Tas­se sba­glia una vir­go­la, tar­tas­sa­to

Un agen­te di com­mer­cio com­met­te un ba­na­le er­ro­re nel­la di­chia­ra­zio­ne Ha ver­sa­to 100 mi­la eu­ro di Iva an­zi­chè mil­le. Ora l’agen­zia del­le En­tra­te gli re­sti­tui­rà la ci­fra

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Mar­co Agru­sti

Una di­men­ti­can­za co­sta­ta pa­rec­chio

La vi­cen­da sta­va su­sci­tan­do trop­po cla­mo­re, tan­to da pre­sta­re il fian­co a stru­men­ta­liz­za­zio­ni da par­te del fron­te an­ti-fi­sco e da riem­pi­re gli spa­zi del­la cro­na­ca na­zio­na­le. Co­sì, ie­ri po­me­rig­gio, l'agen­zia del­le En­tra­te ha de­ci­so di dar­ci un ta­glio, chia­ren­do la sua po­si­zio­ne nei con­fron­ti Lu­ca Schia­von, 52en­ne agen­te di com­mer­cio di Spilimbergo. È lui, in­fat­ti, il pro­ta­go­ni­sta di una sto­ria ai con­fi­ni del sur­rea­le, ma pur­trop­po ve­ris­si­ma. Tem­po fa, in­fat­ti, il pro­fes­sio­ni­sta ave­va com­pi­la­to il mo­du­lo F24 per pa­ga­re l'iva, ma for­se per di­stra­zio­ne ave­va di­men­ti­ca­to una vir­go­la tra le ci­fre che com­po­ne­va­no l'im­por­to da cor­ri­spon­de­re: co­sì, da 967,30 eu­ro si era tro­va­to a ver­sa­re nel­le cas­se del­lo Sta­to la bel­lez­za (si fa per di­re) di 96 mi­la e 730 eu­ro. Da quel mo­men­to è ini­zia­ta una cam­mi­na­ta sui car­bo­ni ar­den­ti del­la bu­ro­cra­zia, che per ri­me­dia­re all'er­ro­re di un istan­te chie­de l'im­pe­gno di me­si e me­si. Ie­ri po­me­rig­gio, pe­rò, è ar­ri­va­to l'in­ter­ven­to dell'agen­zia del­le En­tra­te re­gio­na­le. «In me­ri­to al­la vi­cen­da del si­gnor Schia­von - si leg­ge nel­la no­ta de­si­de­ria­mo pre­ci­sa­re che l'uf­fi­cio di Por­de­no­ne ha già con­tat­ta­to il con­tri­buen­te ed ef­fet­tua­to i con­trol­li sul­la sua po­si­zio­ne fi­sca­le. L'agen­zia re­sti­tui­rà al si­gnor Schia­von quan­to ha ver­sa­to er­ro­nea­men­te in più del do­vu­to, non ap­pe­na ri­ce­vu­to l'im­pe­gno del con­tri­buen­te a non uti­liz­za­re il cre­di­to. Il rim­bor­so di Co­sen­za (481) e, fa­na­li­no di co­da, Azien­da ospe­da­lie­ra pu­glie­se Ciac­cio di Ca­tan­za­ro (460). Com­ples­si­va­men­te, il Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia ne esce piut­to­sto be­ne con una me­dia ri­le­va­ta da gen­na­io ad ago­sto di que­st'an­no che si at­te­sta su 84 gior­ni (in Ve­ne­to è di 100 gior­ni), con uno sco­per­to di 44 mi­lio­ni 348 mi­la eu­ro, quin­di ben più al­ta ri­spet­to al da­to por­de­no­ne­se (71 gior­ni). «L'in­di­ca­to­re del­la tem­pe­sti­vi­tà dei pa­ga­men­ti (-13,98) mo­stra che me­dia­men­te Aas 5 pa­ga pri­ma del­la sca­den­za dei 30 do­vreb­be avvenire nel gi­ro di cir­ca 45 gior­ni». Fi­no ad al­lo­ra il pro­fes­sio­ni­sta spi­lim­ber­ghe­se non do­vrà toc­ca­re il suo con­to, ma po­trà ria­ve­re i suoi sol­di. «Nes­su­no si ter­rà i suoi sol­di. Mal che va­da com­pen­se­rà de­bi­ti e cre­di­ti fu­tu­ri» ave­va di­chia­ra­to in­ve­ce An­to­nio Cu­ci­not­ta, il di­ret­to­re dell'agen­zia di Por­de­no­ne. «Il si­ste­ma - ave­va pre­ci­sa­to - è stan­dar­diz­za­to e non pos­sia­mo es­se­re noi ad in­ter­pre­tar­lo». L'agen­zia del­le En­tra­te del­la De­stra Ta­glia­men­to era di­ven­ta­ta la se­con­da ca­sa di Schia­von. «Pa­go 4-5 mi­la eu­ro l'an­no di Iva - rac­con­ta og­gi il pro­fes­sio­ni­sta - e l'er­ro­re era evi­den­te. Ho ini­zia­to a spie­gar­lo all'uf­fi­cio rim­bor­si di Por­de­no­ne, che pe­rò ha ri­chie­sto del­le ga­ran­zie sot­to­for­ma di una fi­de­ius­sio­ne ban­ca­ria. L'ho fat­ta e mi era­no sta­ti ga­ran­ti­ti i miei sol­di en­tro un me­se. Suc­ces­si­va­men­te, in­ve­ce, è emer­sa la pos­si­bi­li­tà che il tut­to slit­tas­se ad una com­pen­sa­zio­ne nel­le pros­si­me di­chia­ra­zio­ni». Lu­ne­dì il pro­fes­sio­ni­sta spi­lim­ber­ghe­se sa­rà con­vo­ca­to nel­la se­de por­de­no­ne­se dell'agen­zia del­le En­tra­te per chiu­de­re la par­ti­ta. Nel­la spe­ran­za che non ser­va­no al­tri stril­li me­dia­ti­ci per ve­der si­ste­ma­to un ba­na­le er­ro­re. gior­ni - pun­tua­liz­za il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Gior­gio Si­mon - un'azien­da sa­ni­ta­ria è an­che un'im­por­tan­te real­tà eco­no­mi­ca e pro­dut­ti­va la tem­pe­sti­vi­tà del pa­ga­men­to del­le fat­tu­re è fon­da­men­ta­le per l'eco­no­mia so­prat­tut­to del­le pic­co­le im­pre­se. Que­sto gra­zie all'ot­ti­mo per­so­na­le am­mi­ni­stra­ti­vo che ab­bia­mo. Ciò di­mo­stra che la Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne può fun­zio­na­re e, se pa­ga pre­sto, può an­che ot­te­ne­re prez­zi mi­glio­ri e far ri­spar­mia­re i con­tri­buen­ti».

AZIEN­DA SA­NI­TA­RIA L’aas 5 è la quar­ta in Ita­lia per la ve­lo­ci­tà

nel pa­ga­men­to del­le fat­tu­re ai for­ni­to­ri de­gli ospe­da­li e del­le va­rie

strut­tu­re

IL CA­SO Agen­te di com­mer­cio de­ve pa­ga­re cir­ca 100 mi­la eu­ro di tas­se per un er­ro­re ma il fi­sco al­lo sta­to non in­ten­de ri­sar­cir­lo

L’ER­RO­RE Un pun­to al po­sto di una

vir­go­la: ora do­vrà pa­ga­re cir­ca 100 mi­la

eu­ro di Iva

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.