«Il fe­sti­val non è una nic­chia Nel fu­tu­ro i we­stern eu­ro­pei»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - ni.na.

POR­DE­NO­NE - Li­vio Ja­cob e Jay Weis­sberg, pre­si­den­te e di­ret­to­re del­le Gior­na­te del Ci­ne­ma Mu­to, a con­clu­sio­ne del fe­sti­val ri­ba­di­sco­no la lo­ro con­vin­zio­ne: «Le Gior­na­te non so­no di nic­chia, tan­to­me­no chiu­se in se stes­se». Weis­sberg è con­vin­to che «le Gior­na­te so­no in­te­res­san­ti e di­ver­ten­ti, co­me ogni al­tro fe­sti­val. Del re­sto, ac­can­to al­lo zoc­co­lo du­ro de­gli "ad­det­ti ai la­vo­ri", che da an­ni ci se­guo­no da tut­to il mon­do, di­ven­ta­no sem­pre più nu­me­ro­si il pub­bli­co lo­ca­le e i gio­va­ni che fre­quen­ta­no il fe­sti­val». Gli fa eco Ja­cob: «La ri­pro­va del­la no­stra aper­tu­ra si ha nel fat­to che, le Gior­na­te, ol­tre che a Por­de­no­ne, que­st'an­no han­no fat­to tap­pa an­che a Udi­ne e a Sacile. E poi so­no sem­pre più nu­me­ro­si i mu­si­ci­sti lo­ca­li che af­fian­ca­no quel­li in­ter­na­zio­na­li nell'ac­com­pa­gna­men­to dei film. Per la pri­ma vol­ta c'è sta­ta la pre­sen­za di un en­sem­ble del Conservatorio di Trie­ste. Do­po di­ver­si an­ni han­no pre­sen­zia­to al­le Gior­na­te le de­le­ga­zio­ni di tut­te le ci­ne­te­che ita­lia­ne del­la Fiaf ed è sta­to pre­sen­ta­to il nuo­vo por­ta­le sul ci­ne­ma mu­to ita­lia­no, che rac­co­glie­rà i da­ti re­la­ti­vi a tut­to quan­to è so­prav­vis­su­to. Po­trà par­ti­re a fi­ne an­no». Per quan­to ri­guar­da il bi­lan­cio ar­ti­sti­co, pre­si­den­te e di­ret­to­re con­cor­da­no: «È sta­to un pro­gram­ma di gran­de in­te­res­se, al cui in­ter­no ognu­no può, ov­via­men­te, aver tro­va­to ciò che più gli pia­ce­va. Del re­sto, la pre­sen­za mas­sic­cia nel­la sa­la, è la di­mo­stra­zio­ne del­la par­te­ci­pa­zio­ne con cui so­no se­gui­te le pro­po­ste del­le Gior­na­te». «Pec­ca­to so­lo - ag­giun­ge Jay - che un di­ret­to­re non ab­bia mol­to tem­po per ve­de­re i film».

«Per quan­to ri­guar­da il 2017 - con­clu­de il di­ret­to­re - le idee so­no tan­te e le pos­si­bi­li­tà pu­re. Ora si trat­te­rà di tra­dur­le nel­la pra­ti­ca, ov­ve­ro nel re­pe­ri­men­to del­le pel­li­co­le. Cre­do ci sa­rà una se­zio­ne sul ci­ne­ma giap­po­ne­se, che ci sa­ran­no più film ita­lia­ni e di cer­to con­ti­nue­rà la de­di­ca a Lu­ca Co­me­rio; pro­ba­bil­men­te ci sa­rà una ter­za pun­ta­ta de­di­ca­ta ai we­stern, ma que­sta vol­ta eu­ro­pei. Io poi au­men­te­rei il nu­me­ro di ci­ne­gior­na­li, ma­ga­ri le­gan­do­li al­le al­tre se­zio­ni, per ave­re un'idea del­la real­tà in quei Pae­si o pe­rio­di».

SOD­DI­SFAT­TI Gior­na­te del Mu­to 2016: il pre­si­den­te Li­vio Ja­cob e il di­ret­to­re Jay Weis­sberg fo­to­gra­fa­ti da Pao­lo Ja­cob

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.