L’IN­DA­GA­TO È IN­NO­CEN­TE FI­NO AL­LA SENTENZA DI CON­DAN­NA IRREVOCABILE

Il Gazzettino (Pordenone) - - Il Taccuino -

Nel­la pa­gi­na di cro­na­ca di Por­de­no­ne del 1˚ set­tem­bre scor­so, a pa­gi­na V, ar­ti­co­lo di spal­la in­ti­to­la­to "Stu­pro in ospe­da­le...", nel ri­fer­vi all'in­da­ga­to, ve­ni­va usa­ta la se­guen­te espres­sio­ne: «...il ri­chie­den­te asi­lo ac­col­to a Por­de­no­ne e at­tual­men­te sot­to­po­sto a mi­su­ra cau­te­la­re in car­ce­re per la vio­len­za ses­sua­le com­mes­sa il 22 mar­zo scor­so...». E, più in bas­so, era ri­por­ta­to: «... al­la vi­gi­lia del­le sue di­mis­sio­ni ha vio­len­ta­to una del­le don­ne ri­co­ve­ra­te nel re­par­to...». In qua­li­tà di di­fen­so­re del­la per­so­na in­da­ga­ta de­vo sot­to­li­nea­re l'im­pro­prie­tà dell'espres­sio­ne ado­pe­ra­ta, in quan­to at­tri­bui­sce il fat­to all'in­da­ga­to, ri­stret­to in car­ce­re, in man­can­za di una sentenza irrevocabile di con­dan­na. Co­me ben sap­pia­mo la pre­sun­zio­ne di in­no­cen­za, va­le­vo­le si­no al­la pro­nun­cia di una sentenza di con­dan­na irrevocabile, non con­sen­te di at­tri­bui­re un fat­to-rea­to a chic­ches­sia. Mar­co Spar­ti - Av­vo­ca­to

Por­de­no­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.