Pi­ghin spie­ga la "ri­vo­lu­zio­ne" del Chions

Cal­cio, da una sal­vez­za su­da­ta al pri­ma­to. Il di­fen­so­re: «C’è più grup­po e la squa­dra è uni­ta»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

CHIONS - (ro.vi.) Dal sal­var­si all'ul­ti­ma gior­na­ta gra­zie al­le for­tu­no­se com­bi­na­zio­ni re­gio­na­li in D (Trie­sti­na e Mon­fal­co­ne ok) all’es­se­re pri­mi in Ec­cel­len­za do­po un me­se: la ri­cet­ta del cam­bia­men­to? «C'è mol­to più grup­po e la squa­dra è uni­ta». Ri­spon­de Mar­co Pi­ghin, 21 an­ni da 2 me­si (il 3 ago­sto). «Co­me qua­li­tà con­ti­nua il di­fen­so­re gial­lo­blù -, for­se l'an­no scor­so c'era qual­co­sa in più. Que­sta vol­ta ci so­no più gio­va­ni, ma i vec­chi ten­go­no uni­to il grup­po. I pri­mi 360’ lo han­no di­mo­stra­to. An­che con­fer­man­do, nel con­fron­to con gli av­ver­sa­ri, che sia­mo riu­sci­ti a mi­glio­ra­re».

Un al­tro pun­to di for­za del Chions 2016-17? «Il la­vo­ro del mi­ster, co­min­cia­to in cor­sa lo scor­so an­no os­ser­va -. Le­ni­sa è mol­to pro­fes­sio­na­le e cu­ra tut­ti gli aspet­ti: fin dal­la pre­pa­ra­zio­ne esti­va si è pre­sa una pie­ga di­ver­sa».

C'è un pun­to do­len­te? «La me­dia bas­sa d’età po­treb­be ri­ve­lar­si ta­le, per l'ine­spe­rien­za. Ma non pen­so sia una ve­ra de­bo­lez­za - pun­tuaa­liz­za -, piut­to­sto una no­stra ca­rat­te­ri­sti­ca. Po­treb­be di­ven­tar­lo il pen­sa­re di es­se­re for­ti e ma­ga­ri poi ca­la­re, per pre­sun­zio­ne. Co­mun­que so­no fiducioso che l'en­tu­sia­smo crea­to in que­ste set­ti­ma­ne sia di spro­ne a mi­glio­rar­ci e a vin­ce­re an­co­ra, sen­za ac­con­ten­tar­ci».

Pri­ma di Chions era al Por­de­no­ne, con cui esor­dì in pri­ma squa­dra nell'an­no in cui i ne­ro­ver­di spic­ca­ro­no il vo­lo dal­la D. È sbal­la­to as­so­cia­re in pro­spet­ti­va il Chions al­la Quar­ta se­rie? «È an­co­ra pre­ma­tu­ro - ga­ran­ti­sce -. Il no­stro obiet­ti­vo è fa­re i 40 pun­ti al più pre­sto per sal­var­si, poi pen­se­re­mo al re­sto».

L'obiet­ti­vo per­so­na­le di Mar­co Pi­ghin? «Mi tro­vo mol­to be­ne a Chions, do­ve la so­cie­tà è di­spo­ni­bi­le e met­te po­che pres­sio­ni, men­tre tut­to l'am­bien­te si di­mo­stra tran­quil­lo - con­clu­de -. Il mio obiet­ti­vo è gio­ca­re il più pos­si­bi­le, im­pa­ran­do dai com­pa­gni più esper­ti che ma­ga­ri ades­so scen­do­no in cam­po più di me. Se tut­ti riu­sci­re­mo a es­se­re con­ti­nui, ve­dre­mo do­ve si po­trà ar­ri­va­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.