La­dro di Bad­gad da mil­le e una not­te

Per il film del 1924 con Fair­banks l’ac­com­pa­gna­men­to mu­si­ca­le dell’or­che­stra San Mar­co

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & spettacoli - Ni­co Nan­ni

Ec­co­ci ar­ri­va­ti al gran fi­na­le di que­sta 35. edi­zio­ne del­le Gior­na­te del Ci­ne­ma Mu­to. An­che se l'at­te­sa è tut­ta per l'even­to con­clu­si­vo di que­sta se­ra (ore 20,30) con "Il la­dro di Bag­dad" (1924) di Raoul Wal­sh con Dou­glas Fair­banks mai pro­po­sto al fe­sti­val dal­la sua fon­da­zio­ne, tut­ta­via an­che og­gi ci sa­ran­no pro­po­ste in­te­res­san­ti che per­cor­ro­no di­ver­se del­le se­zio­ni del pro­gram­ma di que­st'an­no. Tra gli al­tri (ore 17) "The Wo­man Di­spu­ted" (1928) per la se­zio­ne de­di­ca­ta al­lo sce­no­gra­fo Wil­liam Ca­me­ron Men­zies, che ri­tro­ve­re­mo an­che nel film che con­clu­de­rà in se­ra­ta il fe­sti­val. "Il la­dro di Bag­dad" è uno di quei film che Dou­glas Fair­banks, at­to­re ma an­che pro­dut­to­re, vo­le­va rea­liz­za­re a ogni co­sto e ov­via­men­te con se stes­so pro­ta­go­ni­sta. Fu il co­stu­mi­sta Mit­chell Lei­sen a con­vin­ce­re l’at­to­re (che ri­sul­ta an­che au­to­re del sog­get­to trat­to da Le mil­le e una not­te) a pren­de­re Men­zies per le sce­ne: da­van­ti al­la ri­lut­tan­za dell'at­to­re-pro­dut­to­re, Men­zies fe­ce dei di­se­gni di pro­va. Fair­banks non si tro­vò da­van­ti a del­le pro­ve a car­bon­ci­no, ben­sì a ve­re e pro­prie il­lu­stra­zio­ni co­me per un li­bro di fia­be, con Bag­dad raf­fi­gu­ra­ta a in­chio­stro e vi­vi­di ac­qua­rel­li e con al cen­tro la fi­gu­ra mu­sco­lo­sa del per­so­nag­gio. Fair­banks ne fu con­qui­sta­to e Men­zies si tro­vò a di­ri­ge­re una squa­dra di ot­to ar­ti­sti per la rea­liz­za­zio­ne del­le sce­ne. Un pri­mo mo­ti­vo del suc­ces­so del film è do­vu­to quin­di all'ope­ra di Men­zies (che nel­la sua car­rie­ra avreb­be vin­to ben due Oscar, uno dei qua­li per "Via col ven­to" e la cui fa­ma, se­con­do Ja­mes Cur­tis, è le­ga­ta pro­prio a Il la­dro di Bag­dad). Si­cu­ra­men­te pe­sò an­che l'in­ter­pre­ta­zio­ne di Fair­banks. Una gran­de at­trat­ti­va il film ave­va sui bam­bi­ni: Or­son Wel­les ri­cor­da­va di aver­lo vi­sto a 9 an­ni e di non aver­lo mai di­men­ti­ca­to, in­can­ta­to dal gi­gan­te­sco ge­nio del­la lam­pa­da, tap­pe­ti vo­lan­ti, man­tel­li dell’in­vi­si­bi­li­tà, co­fa­net­ti che rea­liz­za­no i de­si­de­ri. Al­tro im­por­tan­te ele­men­to del suc­ces­so fu la mu­si­ca com­po­sta da Mor­ti­mer Wil­son, un mu­si­ci­sta di so­li­da pre­pa­ra­zio­ne clas­si­ca, a un cer­to pun­to at­trat­to dal­la "nuo­va ar­te" e in­gag­gia­to da Fair­banks che vo­le­va «una par­ti­tu­ra il più pos­si­bi­le ar­ti­sti­ca e non sen­tir­ti in do­ve­re di sal­ta­re co­me una scim­mia da un'at­mo­sfe­ra mu­si­ca­le all'al­tra tra­scu­ran­do lo svi­lup­po del­le tue idee mu­si­ca­li». La par­ti­tu­ra ori­gi­na­le ora è sta­ta ar­ran­gia­ta e sin­cro­niz­za­ta da Mark Fi­tz-ge­rald, che que­sta se­ra la di­ri­ge­rà a ca­po dell'or­che­stra San Mar­co di Por­de­no­ne. La co­pia del film è fre­sca di re­stau­ro (ese­gui­to da Pho­to­play) con l'ag­giun­ta di ma­te­ria­le con­ser­va­to Dal BFI Na­tio­nal Ar­chi­ve di Lon­dra. L'even­to sa­rà re­pli­ca­to do­ma­ni al­le ore 16. Da no­ta­re che la schia­va spia del prin­ci­pe mon­go­lo, era in­ter­pre­ta­ta dall'al­lo­ra se­di­cen­ne An­na May Wong, che in se­gui­to ve­stì i pan­ni del­la com­pa­gna di Mar­le­ne Die­tri­ch in Shan­ghai Ex­press.

AL­LE ORE 15 Nel pro­gram­ma per ra­gaz­zi a Ci­ne­ma­ze­ro sa­rà pro­iet­ta­to an­che Afri­ca Be­fo­re Dark del 1928 con il co­ni­glio Oswald

IL LA­DRO DI BAG­DAD Dou­glas Fair­banks in sce­na con An­na May Wong

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.