Diur­no, ge­stio­ne ester­na

Fi­ni­ta la spe­ri­men­ta­zio­ne. Ora­rio am­plia­to e più uten­ti L’ipo­te­si emer­sa du­ran­te l’as­sem­blea dei sin­da­ci dell’am­bi­to 6.5

Il Gazzettino (Pordenone) - - Porcia - La­ra Za­ni

A spe­ri­men­ta­zio­ne con­clu­sa, per il Cen­tro diur­no di Por­cia a ser­vi­zio an­che di uten­ti di Ro­ve­re­do - si pen­sa all'ester­na­liz­za­zio­ne. A fa­re il pun­to sul­la si­tua­zio­ne è sta­ta nei gior­ni scor­si l'as­sem­blea dei sin­da­ci dell'am­bi­to 6.5. La fa­se spe­ri­men­ta­le, av­via­ta nel mar­zo del 2015, è ser­vi­ta a por­ta­re a ter­mi­ne tut­to il per­cor­so ne­ces­sa­rio per l'ac­cre­di­ta­men­to del­la strut­tu­ra, e ha an­che rag­giun­to l'obiet­ti­vo dell'am­plia­men­to dell'ora­rio di ser­vi­zio - da due po­me­rig­gi la set­ti­ma­na a un'aper­tu­ra quo­ti­dia­na - e dell'al­lar­ga­men­to dell'uten­za: le per­so­ne che usu­frui­sco­no del ser­vi­zio so­no pas­sa­te da 14 a 27, e si è for­ma­ta an­che una li­sta di at­te­sa di no­ve po­ten­zia­li uten­ti. La ca­pien­za mas­si­ma è in real­tà di 30, ma si trat­ta di un li­mi­te su­scet­ti­bi­le di va­ria­zio­ne in ba­se al pro­fi­lo de­gli uten­ti, e in que­sta fa­se è au­men­ta­to il nu­me­ro de­gli ospi­ti con pro­ble­mi di au­to­suf­fi­cien­za.

Fra gli obiet­ti­vi di que­sta fa­se ge­stio­na­le c'era in­fat­ti an­che quel­lo di in­cre­men­ta­re l'uten­za, ri­tar­dan­do co­sì per al­cu­ni de­gli ospi­ti un even­tua­le in­gres­so in ca­sa di ri­po­so: obiet­ti­vo rag­giun­to - ha ri­le­va­to l'as­sem­blea dei sin­da­ci - con un au­men­to dell'uten­za con pro­ble­mi an­che gra­vi di au­to­suf­fi­cien­za, di de­men­za se­ni­le e con pro­ble­ma­ti­che neu­ro­lo­gi­che. «I pri­mi da­ti re­la­ti­vi al pe­rio­do di spe­ri­men­ta­zio­ne - ha spie­ga­to per l'am­bi­to Ste­fa­no Fran­zin in­di­ca­no che a og­gi il trend è di­mez­za­to, os­sia che le ri­chie­ste di ac­co­glien­za in ca­sa di ri­po­so si so­no ri­dot­te del­la me­tà. Dun­que Por­cia e Ro­ve­re­do ci han­no vi­sto giu­sto». No man­ca­no tut­ta­via le cri­ti­ci­tà: «Se si con­ti­nua a in­ve­sti­re su que­sto li­vel­lo di dif­fi­col­tà, os­sia sull'ac­co­glien­za di per­so­ne non au­to­suf­fi­cien­ti, oc­cor­re at­trez­zar­si con per­so­na­le ade­gua­to: non so­no più suf­fi­cien­ti gli ope­ra­to­ri "sto­ri­ci" ai qua­li si so­no ag­giun­ti i no­stri as­si­sten­ti do­mi­ci­lia­ri».

Que­sto si­gni­fi­che­reb­be, dal pun­to di vi­sta dell'am­bi­to, pen­sa­re a una "fa­se 2", nel­la qua­le ri­lan­cia­re il pro­get­to con per­so­na­le mag­gior­men­te for­ma­to, La pri­ma ipo­te­si sul ta­vo­lo sa­reb­be dun­que quel­la dell'ester­na­liz­za­zio­ne, che sa­reb­be vi­sta con fa­vo­re dal­le am­mi­ni­stra­zio­ni e che per­met­te­reb­be di di­spor­re di un grup­po di pro­fes­sio­ni­sti ade­gua­to: il si­ste­ma at­tua­le en­tra in­fat­ti fa­cil­men­te in dif­fi­col­tà in ca­si di ma­lat­tie e di fe­rie.

Sem­pre più an­zia­ni non au­to­suf­fi­cien­ti

SER­VI­ZIO Il Cen­tro diur­no

po­treb­be es­se­re af­fi­da­to a una ge­stio­ne

ester­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.