«Mio fi­glio non ha uc­ci­so nes­su­no»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

UDI­NE - (c.a.) «Chiun­que co­no­sce Gio­suè sa che non è sta­to lui». Al­fon­so Ruo­to­lo par­la guar­dan­do il fi­glio al­lon­ta­nar­si dall’au­la scor­ta­to dal­le guar­die pe­ni­ten­zia­rie. Non ha po­tu­to scam­bia­re pa­ro­le. Il lo­ro è sta­to un dia­lo­go fat­to di sguar­di, sor­ri­si, un cen­no con la te­sta, una ma­no che sa­lu­ta ol­tre una bar­rie­ra di se­die. Il pa­dre di Gio­suè Ruo­to­lo e il fra­tel­lo Gio­van­ni so­no ar­ri­va­ti da Som­ma Ve­su­via­na per non far­gli man­ca­re il so­ste­gno del­la fa­mi­glia al pro­ces­so. So­no ri­ma­sti in di­spar­te, in si­len­zio, cer­can­do di non far­si ri­co­no­sce­re men­tre ve­ni­va­no schie­ra­te te­le­ca­me­re e mac­chi­ne fo­to­gra­fie. Ma ogni vol­ta che la Cor­te si ri­ti­ra­va, ec­co­li av­vi­ci­nar­si al ban­co del­la di­fe­sa per far ca­pi­re a Gio­suè, men­tre lo por­ta­va­no via, che lo­ro c’era­no e ci sa­ran­no an­che al­le pros­si­me udien­ze.

Al­fon­so Ruo­to­lo, che ogni 15 gior­ni va a tro­va­re il fi­glio nel car­ce­re di Belluno (6 ore ore di col­lo­quio al me­se), non vor­reb­be par­la­re con i gior­na­li­sti. «Le no­ti­zie ven­go­no stra­vol­te e poi in­te­res­sa so­lo il col­pe­vo­le - af­fer­ma La te­le­vi­sio­ne è sem­pre con­cen­tra­ta sul fat­to che era una cop­pia diabolica. Ma Gio­suè se si fa pre­lie­vo di san­gue svie­ne, co­me può es­se­re sta­to lui? Que­sta per noi è una co­sa fuo­ri dall'or­di­na­rio». E la li­te nel par­cheg­gio? «Que­sta li­te pre­sun­ta che lo­ro di­co­no che ha fat­to, ma chi l'ha vi­sta?». Gio­suè non ha mai par­la­to di pro­ble­mi con Tri­fo­ne. «Mai, mai - con­fer­ma il pa­dre - Io con­fi­do nel­la giu­sti­zia. Sia­mo se­re­ni, lui non ha fat­to nien­te con­fi­do nell'as­so­lu­zio­ne».

IN AU­LA Gio­van­ni Ruo­to­lo e il pa­dre Al­fon­so Ruo­to­lo tra il

pub­bli­co pre­sen­te al pro­ces­so in Cor­te d’as­si­se a

Udi­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.