At­ten­zio­ne al li­scio ro­ma­gno­lo

Il Gazzettino (Pordenone) - - Ogni Sport - DI RO­BER­TO VICENZOTTO

Ga­ra di li­scio al Bot­tec­chia. Non è che lo sta­dio ve­lo­dro­mo cit­ta­di­no cam­bi de­sti­na­zio­ne. È che il pros­si­mo im­pe­gno in­ter­no del Por­de­no­ne, sa­ba­to al­le 18.30, as­su­me i con­tor­ni di una ve­ri­fi­ca ri­schio­sa. Pri­ma di tut­to spor­ti­va­men­te, do­po lo sci­vo­lo­ne a Bas­sa­no del Grappa. Con­tro una «be­stia ne­ra» quan­to si vuo­le, ma cer­to il pri­mo stop lon­ta­no da ca­sa un se­gno lo la­scia. In­ter­na­men­te era ca­pi­ta­to con il Par­ma, do­po il qua­le era ar­ri­va­ta la pron­ta riscossa a Macerata. Tor­nan­do sul pro­prio cam­po dal­la scon­fit­ta con i gial­lo­ros­si, i ra­mar­ri avran­no di fron­te il San­tar­can­ge­lo di Ro­ma­gna. Che non è l'or­che­stra Ca­sa­dei, ma rap­pre­sen­ta il ri­schio di bal­la­re an­co­ra. Che non è quel che si vuo­le e si at­ten­de da una squa­dra di cal­cio. Non se­con­da­rio, co­mun­que, sa­rà ve­de­re quan­to li­scia an­drà la pre­ven­di­ta, co­me pu­re lo sbi­gliet­ta­men­to pre-ga­ra, a com­ple­ta­men­to dei po­sti di­spo­ni­bi­li. Il re­cord con il Ve­ne­zia non de­ve ri­ma­ne­re un uni­cum. Ci so­no i de­trat­to­ri im­pe­gna­ti a di­re che le nuo­ve tri­bu­net­te sa­ran­no riem­pi­te for­se al­tre tre vol­te in un cam­pio­na­to. Non sia l'estra­nei­tà dell'av­ver­sa­rio, sen­za il bla­so­ne, la sto­ria o la ri­va­li­tà con­so­li­da­ta di al­tri ca­si, a far tor­na­re nu­me­ri «nor­ma­li», quan­to in­sod­di­sfa­cen­ti. At­ten­zio­ne: ci so­no so­la­men­te tre pun­ti di di­stac­co fra por­de­no­ne­si e ro­ma­gno­li. La ma­te­ma­ti­ca non è un'opi­nio­ne, fle­bi­le co­me un se­gna­le, ma ri­suo­na l'al­lar­me ag­gan­cio. La ga­ra del li­scio è aper­ta den­tro e fuo­ri dal cam­po.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.