Film del­le ori­gi­ni, spec­chio epo­ca­le

Re­sta­no ne­gli oc­chi il fa­sci­no del­la Gar­bo e al­tri ca­po­la­vo­ri

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - Ni­co Nan­ni

Cer­to, quel­le che ri­man­go­no ne­gli oc­chi e nel­la men­te, so­no le im­ma­gi­ni dei gran­di ca­po­la­vo­ri vi­sti al­le Gior­na­te: quel ma­gi­co pro­fi­lo del­la Gar­bo, se­du­ta sul pal­co dell'ope­ra ne "La don­na mi­ste­rio­sa"; le per­for­man­ce atle­ti­che di Fair­banks vi­ste ie­ri se­ra; o il bel­lis­si­mo "Mon­te Cri­sto", che no­no­stan­te le quat­tro ore non ha un mo­men­to di stan­chez­za; an­che i ra­gaz­zi del­le no­stre scuo­le me­die, che ac­com­pa­gna­no le co­mi­che di Bu­ster Kea­ton, ri­man­go­no nel cuo­re. Tut­ta­via le Gior­na­te non so­no sta­te so­lo que­sto. Ov­via­men­te, da­ta la va­sti­tà del pro­gram­ma, non è pos­si­bi­le ve­de­re tut­to, ma sal­ta­bec­can­do di qua e di là si so­no col­ti i mo­ti­vi di in­te­res­se di ogni se­zio­ne.

Va da sè che tut­ti i film del­le ori­gi­ni - spes­so del­le ri­sco­per­te - so­no in­te­res­san­ti: ma­ga­ri po­chi se­con­di o mi­nu­ti di im­ma­gi­ni, che pe­rò ti di­co­no com'era la vi­ta a fi­ne ’800 o ini­zi ’900; le im­ma­gi­ni di Ve­ne­zia, poi, han­no mo­stra­to una cit­tà pie­na di ve­ne­zia­ni, non cer­to de­gli sbra­ca­ti tu­ri­sti di og­gi. Le Sin­fo­nie del­la cit­tà han­no per­mes­so di en­tra­re in pro­fon­di­tà in di­ver­se ca­pi­ta­li e cit­tà, a ini­zia­re dal bel­lis­si­mo film di Jean Vi­go su Niz­za. Dal­la Po­lo­nia so­no giun­ti film e ci­ne­gior­na­li per lo più sco­no­sciu­ti e, quin­di, di gran­de in­te­res­se. Sin­go­la­re poi il ca­so di Who’s Guil­ty?, uno dei pri­mi esem­pi di "se­rie", ric­co di spun­ti so­cia­li. Il Ca­no­ne ri­vi­si­ta­to ogni an­no met­te in pro­gram­ma film fa­mo­si o me­no fa­mo­si, che or­mai fan­no par­te del "ca­no­ne" ci­ne­ma­to­gra­fi­co: ope­re re­stau­ra­te di gran­di re­gi­sti (Stil­ler, Pab­st, Re­noir: a pro­po­si­to di que­st'ul­ti­mo va ri­cor­da­to il con­fron­to tra la sua "Na­nà" e quel­la dell'ita­lia­no De Ri­so, di die­ci an­ni pri­ma), che a ogni vi­sio­ne of­fro­no nuo­vi spun­ti di ri­fles­sio­ne. Un di­scor­so a par­te me­ri­ta la se­zio­ne sul­lo sce­no­gra­fo Wil­liam Ca­me­ron Men­zies: au­to­re di gran­di ope­re (sue le sce­ne de Il la­dro di Bag­dad). Più vol­te pre­mio Oscar, Men­zies ha crea­to uno sti­le as­so­lu­ta­men­te nuo­vo nel­la sce­no­gra­fia e, in ogni film in pro­gram­ma, si è vi­sta la sua ci­fra. Lo sce­no­gra­fo fu at­ti­vo an­che nel so­no­ro e, fra i suoi film, c'è an­che Via col ven­to.

L’AT­TE­SA Ap­pas­sio­na­ti pa­zien­te­men­te in co­da da­van­ti al Tea­tro Ver­di per as­si­ste­re al­le pro­ie­zio­ni del Fe­sti­val del Ci­ne­ma

Mu­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.