Ren­zi at­tac­ca la Ue: fre­ne­ti­co im­mo­bi­li­smo

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

RO­MA - L'eu­ro­pa ha af­fron­ta­to le tan­te cri­si che si tro­va di fron­te con un «fre­ne­ti­co im­mo­bi­li­smo» che ha pro­dot­to «po­co più di nien­te». Ma l'ita­lia non in­ten­de la­scia­re la pre­sa e, in se­de di bi­lan­cio eu­ro­peo, sa­rà «du­ris­si­ma con i pae­si che han­no ri­ce­vu­to mol­ti de­na­ri dal­la co­mu­ne ap­par­te­nen­za e in que­sta fa­se si stan­no smar­can­do dai pro­pri im­pe­gni sul­la ri­col­lo­ca­zio­ne de­gli im­mi­gra­ti». Ov­ve­ro quel­li dell'est.

Il pre­mier Mat­teo Ren­zi, ri­fe­ren­do al­la Ca­me­ra in vi­sta del pros­si­mo con­si­glio eu­ro­peo, ci­ta il fi­lo­so­fo te­de­sco Jur­gen Ha­ber­mas per de­scri­ve­re gli este­nuan­ti ver­ti­ci che si so­no sus­se­gui­ti ne­gli ul­ti­mi me­si, fi­no ad ar­ri­va­re al­la de­lu­sio­ne del­le con­clu­sio­ni del sum­mit di Bra­ti­sla­va. E rac­co­glie po­co do­po l'ap­pog­gio del pre­si­den­te del Par­la­men­to di Stra­sbur­go, il te­de­sco Mar­tin Schulz, che in un'in­ter­vi­sta di­ce di com­pren­de­re e ap­pog­gia­re l'im­pa­zien­za del ca­po del go­ver­no ita­lia­no. Com­pren­sio­ne as­sai me­no pal­pa­bi­le in au­la, do­ve il suo di­scor­so vie­ne più vol­te in­ter­rot­to dai de­pu­ta­ti dell'op­po­si­zio­ne. So­prat­tut­to du­ran­te la re­pli­ca.

L'in­ter­ven­to del pre­mier è tut­to de­di­ca­to all'eu­ro­pa. Ren­zi av­ver­te che l'ita­lia fa­rà sen­ti­re al­ta la sua vo­ce, non so­lo il 20 e 21 ot­to­bre, ma an­che e so­prat­tut­to nei me­si suc­ces­si­vi, quan­do si par­le­rà del bi­lan­cio eu­ro­peo: «Il bi­lan­cio - di­ce - do­vrà fa­re chia­ra­men­te ri­fe­ri­men­to a chi di­ce sì e chi di­ce no al­la ri­col­lo­ca­zio­ne».

Il ruo­lo di Ro­ma a Bru­xel­les, del re­sto, Ren­zi ne è con­vin­to, è cre­sciu­to. L'ita­lia oggi ha un «at­teg­gia­men­to di sti­mo­lo, un'in­gom­bran­te pre­sen­za nel­la di­scus­sio­ne. Che il man­ca­to ri­fe­ri­men­to all'afri­ca fos­se sta­to da noi bru­tal­men­te stig­ma­tiz­za­to - spie­ga - ha por­ta­to a

Il pre­mier par­la al­la Ca­me­ra in vi­sta

dell’im­mi­nen­te Con­si­glio eu­ro­peo

una rin­no­va­ta vi­ta­li­tà e at­ten­zio­ne sul te­ma, al­tri lea­der eu­ro­pei in visita in Afri­ca», di­ce, sen­za ci­ta­re di­ret­ta­men­te la can­cel­lie­ra An­ge­la Mer­kel. E an­che sul­lo scor­po­ro dei fon­di per la ri­co­stru­zio­ne do­po il si­sma il pre­mier tor­na a ri­pe­te­re che non in­ten­de «sog­gia­ce­re a re­go­le bu­ro­cra­ti­che per non guar­da­re al­le esi­gen­ze dei pro­pri cit­ta­di­ni».

L'ita­lia c'è e vuo­le con­ti­nua­re ad ave­re un ruo­lo at­ti­vo in vi­sta di quel­lo che il pre­mier ri­tie­ne l'ul­ti­mo ap­pun­ta­men­to uti­le per pren­de­re le de­ci­sio­ni giu­ste: il ver­ti­ce di mar­zo a Ro­ma, «spar­tiac­que per il fu­tu­ro dell'unio­ne Eu­ro­pa». Per que­sto Ren­zi lan­cia al Par­la­men­to la pro­po­sta di la­vo­ra­re in­sie­me, da qui a pri­ma­ve­ra, «sul­la ba­se di pro­po­ste con­cre-

te ma an­che di un idea­le con­di­vi­so». Ma a giu­di­ca­re dal cli­ma in au­la le chan­ce per un la­vo­ro co­mu­ne so­no dav­ve­ro po­che. I to­ni si al­za­no so­prat­tut­to du­ran­te la re­pli­ca, quan­do il pre­mier sot­to­li­nea che il di­bat­ti­to è «di­sar­ti­co­la­to», si è par­la­to di tut­to men­tre il te­ma era l'eu­ro­pa. Ma poi ri­spon­de ai gril­li­ni su Ro­ma («si sap­pia che qui c'è un go­ver­no che ha voglia di la­vo­ra­re per Ro­ma e per com­bat­te­re tut­ti i fe­no­me­ni di il­le­ga­li­tà»). Ri­spon­de sul­le ban­che («i cor­ren­ti­sti so­no sta­ti sal­va­ti tut­ti») e an­che sul­la bro­chu­re mi­ni­ste­ria­le fi­ni­ta al cen­tro del­le po­le­mi­che. «Il fat­to che gli in­ge­gne­ri in Ita­lia co­sti­no me­no che al­tro­ve è un fat­to di com­pe­ti­ti­vi­tà», di­ce. Ma ad ogni ri­spo­sta i to­ni si al­za­no. Lo scon­tro più du­ro è con Bru­net­ta: «Ha det­to che ho par­la­to del nul­la. No, non sta­vo par­lan­do di lei...», gli di­ce Ren­zi. Il ca­po­grup­po di FI gli dà dell'im­bro­glio­ne e la ten­sio­ne sa­le al pun­to che la Bol­dri­ni è co­stret­ta ad in­ter­ve­ni­re più vol­te. La stra­da per ri­tro­va­re «lo spi­ri­to dei pa­dri fon­da­to­ri», au­spi­ca­ta da Ren­zi, sem­bra de­ci­sa­men­te in sa­li­ta.

CA­ME­RA Lau­ra Bol­dri­ni

BATTAGLIERO Il pre­mier Mat­teo

Ren­zi at­tac­ca «l’imm­bo­li­smo» dell’eu­ro­pa:

«Non ha pro­dot­to qua­si nien­te in tut­ti

que­sti este­nuan­ti ver­ti­ci. Su bi­lan­cio e im­mi­gra­ti

sa­re­mo du­ris­si­mi»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.