Spettacolo per ca­pi­re la di­sles­sia dei più pic­co­li

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Cle­lia Del­pon­te

Sa­per ap­prez­za­re le im­per­fe­zio­ni L’as­so­cia­zio­ne Mal­te e il Co­mu­na­le

Uno spettacolo (Cro­na­che del bam­bi­no ana­tra, in pro­gram­ma il 20 e il 21 ot­to­bre al­le ore 20.45) e un con­ve­gno per par­la­re con i di­ver­si lin­guag­gi di di­sles­sia, che di­ven­ta in sen­so più am­pio sim­bo­lo di tut­te le im­per­fe­zio­ni che ca­rat­te­riz­za­no gli es­se­ri uma­ni, in una so­cie­tà do­ve tut­to de­ve es­se­re bel­lo, per­fet­to e per­for­man­te. Se è este­ti­ca­men­te di­sar­mo­ni­co o non cor­ri­spon­den­te ai ca­no­ni c'è Pho­to­shop, se è rot­to si but­ta e si com­pe­ra nuo­vo.

Ma co­sa suc­ce­de quan­do a es­se­re im­per­fet­to è un es­se­re uma­no? E quan­do lo è un bam­bi­no? C'è in­com­pren­sio­ne, ri­fiu­to, iso­la­men­to. È par­ten­do da que­sto sen­so di iso­la­men­to, ben de­scrit­to da Gia­co­mo Cu­tre­ra, in­ge­gne­re in­for­ma­ti­co af­fet­to da di­sles­sia, nel li­bro au­to­bio­gra­fi­co De­mo­ne Bian­co, che nel­la dram­ma­tur­ga So­nia An­ti­no­ri è scat­ta­ta la scin­til­la da cui è poi na­to il te­sto, co­strui­to do­po 2 an­ni di ri­cer­ca sul cam­po nei qua­li so­no sta­ti ascol­ta­ti sog­get­ti col­pi­ti da di­stur­bi co­gni­ti­vi, do­cen­ti, ge­ni­to­ri, stu­dio­si. "Cro­na­che del bam­bi­no ana­tra" è pro­dot­to dal Tea­tro Ver­di di Por­de­no­ne in­sie­me all'as­so­cia­zio­ne Mal­te, in li­nea con l'im­pe­gno ri­spet­to ai te­mi so­cia­li e in col­la­bo­ra­zio­ne con le real­tà del ter­ri­to­rio e re­gio­na­li, co­me sot­to­li­nea­to dal pre­si­den­te Gio­van­ni Les­sio. Il de­but­to è dun­que na­zio­na­le e già si pro­spet­ta un am­plia­men­to di da­te, vi­ste le ri­chie­ste per­ve­nu­te ec­ce­den­ti la di­spo­ni­bi­li­tà di po­sti del­le due se­ra­te fuo­ri ab­bo­na­men­to, ol­tre che a una di­stri­bu­zio­ne in tut­ta Ita­lia. Lo spettacolo è in­se­ri­to nel più am­pio pro­get­to "Gli im­per­fet­ti", se­le­zio­na­to nell'am­bi­to del Ban­do Ar­ti sce­ni­che 2016 pro­mos­so dal­la Fon­da­zio­ne Crup, «che con il so­ste­gno a que­sta ope­ra­zio­ne - af­fer­ma il con­si­glie­re d'am­mi­ni­stra­zio­ne del­la Fon­da­zio­ne Da­ni­lo Vil­lal­ta, - con­fer­ma la par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne e sen­si­bi­li­tà a te­mi e pro­ble­mi che toc­ca­no da vi­ci­no la fa­mi­glia e i gio­va­ni». In­ter­pre­ti so­no le at­tri­ci Car­la Man­zon, in un ine­di­to ruo­lo ma­schi­le e Ma­ria Ariis, di­ret­te da Gi­gi Dall'aglio: in sce­na in­ter­pre­ta­no il ruo­lo di fi­glio e ma­dre, in un rap­por­to do­ve l'amo­re si de­ve scon­tra­re con­ti­nua­men­te con l'in­com­pren­sio­ne, in tut­te e due le di­re­zio­ni. Il te­sto è sta­to co­strui­to da An­ti­no­ri co­me una fia­ba a strut­tu­ra clas­si­ca smon­ta­ta e ri­mon­ta­ta con sal­ti tem­po­ra­li che trat­teg­gia­no cin­quant'an­ni di vi­ta: da­gli an­ni Ses­san­ta, fi­no ai gior­ni no­stri. Men­tre il bam­bi­no si fa adul­to, la ma­dre, sem­pre più fra­gi­le, sci­vo­la len­ta­men­te via, i ruo­li si in­ver­to­no e l'uo­mo è co­stret­to a ri­sco­pri­re l'im­per­fe­zio­ne più gra­ve, che bi­lan­cia e com­pen­sa tut­te le al­tre: il suo es­se­re mor­ta­le. La re­tro­da­ta­zio­ne con­sen­te di met­te­re a fuo­co il pro­ble­ma all'epo­ca in cui co­mu­ni­tà scien­ti­fi­ca e so­cie­tà ci­vi­le non ave­va­no an­co­ra sco­per­to la ve­ra na­tu­ra dei di­stur­bi spe­ci­fi­ci dell'ap­pren­di­men­to. Og­gi la leg­ge 170 del 2010 li ri­co­no­sce e af­fer­ma il di­rit­to a un in­se­gna­men­to spe­cia­liz­za­to. Se­gue da vi­ci­no il pro­get­to an­che l'as­ses­so­re co­mu­na­le de­le­ga­to all'istru­zio­ne Ales­san­dro Bas­so, in vi­sta di fu­tu­re ini­zia­ti­ve a pri­ma­ve­ra.

IN SCE­NA A POR­DE­NO­NE So­nia An­ti­no­ri - tra le at­tri­ci Car­la Man­zon e Ma­ria Ariis au­tri­ce del te­sto di "Cro­na­che del bam­bi­no ana­tra"

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.