Di "fe­no­me­ni" co­me Pel­lè pos­sia­mo fa­re a me­no

Il Gazzettino (Pordenone) - - Borsa Mercati - Al­do Mar­to­ra­no

Egre­gio di­ret­to­re,

ge­sto scia­gu­ra­to quel­lo di Gra­zia­no Pel­lè, nel­la par­ti­ta del­la Na­zio­na­le di cal­cio dell’al­tra se­ra va­li­da per la qua­li­fi­ca­zio­ne ai pros­si­mi cam­pio­na­ti mon­dia­li. L’at­tac­can­te az­zur­ro ha ri­fiu­ta­to la ma­no te­sa di Ven­tu­ra, do­po la so­sti­tu­zio­ne con Im­mo­bi­le, che pur si è ri­ve­la­ta vin­cen­te, per ot­te­ne­re il pa­reg­gio con­tro la for­tis­si­ma Spa­gna.

Ol­tre a man­ca­re di ri­guar­do ver­so il più an­zia­no al­le­na­to­re, egli si è ri­ve­la­to ar­ro­gan­te­men­te "igna­ro" del­le re­go­le, che esi­go­no l'as­so­lu­ta ob­be­dien­za ver­so chi è il ve­ro re­spon­sa­bi­le dell'an­da­men­to del­la ga­ra. Ciò che di­stur­ba, so­prat­tut­to, è che Pel­lè si sia già di­men­ti­ca­to l'al­tro suo ge­sto di po­chi me­si fa, su­per­fi­cia­le e in­fan­ti­le, ri­vol­to al por­tie­re del­la Ger­ma­nia, pri­ma di cal­cia­re, sba­glian­do­lo, il cal­cio di ri­go­re de­ci­si­vo, ai fi­ni dell'ac­ces­so al­la fi­na­le agli ul­ti­mi Eu­ro­pei. Er­ro­re che è co­sta­to non po­co in ter­mi­ni di de­lu­sio­ne per mi­lio­ni di Ita­lia­ni.

L'al­le­na­to­re Ven­tu­ra non do­vreb­be più con­vo­ca­re uno co­me Pel­lè in Na­zio­na­le. han­no ri­fiu­ta­to in una scuo­la uno stu­den­te per­ché di­sa­bi­le. Che mo­do di aper­tu­ra è que­sto? Tut­ti han­no di­rit­to ad ac­ce­de­re al­la scuo­la sen­za ca­de­re vit­ti­ma di un si­ste­ma che ha co­me com­pi­to quel­lo di met­te­re al mu­ro una per­so­na per­ché di­ver­sa­men­te abi­le e/o aven­te al­tre pro­ble­ma­ti­che. Mi au­gu­ro che in fu­tu­ro non ab­bia­no più a ri­pe­ter­si epi­so­di co­si ver­go­gno­si.

Igor Mo­ret­to

Ve­ne­zia Ca­ro let­to­re, er­ra­re è uma­no, per­ser­va­re è dia­bo­li­co. Gra­zia­no Pel­lè ap­par­tie­ne al­la ca­te­go­ria di que­gli in­con­sa­pe­vo­li pri­vi­le­gia­ti a cui il de­sti­no ha for­ni­to buo­ni pie­di e fi­si­co pre­stan­te. Pur­trop­po per lui ma­dre na­tu­ra non è sta­ta al­tret­tan­to ge­ne­ro­sa quan­to a umil­tà e ma­te­ria gri­gia: qua­li­tà di cui il cen­tra­van­ti az­zur­ro emi­gra­to in Cina, con tut­ta evi­den­za, di­fet­ta al­quan­to.

Be­nis­si­mo ha fat­to quin­di il com­mis­sa­rio tec­ni­co Ven­tu­ra, do- par­ten­do dal­le scuo­le per non far­si met­te­re i pie­di in te­sta da nes­su­no”. E in­vi­ta a di­re di NO al­le di­su­gua­glian­ze, al­la scuo­la-azien­da, all’al­ter­nan­za scuo­la-la­vo­ro vi­sta co­me sfrut­ta­men­to, al pre­si­de ma­na­ger, al­la ri­du­zio­ne de­gli spa­zi e ad un fu­tu­ro pre­ca­rio. Di­ver­se so­no le piaz­ze ita­lia­ne che han­no ac­col­to gli stu­den­ti, da To­ri­no a Mi­la­no, da Sie­na a Fi­ren­ze, da Na­po­li a Ca­ta­nia e mol­tis­si­me al­tre. An­che nel­la mia cit­tà (pic­co­la cit­tà) era sta­to pro­po­sto que­sto scio­pe­ro. Ma la pro­po­sta non ha avu­to gli ef­fet­ti spe­ra­ti. O me­glio: mol­ti stu­den­ti han­no col­to po­si­ti­va­men­te l’ini­zia­ti­va, im­pe­gnan­do­si per por­tar­la avan­ti. Ma un nu­me­ro al­tret­tan­to al­to di ra­gaz­zi non era d’ac­cor­do. E que­sto ci sta. Ognu­no è li­be­ro di far ciò che cre­de. Ma non è una va­li­da giu­sti­fi­ca­zio­ne di­re: “non scio­pe­ro per­ché non ser­ve a nien­te” (che è sta­ta la ri­spo­sta di mol­ti). Ri­ma­nen­do im­pas­si­bi­li, qua­si me­ne­fre­ghi­sti, ci fac­cia­mo sot­to­met­te­re dall’al­to, e quin­di poi non è le­ci­to la­men­tar­si di pro­ble­mi o di­sa­gi. Dob­bia­mo es­se­re noi pri­mi a cer­ca­re il di­bat­ti­to, a cer­ca­re il con­fron­to co­strut­ti­vo. A far sen­ti­re la no­stra vo­ce che gri­da al mon­do che ci sia­mo an­che noi. Poi sì che pos­sia­mo es­se­re i pri­mi a la­men­tar­ci quan­do qual­co­sa non va. Non met­ten­do­ci la fac­cia non ne ab­bia­mo il di­rit­to. Cre­do che scio­pe­ra­re sa­reb­be sta­ta una buo­na co­sa, in fon­do lo scio­pe­ro è un no­stro di­rit­to da stu­den­ti, è l’uni­co mo­do per far­ci sen­ti­re, e an­che in una pic­co­la cit­tà co­me Chiog­gia avreb­be fat­to la dif­fe­ren­za. La­vi­nia Ci­chel­la

Chiog­gia (Ve)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.