Cen­taz­zo ren­de omag­gio al­la ve­ne­ta Pal­ma la Nuo­va

In una nuo­va mo­stra si ani­ma la ri­sco­per­ta del le­ga­me sto­ri­co om­be­li­ca­le fra Friu­li e Se­re­nis­si­ma at­tra­ver­so le te­le del mae­stro friu­la­no e i ver­si in­de­le­bi­li di pa­dre Tu­rol­do

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - VITO SUT­TO

Omag­gio al­la ve­ne­zia­ni­tà del­la cit­tà for­tez­za, un tem­po cen­tro ne­vral­gi­co per quel­le guer­re sem­pre pos­si­bi­li, sem­pre die­tro l'an­go­lo, si trat­tas­se del Con­te di Go­ri­zia fi­loa­sbur­gi­co o dei tur­chi. Og­gi cit­tà del­la pace e dell'ar­te, can­di­da­ta a pa­tri­mo­nio dell'une­sco. Omag­gio all'ar­te pre­ci­sa scien­ti­fi­ca dell'ar­chi­tet­to Sca­moz­zi, ri­chia­mi al­la dol­ce Ve­ne­zia, più vol­te ce­le­bra­ta da Cen­taz­zo nel­la sua pit­tu­ra pae­sag­gi­sti­ca. Ve­ne­zia, la ve­ra ca­pi­ta­le del Friu­li per Gio­van­ni Cen­taz­zo. Ve­ne­zia, l'ul­ti­ma ora del­la gior­na­ta av­vol­ge in un fi­lo di lu­ce la cit­tà. E il pit­to­re è li con il pen­sie­ro. Ve­ne­zia la ca­pi­ta­le, dal 1420 al 1796 la Se­re­nis­si­ma Re­pub­bli­ca ab­brac­ciò il Friu­li. Mo­nu­men­ti, ca­se e chie­se, spa­zi ur­ba­ni, tut­to par­la di Ve­ne­zia in Friu­li. La Re­gio­ne Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia è re­cen­te, una crea­zio­ne del 1964, un or­ga­no po­li­ti­co. La sua ca­pi­ta­le Trie­ste fu au­stria­ca dal lon­ta­no 1300 fi­no al­la Pri­ma Guer­ra mon­dia­le. Trie­ste è il ca­po­luo­go di que­sta no­stra re­gio­ne, nel­la qua­le Cen­taz­zo vi­ve e ope­ra, ma Ve­ne­zia è un po' ma­ter et ma­gi­stra, la ve­ra con­ti­nui­tà con Aqui­leia ro­ma­na. Sen­za no­stal­gie e sen­za ri­ven­di­ca­zio­ni po­li­ti­che, è so­lo un quid cul­tu­ra­le, una ri­ve­la­zio­ne, for­se una ri­sco­per­ta, so­prat­tut­to in que­sto 2016 in cui si ri­chia­ma spes­so la me­mo­ria del 1866, quan­do tut­ta la ter­ra ve­ne­ta e friu­la­na, tut­ta Ve­ne­zia, in sen­so la­to, pas­sò all'ita­lia. Poi Ve­ne­zia è ter­ra di pit­to­ri, an­ti­chi e re­cen­ti, ter­ra dei Guar­di e di Ca­na­let­to e poi di mol­ti Nuo­va mo­stra del mae­stro friu­la­no Gio­van­ni Cen­taz­zo: l’espo­si­zio­ne sa­rà ospi­ta­ta nel­la Log­gia del­la Gran Guar­dia di Pal­ma­no­va a cu­ra del Co­mu­ne da sa­ba­to pros­si­mo fi­no al 30 ot­to­bre e sa­rà in­ti­to­la­ta "Lu­ce, se­gno e co­lo­re". Ora­ri: ve­ner­dì dal­le 15 al­le 19, sa­ba­to e do­me­ni­ca dal­le 10.30 al­le 12.30 e dal­le 15 al­le 19.

Ec­co un ver­so di Tu­rol­do al qua­le il pit­to­re si ri­chia­ma: «Al­la por­ta dell'in­can­ta­to giar­di­no». E al­lo­ra Cen­taz­zo di­pin­ge, rac­con­ta, si sof­fer­ma sull'uscio, in una sor­ta di me­ta­fo­ra esi­sten­zia­le, dal­la por­ta si en­tra ma an­che si esce, nel­la vi­ta si puo' en­tra­re ma è ob­bli­ga­to­rio pen­sa­re an­che all'usci­ta, in­do­ma­bi­le, de­fi­ni­ti­va. Un al­tro ver­so, un'al­tra de­di­ca: cor­ren­ti. «Sen­za ri­tor­no», scri­ve il poe­ta, ma il pit­to­re ten­ta il por­to. E si ras­se­re­na se tro­va so­la­men­te «ri­cor­di di al­ba az­zur­ra», me­mo­rie di un pas­sa­to che re­sti­tui­sce... fe­li­ci­tà for­se no, ma al­me­no se­re­ni­tà. La quin­ta sal­mo­dia, il quin­to qua­dro ci ri­man­da ad un al­tro ver­so tu­rol­dia­no: «Un'uni­ca rag­gie­ra di lu­ce», per­ché la pit­tu­ra è lu­ce e nel­la sua uni­ci­tà mol­te­pli­ce ci in­vi­ta al­la se­re­na con­tem­pla­zio­ne di tut­te le par­ti­cel­le lu­mi­no­se che la com­pon­go­no, di tut­ti i fram­men­ti cro­ma­ti­ci che ri­ve­la­no quell'in­so­ste­ni­bi­le se­gre­to dei co­lo­ri, sia­no es­si sor­ti nel­la na­tu­ra, sia­no es­si ri­ve­la­ti dal­la ta­vo­loz­za. Dun­que in que­sta mo­stra si co­niu­ga­no due ele­men­ti, l'omag­gio a Pal­ma La Nuo­va ve­ne­zia­na e il ri­chia­mo al poe­ta con­ta­di­no Da­vid Tu­rol­do, Cen­taz­zo an­co­ra una vol­ta sa en­tra­re nel cuo­re del Friu­li per quel­la por­ta che con­du­ce all'in­can­ta­to giar­di­no del­le me­mo­rie sto­ri­che che ri­ve­la­no il pas­sa­to più no­bi­le e ar­ti­sti­co, ma quel­lo al­tret­tan­to no­bi­le del mon­do del la­vo­ro nei cam­pi, del­la na­tu­ra che im­pe­ra, ve­ra so­vra­na del­la vi­ta e del suo mi­ste­rio­so tra­sfor­mar­si, nel­le sta­gio­ni, nei mo­men­ti del­la gior­na­ta che de­cli­na­no la lu­ce qua­si vo­len­do no­bi­li­ta­re i pit­to­ri che la vo­glio­no cer­ca­re. Una na­tu­ra che met­te il pun­to escla­ma­ti­vo tra i sas­si del Ta­glia­men­to e nell'in­fuo­ca­to tra­mon­to in La­gu­na, tra gli al­be­ri che cir­con­da­no il Li­ven­za ma an­che tra le roc­ce del Na­ti­so­ne. E il pit­to­re Cen­taz­zo è là, te­sti­mo­ne di quei tem­pi e di quei luo­ghi. In al­to da si­ni­stra: "Ne­vi­ca­ta nel fag­ge­to" e "Pra­ti ver­di del­le mal­ghe". A si­ni­stra del ti­to­lo: ri­trat­to dell’au­to­re Gio­van­ni Cen­taz­zo. Qui sot­to: "Bo­sco di ca­sta­gni". In bas­so: "Tra­mon­to sui Ma­gre­di".

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.