Va­jont, co­struì la di­ga che uc­ci­se i suoi ge­ni­to­ri

«Mam­ma e pa­pà so­no mor­ti tra­vol­ti dall’ac­qua: non han­no vo­lu­to la­scia­re la lo­ro ca­sa»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Lo­ren­zo Pa­do­van

Tre an­ni fa, in oc­ca­sio­ne del cin­quan­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio, sa­lì in pae­se l'al­lo­ra pre­si­den­te del Con­si­glio, En­ri­co Let­ta. Og­gi, in­ve­ce, il di­sa­stro del Va­jont è tor­na­to in quel lim­bo in cui gia­ce quan­do non ci so­no ri­cor­ren­ze da nu­me­ri pie­ni, co­me nel 2003, quan­do giun­se il com­pian­to pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Car­lo Azeglio Ciampi. Se le isti­tu­zio­ni la­ti­ta­no, da qual­che set­ti­ma­na, per cu­sto­di­re il ri­cor­do di quel­la tra­ge­dia, ma an­che per ri­lan­cia­re la pro­mo­zio­ne di un ri­spet­to­so tu­ri­smo del­la me­mo­ria e di una val­la­ta dal­le bel­lez­ze con­tur­ban­ti, c'è un por­ta­le, er­toe­cas­so.it, vo­lu­to e rea­liz­za­to dal­lo scrit­to­re e de­si­gner lo­ca­le Mat­teo Co­ro­na. Per ram­men­ta­re qua­le fu la por­ta­ta del dram­ma il si­to ha pub­bli­ca­to la com­mo­ven­te te­sti­mo­nian­za di Giu­lia­no De Lo­ren­zi, 82 an­ni, che la­vo­rò al­la rea­liz­za­zio­ne del­la fa­mi­ge­ra­ta di­ga. «Ho co­strui­to con le mie ma­ni la mor­te dei miei ge­ni­to­ri e non li ho sal­va­ti so­no le toc­can­ti pa­ro­le che il por­ta­le ha ri­lan­cia­to -. Ri­cor­do che la se­ra pri­ma del­la not­te del di­sa­stro era­no nel­la ca­sa sul la­go, fra quel­le ri­spar­mia­te da­gli espro­pri, per­ché edi­fi­ca­te so­pra il li­vel­lo di mas­si­mo in­va­so. Io, in­ve­ce, mi tro­va­vo a To­ri­no, per­ché nel frat­tem­po ero an­da­to al­la Fiat do­po aver la­vo­ra­to al can­tie­re del­la di­ga per an­ni. Mia mo­glie abi­ta­va a Cas­so - pro­se­gue l'an­zia­no -, in una ca­sa che è sta­ta ri­spar­mia­ta dall'on­da­ta as­sas­si­na. Lei e mia suo­ce­ra an­da­ro­no dai miei ge­ni­to­ri chie­den­do­gli di an­da­re su da lo­ro. In pae­se, a Er­to e in tut­te le fra­zio­ni, la gen­te sa­pe­va or­mai del­la fra­na in mo­vi­men­to e che at­tor­no al la­go era pe­ri­co­lo­so. I miei ge­ni­to­ri ri­spo­se­ro che "no, non sa­reb­be­ro sa­li­ti". Dis­se­ro che la lo­ro ca­sa era quel­la lì e che non se ne sa­reb­be­ro mai an­da­ti. Era gen­te or­go­glio­sa, for­te di ca­rat­te­re e co­rag­gio­sa. Nes­su­no im­ma­gi­na­va la por­ta­ta del di­sa­stro del Va­jont. Nes­su­no. D'al­tra par­te, co­me avreb­be­ro po­tu­to? Do­po quel­la not­te, non li ho più ri­vi­sti». Per ri­cor­da­re un dram­ma che fe­ce due­mi­la mor­ti, og­gi, an­ni­ver­sa­rio del­la tra­ge­dia, so­no in pro­gram­ma nu­me­ro­se ce­ri­mo­nie re­li­gio­se e ci­vi­li: di mat­ti­na nel­le va­rie chie­se dei pae­si col­pi­ti, dal­le 15 al ci­mi­te­ro mo­nu­men­ta­le di For­to­gna, sta­se­ra con la Luc­cio­la­ta per la Via di Na­ta­le che ar­ri­ve­rà nel­la zo­na del­la di­ga at­tor­no al­le 22.30, per ri­cor­da­re quell'at­ti­mo che cam­biò per sem­pre la vi­ta dell'al­ta Val­cel­li­na. An­che con­si­de­ra­ta la ri­cor­ren­za in una gior­na­ta fe­sti­va, un ap­pel­lo al­la vi­si­ta di Er­to e Cas­so è sta­to lan­cia­to an­che da Mau­ro Co­ro­na: «Por­ta­te i vo­stri fi­gli a ve­de­re la fra­na e la di­ga, per non di­men­ti­ca­re».

VA­JONT Un pas­sag­gio sul­la di­ga

LA TE­STI­MO­NIAN­ZA Nel­la fo­to so­pra Giu­lia­no De Lo­ren­zi (dal si­to www.er­toe­cas­so.it) che con­tri­buì a co­strui­re la di­ga che la not­te del di­sa­stro fu la cau­sa del­la

mor­te dei suoi ge­ni­to­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.