«Il pit­to­re è là fra i sas­si del Ta­glia­men­to e i tra­mon­ti in­fuo­ca­ti del­la La­gu­na»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli -

ar­ti­sti dell'ot­to­cen­to e no­ve­cen­to. Ma se dal pun­to di vi­sta del­la me­mo­ria sto­ri­ca que­sta mo­stra è ce­le­bra­ti­va, sul ver­san­te del­la ci­vil­tà con­ta­di­na che il Friu­li ha sa­pu­to espri­me­re per se­co­li, que­sta ras­se­gna vi­ve an­che nel ri­cor­do del gran­de poe­ta con­ta­di­no del Friu­li più po­ve­ro: Da­vid Ma­ria Tu­rol­do, na­to pro­prio cent’an­ni fa a po­chi chi­lo­me­tri da qui, a Se­de­glia­no, vo­ce li­ri­ca di una sem­pli­ci­tà di­sar­man­te, co­me il "suo pit­to­re", Gio­van­ni Cen­taz­zo, friu­la­no an­ch'egli, na­to tra i sas­si del Ta­glia­men­to co­me Tu­rol­do. E a Tu­rol­do Cen­taz­zo la­scia una de­di­ca tut­ta spe­cia­le, al­cu­ni qua­dri che ri­chia­ma­no al­cu­ne sue li­ri­che. Cinque in par­ti­co­la­re tra il flui­di­fi­ca­re dei co­lo­ri e dei se­gni on­deg­gian­ti, co­me mos­si da un pe­ren­ne ven­to che at­tra­ver­sa le co­se (una del­le ca­rat­te­ri­sti­che del­la poesia-pit­tu­ra di Cen­taz­zo). «For­se ra­mi in­con­sci di­vel­ti dall'al­be­ro». E al­lo­ra ec­co l'og­get­to che si fa sog­get­to, il ra­mo che di­ven­ta qua­si per­so­na, con la sua in­con­sa­pe­vo­lez­za di es­se­re di­vel­to, ta­glia­to, co­me un emi­gran­te. Il pen­sie­ro va a Tu­rol­do emi­gran­te nel­la cul­tu­ra, ma an­che a sè, Cen­taz­zo che si ve­de emi­gra­re in un mon­do pit­to­ri­co che non gli ap­par­tie­ne più, for­se trop­pa spe­ri­men­ta­zio­ne ar­ti­sti­ca, for­se non ha più pa­tria il fi­gu­ra­ti­vo. E al­lo­ra ec­co che co­me Tu­rol­do Cen­taz­zo può dir­si «un nau­ta che ha i re­mi spezzati». Che fa­re di una bar­ca sen­za re­mi, se non es­se­re con­dan­na­ti ad una de­ri­va tra­gi­ca. Ma il pit­to­re non si ar­ren­de e com­bat­te le av­ver­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.