L’al­lar­me del­la chie­sa sve­glia i re­si­den­ti

In­ter­ven­to dei tec­ni­ci co­mu­na­li e del­le for­ze dell’or­di­ne Ru­mo­re as­sor­dan­te ai Bat­tu­ti dal po­me­rig­gio di mer­co­le­dì fi­no a not­te

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sanvitese - Ema­nue­le Min­ca

SAN VI­TO - Un al­lar­me che strom­baz­za per ore, a in­ter­mit­ten­za, dal tar­do po­me­rig­gio di mer­co­le­dì fin qua­si al­la mez­za­not­te. È suc­ces­so in via Bel­lu­nel­lo, a due pas­si da piaz­za del Po­po­lo: il si­ste­ma di si­cu­rez­za del­la chie­sa dei Bat­tu­ti è ri­ma­sto at­ti­vo per ore e so­no do­vu­ti in­ter­ve­ni­re an­che i ca­ra­bi­nie­ri. A ri­sol­ve­re il pro­ble­ma ci ha pen­sa­to il per­so­na­le co­mu­na­le.

Pos­si­bi­le che nes­su­no rie­sca a spe­gne­re quell'al­lar­me? De­ve es­se­re sta­ta que­sta la do­man­da che si so­no po­sti nu­me­ro­si re­si­den­ti del cen­tro. L'al­lar­me in que­stio­ne era quel­lo di un im­mo­bi­le co­mu­na­le di gran pre­gio, la chie­sa dei Bat­tu­ti, che si tro­va in via Bel­lu­nel­lo. A cau­sa dell'esau­ri­men­to del­la bat­te­ria, l'im­pian­to d'al­lar­me ha ini­zia­to a suo­na­re già nel tar­do po­me­rig­gio. L'as­sor­dan­te ru­mo­re è an­da­to avan­ti fi­no a po­co pri­ma del­la mez­za­not­te. L’epi­so­dio è sta­to se­gna­la­to ol­tre che dai cit­ta­di­ni che vi­vo­no nel­le abi­ta­zio­ni vi­ci­ne, pu­re da­gli av­ven­to­ri dei lo­ca­li del cen­tro e so­no sta­ti chia­ma­ti an­che i ca­ra­bi­nie­ri di San Vi­to. Un pro­ble­ma che po­te­va es­se­re ri­sol­to su­bi­to, ma che in­ve­ce ha ri­chie­sto più tem­po del do­vu­to per­ché non si riu­sci­va a ca­pi­re qua­le fos­se l'ori­gi­ne del ru­mo­re. Ge­sto­ri di lo­ca­li ma an­che cit­ta­di­ni, per­so­na­le co­mu­na­le e for­ze dell'or­di­ne, tut­ti a cer­ca­re l'al­lar­me che era en­tra­to in azio­ne. È sta­ta una ve­ra e pro­pria cac­cia, per­ché il si­ste­ma non ri­ma­ne­va ac­ce­so con­ti­nua­men­te ma si in­ter­rom­pe­va e la ri­cer­ca do­ve­va ri­par­ti­re. Si pen­sa­va ini­zial­men­te che aves­se ori­gi­ne dal com­ples­so dei Bat­tu­ti, poi da qual­che abi­ta­zio­ne pri­va­ta. Nien­te da fa­re. Al­la fi­ne si è sco­per­to che era l'im­pian­to del­la chie­sa, pre­ci­sa­men­te den­tro la cel­la cam­pa­na­ria, a due pas­si dall'ex fa­le­gna­me­ria del com­ples­so dei Bat­tu­ti. Lo stes­so al­lar­me vi­si­vo era sta­to po­si­zio­na­to den­tro la cel­la, dun­que era un'im­pre­sa in­di­vi­duar­lo. Una vol­ta tro­va­to, la squa­dra di ma­nu­ten­zio­ne co­mu­na­le ha ri­sol­to tut­to in po­co tem­po: è sta­ta tol­ta la bat­te­ria e by-pas­sa­to il si­ste­ma; già ie­ri è sta­ta so­sti­tui­ta con una nuo­va. Un epi­so­dio che si­cu­ra­men­te ri­cor­de­ran­no per qual­che gior­no i re­si­den­ti del­la zo­na, o al­me­no co­lo­ro che non so­no riu­sci­ti a pren­de­re son­no fi­no a tar­da not­te.

Una bat­te­ria

sca­ri­ca

CHIE­SA Gli af­fre­schi all’in­ter­no dei Bat­tu­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.