Ses­so non pro­tet­to tra gio­va­ni ed è re­cord di ma­lat­tie ve­ne­ree

In pro­vin­cia la fa­scia mag­gior­men­te col­pi­ta è quel­la dei gio­va­ni dai 15 a 25 an­ni Lo spe­cia­li­sta: «So­no sem­pre me­no quel­li che si pro­teg­go­no du­ran­te un rap­por­to»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina -

Non so­lo Hiv ed epa­ti­te. Ma an­che si­fi­li­de, her­pes ge­ni­ta­le, cla­mi­dia e pa­pil­lo­ma vi­rus. Au­men­ta­no, nel­la De­stra Ta­glia­men­to i ca­si di in­fe­zio­ne da ma­lat­tie ses­sual­men­te tra­smis­si­bi­li. La con­fer­ma ar­ri­va da Mas­si­mo Cra­pis che, do­po aver a lun­go la­vo­ra­to per con­to dell'azien­da sa­ni­ta­ria di Udi­ne, dal­lo scor­so lu­glio di­ri­ge all'ospe­da­le di Por­de­no­ne la fun­zio­ne del ser­vi­zio di ma­lat­tie in­fet­ti­ve. Nu­me­ri det­ta­glia­ti al mo­men­to non ce ne so­no: so­lo per l'hiv esi­ste un "re­gi­stro» re­gio­na­le, men­tre per la dia­gno­si del­le va­rie in­fe­zio­ni ses­sual­men­te tra­smes­se si può con­ta­re su un buon nu­me­ro di spe­cia­li­sti. Quel­lo che è cer­to, pe­rò, è che i ca­si di con­ta­gio so­no in au­men­to e che ad es­se­re col­pi­ti so­no sem­pre più i gio­va­ni.

Ma­lat­tie che spes­so pas­sa­no sot­to si­len­zio per qual­che tem­po ma che, in real­tà, con­ti­nua­no a col­pi­re. Il ri­schio con­ta­gio è die­tro l'an­go­lo e, no­no­stan­te le cam­pa­gne di in­for­ma­zio­ne e sensibilizzazione, si con­ti­nua­no a nu­tri­re fal­se cre­den­ze sul­le mo­da­li­tà di tra­smis­sio­ne del­le in­fe­zio­ni. Il ve­ro pro­ble­ma è la man­can­za di pro­te­zio­ne.

«L'uso, per non di­re abu­so, del­la pil­lo­la an­ti­con­ce­zio­na­le evi­den­zia Cra­pis - sta mo­di­fi­can­do il co­stu­me del­la no­stra so­cie­tà. Mi spie­go: si ba­da più ad evi­ta­re di ri­ma­ne­re in­cin­ta che a pro­teg­ger­si dal ri­schio del con­ta­gio del­le "vec­chie" ma­lat­tie ve­ne­ree. L'uti­liz­zo del pre­ser­va­ti­vo è un pre­si­dio estre­ma­men­te sem­pli­ce con­tro il ri­schio di in­fe­zio­ne. Se ne par­la, ma sem­pre con mol­ta dif­fi­col­tà». È co­sì che ne­gli ul­ti­mi tem­pi si è ve­ri­fi­ca­to un au­men­to espo­nen­zia­le, so­prat­tut­to nel­la fa­scia com­pre­sa tra i 15 e i 45 an­ni, di in­fe­zio­ni ses­sual­men­te tra­smes­se. Spe­cial­men­te nel­la De­stra Ta­glia­men­to che, sem­bre­rà stra­no (per den­si­tà di po­po­la­zio­ne), po­treb­be ad­di­rit­tu­ra es­se­re pri­ma in Re­gio­ne per il nu­me­ro dei con­ta­gi. Si ese­guo­no più con­trol­li, so­prat­tut­to tra le don­ne e an­che per que­sto si ri­scon­tra­no (ri­spet­to al pas­sa­to) sem­pre più ca­si. Al­cu­ne ma­lat­tie so­no cu­ra­bi­li - si­fi­li­de, her­pes e cla­mi­dia - ma se tra­scu­ra­te pos­so­no por­ta­re a com­pli­ca­zio­ni im­por­tan­ti. Per al­tre, co­me l'hiv, non esi­ste an­co­ra una cu­ra ma è pos­si­bi­le con­trol­lar­le. Per al­tre an­co­ra, in­ve­ce, è di­spo­ni­bi­le il vaccino: è il ca­so del pa­pil­lo­ma.

«Pur­trop­po - evi­den­zia l'in­fet­ti­vo­lo­go - ci tro­via­mo sem­pre più spes­so di fron­te ad abi­tu­di­ni ses­sua­li sba­glia­te. Si ten­de a sot­to­va­lu­ta­re non so­lo il con­ta­gio ma an­che la gra­vi­tà del­le ma­lat­tie. Pros­si­ma­men­te, vi­sto l'au­men­to dei ca­si ri­scon­tra­ti, co­me Azien­da sa­ni­ta­ria ci at­ti­ve­re­mo per at­ti­va­re una cam­pa­gna di sensibilizzazione so­prat­tut­to tra i gio­va­ni. Sa­ran­no coin­vol­ti gli stu­den­ti del­le scuo­le del Friu­li Oc­ci­den­ta­le che, sta­ti­sti­ca­men­te par­lan­do, po­treb­be­ro es­se­re quel­li mag­gior­men­te espo­sti al ri­schio con­ta­gio».

GIO­VA­NI Rap­por­ti sem­pre più a ri­schio per­chè non pro­tet­ti

MA­LAT­TIE IN AU­MEN­TO La Pro­vin­cia di Por­de­no­ne è la pri­ma in re­gio­ne sul fron­te dell’au­men­to del­le ma­lat­tie ses­sual­men­te tra­smis­si­bi­li: la fa­scia mag­gior­men­te a ri­schio è quel­la dai 15 al 25 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.