Ca­ren­za d’ac­qua, in ar­ri­vo una so­lu­zio­ne "tam­po­ne"

Un aiu­to ver­rà dal­la con­dut­tu­ra di via Zo­rut­ti, sul­la qua­le si sta la­vo­ran­do

Il Gazzettino (Pordenone) - - Porcia - La­ra Za­ni

Una par­zia­le so­lu­zio­ne al pro­ble­ma del­la ca­ren­za d'ac­qua a Sant'an­to­nio do­vreb­be ar­ri­va­re dal­la con­dut­tu­ra al­la qua­le si sta la­vo­ran­do in via Zo­rut­ti, men­tre non vi è al mo­men­to al­cu­na cer­tez­za su even­tua­li prov­ve­di­men­ti de­fi­ni­ti­vi.

Nel frat­tem­po, pe­rò, il que­stio­na­rio com­pi­la­to dal­le fa­mi­glie nei me­si scor­si ha por­ta­to al­la lu­ce un nuo­vo aspet­to del pro­ble­ma, os­sia il fat­to che in al­cu­ni ca­si la ri­du­zio­ne del­la pres­sio­ne dell'ac­qua non è do­vu­ta esclu­si­va­men­te al­le ca­rat­te­ri­sti­che dell'ac­que­dot­to, ma agli im­pian­ti do­me­sti­ci. Di qui l'in­vi­to agli uten­ti a ef­fet­tua­re le op­por­tu­ne ve­ri­fi­che.

La que­stio­ne del­la pe­rio­di­ca ca­ren­za d'ac­qua nel quar­tie­re è sta­ta uno dei te­mi prin­ci­pa­li af­fron­ta­ti nel cor­so dell'as­sem­blea pub­bli­ca di mar­te­dì, al­la qua­le han­no par­te­ci­pa­to po­co più di una ven­ti­na di per­so­ne, ol­tre al­la Giun­ta qua­si al com­ple­to e a di­ver­si con­si­glie­ri di mag­gio­ran­za.

«Per ri­sol­ve­re il pro­ble­ma di Sant'an­to­nio - ha spie­ga­to Giorgio Ma­ruz­zi di Si­ste­ma am­bien­te - è in fa­se di rea­liz­za­zio­ne un nuo­vo pun­to di im­mis­sio­ne, tra­mi­te la con­dot­ta in via Zo­rut­ti, per ul­te­rio­ri 10 li­tri al se­con­do ver­so la zo­na di Sant'an­to­nio. Que­sto ul­te­rio­re ap­por­to ser­vi­rà a li­mi­ta­re il di­sa­gio che è sta­to av­ver­ti­to so­prat­tut­to ne­gli ul­ti­mi an­ni. A lun­go ter­mi­ne, l'azien­da sta poi va­lu­tan­do in­ter­ven­ti più con­si­sten­ti, con la rea­liz­za­zio­ne di una con­dot­ta che pren­da ac­qua a Fon­ta­na­fred­da e che do­vreb­be es­se­re a ser­vi­zio di più Co­mu­ni».

Ac­can­to a que­sti in­ter­ven­ti, ci so­no pe­rò se­con­do l'esper­to «de­gli ac­cor­gi­men­ti che cia­scun uten­te de­ve ave­re l'ac­cor­tez­za di usa­re, per evi­ta­re che au­men­ti­no le per­di­te di ca­ri­co ri­spet­to al­la pres­sio­ne che vie­ne ero­ga­ta dall'ac­que­dot­to. Mi ri­fe­ri­sco in par­ti­co­la­re ad ap­pa­rec­chia­tu­re per la ri­du­zio­ne del­la pres­sio­ne dei tem­pi pas­sa­ti di cui un pro­prie­ta­rio può non es­se­re a co­no­scen­za e an­che ai fil­tri per la ri­du­zio­ne del car­bo­na­to di cal­cio. Un al­tro pro­ble­ma che ab­bia­mo ve­ri­fi­ca­to è, in cer­ti ca­si, l'esi­gua di­men­sio­ne del­le tu­ba­zio­ni a val­le del con­ta­to­re, so­prat­tut­to se vi so­no più ap­par­ta­men­ti ser­vi­ti: in que­ste si­tua­zio­ni, ov­via­men­te, in ca­so di uti­liz­zo con­tem­po­ra­neo dell'ac­qua, si ha una ri­du­zio­ne sen­si­bi­le dell'ero­ga­zio­ne».

SCAR­SA PRES­SIO­NE

Spes­so di­pen­de an­che da pro­ble­mi

do­vu­ti al­le ca­rat­te­ri­sti­che de­gli im­pian­ti

do­me­sti­ci

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.