­to so­ste­ni­to­re, so­no di­spo­sto a di­re: cam­bia­mo­la, per­ché la leg­ge co­sti­tu­zio­na­le è fon­da­men­ta­le». Una stoc­ca­ta l’ha riservata al­la mi­no­ran­za del Pd: «Mi di­ce che non pos­so chie­de­re i vo­ti al­la de­stra. Ora ho ca­pi­to per­ché si chia­ma mi­no­ran­za. Se vuoi vin­ce­re de­vi ri­pren­de­re an­che i vo­ti de­gli al­tri». E si è ri­vol­to agli elet­to­ri del­la Le­ga e del M5s: «A uno che fa il se­na­to­re del­la Le­ga ca­pi­sco che la ri­for­ma non piac­cia. Ma un elet­to­re del­la Le­ga che ur­la con­tro gli spre­chi e la bu­ro­cra­zia, o uno dei 5 Stel­le, quan­do gli spie­ghia­mo com'è il que­si­to, che è co­sì sem­pli­ce che a par­te Gi­gi di Ma­io lo ca­pi­sco­no tut­ti, vor­rà vo­ta­re sì».

Ha fat­to mo­stra­re i car­tel­lo­ni elet­to­ra­li, quin­di lo spot ti­vù con la non­ni­na che com­men­ta "Se vo­ti no non cam­bie­rà nul­la", ha ri­pe­tu­to che «la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le vuo­le da­re più sem­pli­ci­tà all'ita­lia. Vo­ta­te quel­lo che vi pa­re, ma sap­pia­te che sa­re­te re­spon­sa­bi­li per i pros­si­mi de­cen­ni».

PRE­MIER Mat­teo Ren­zi du­ran­te l’in­ter­ven­to sul re­fe­ren­dum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.