Fa­rao­ni, se­con­da car­rie­ra a 25 an­ni

Il di­fen­so­re di nuo­vo in cam­po do­po 5 me­si di stop

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Mar­co Agru­sti

UDI­NE - Do­po una vi­ta pas­sa­ta in pre­sti­to e do­po aver as­sag­gia­to an­che un an­no e mez­zo di se­rie B, Da­vi­de Fa­rao­ni - 25 an­ni il 25 ot­to­bre at­ten­de di ve­der sboc­cia­re la sua se­con­da car­rie­ra da cal­cia­to­re del mas­si­mo cam­pio­na­to ita­lia­no. L'oc­ca­sio­ne buo­na, pa­ra­dos­sal­men­te, è of­fer­ta dal­la cri­si dell'udi­ne­se, che ha por­ta­to all'eso­ne­ro di Bep­pe Ia­chi­ni e all'ar­ri­vo in pan­chi­na di Gi­gi Del Ne­ri. In­na­mo­ra­to de­gli ester­ni, l'al­le­na­to­re do­vrà pe­sca­re in un maz­zo che al mo­men­to non ha mol­te car­te al suo in­ter­no. Le fa­sce bian­co­ne­re non of­fro­no gran­di al­ter­na­ti­ve e pro­prio quan­do se ne sen­ti­va il bi­so­gno, ec­co il ri­tor­no del la­te­ra­le cre­sciu­to nell'in­ter e tar­tas­sa­to dal­la sfor­tu­na. Fa­rao­ni è qua­si pron­to: ha se­gna­to il suo pri­mo gol con la Pri­ma­ve­ra dell'udi­ne­se (al­la Pro Ver­cel­li) e sta ac­ce­le­ran­do sul­la via del re­cu­pe­ro. È la sua chan­ce: Del­ne­ri ci cre­de e lo ter­rà in se­ria con­si­de­ra­zio­ne. Co­sì l'udi­ne­se si ri­tro­ve­rà a di­spo­si­zio­ne un la­te­ra­le in più, per giun­ta ita­lia­no (co­sa che non gua­sta af­fat­to, di que­sti tem­pi). Il gio­ca­to­re cre­sciu­to nel­le gio­va­ni­li dell'in­ter (con i ne­raz­zur­ri, nel­la sta­gio­ne 2011-2012, ha esor­di­to an­che in Cham­pions Lea­gue) ha par­la­to negli scor­si gior­ni a Udi­ne­se Tv, rac­con­tan­do la sen­sa­zio­ne di es­se­re usci­to da un tun­nel: «Fi­nal­men­te do­po 5 me­si, tan­ti sa­cri­fi­ci e tan­ti al­le­na­men­ti so­no riu­sci­to a toc­ca­re il cam­po con i ra­gaz­zi - ha det­to - Sto ab­ba­stan­za be­ne, ho an­co­ra un po’ di fa­sti­di ma quel­li me li por­to avan­ti per­chè quel­lo al cro­cia­to è sem­pre un in­ter­ven­to de­li­ca­to. Ho al­cu­ni do­lo­ri do­po l'al­le­na­men­to e la par­ti­ta, ma ci stan­no. Io so­no con­ten­tis­si­mo an­che se la pri­ma ga­ra l'ho gio­ca­ta con la Pri­ma­ve­ra. En­tra­re in cam­po do­po 5 me­si è sem­pre emo­zio­nan­te». Co­sì, poi, sull'ar­ri­vo di Del­ne­ri: «Lo ve­do tran­quil­lo, se­re­no e cer­co di da­re il mas­si­mo per far­gli ca­pi­re che so­no rien­tra­to, che io ci so­no. Mi met­to a di­spo­si­zio­ne e spe­ro di rien­tra­re in for­ma il pri­ma pos­si­bi­le». In­fi­ne il mo­men­to del­la squa­dra: «Pen­so che quan­do fi­ni­sce un ci­clo e ne ini­zia un al­tro sia nor­ma­le ci sia­no dei pe­rio­di co­sì - ha con­clu­so - Di­spia­ce che il mi­ster sia an­da­to via, pen­so che la so­cie­tà ab­bia de­ci­so di da­re un se­gna­le».

CO­ME UN MAE­STRO Lui­gi Del­ne­ri dia­lo­ga con Pa­blo Ar­me­ro du­ran­te l’al­le­na­men­to

A DI­SPO­SI­ZIO­NE Da­vi­de Fa­rao­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.