Bep­pe Ia­chi­ni: «Me­glio ave­re in squa­dra atle­ti ita­lia­ni»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

UDI­NE - (m.a.) È ba­sta­ta un'ana­li­si, con­dot­ta dall'os­ser­va­to­rio del cal­cio, per sco­per­chia­re il va­so e cer­ti­fi­ca­re uno dei pro­ble­mi dell'udi­ne­se: la qua­si to­ta­le as­sen­za di cal­cia­to­ri ita­lia­ni im­pie­ga­ti nel­la sta­gio­ne in cor­so (ma lo stu­dio po­treb­be tran­quil­la­men­te es­se­re este­so a quel­la scor­sa, i ri­sul­ta­ti non cam­bie­reb­be­ro di mol­to). Co­sì, a po­chi gior­ni dal­la sfi­da al­la Ju­ven­tus, at­tor­no all'am­bien­te friu­la­no si è ac­ce­sa la ma­dre di tut­te le di­scus­sio­ni. Ver­te pro­prio sul­la ne­ces­si­tà di uno zoc­co­lo du­ro di gio­ca­to­ri na­ti e cre­sciu­ti in Ita­lia co­me lo era­no Mau­ri­zio Do­miz­zi, Giam­pie­ro Pin­zi e To­tò Di Na­ta­le, e co­me lo so­no oggi Giorgio Chiel­li­ni, Leo­nar­do Bo­nuc­ci e An­drea Bar­za­gli. Di que­sto ha par­la­to, ad esem­pio, l'ex tec­ni­co dell'udi­ne­se Bep­pe Ia­chi­ni, al­la sua pri­ma usci­ta pub­bli­ca do­po l'eso­ne­ro: «Ci vor­reb­be sem­pre, in ogni squa­dra, uno zoc­co­lo du­ro ita­lia­no, me­glio se in di­fe­sa, pro­prio co­me ca­pi­ta al­la Ju­ven­tus» ha det­to a Tut­to­sport l'al­le­na­to­re mar­chi­gia­no. Non ha pro­nun­cia­to la pa­ro­la Udi­ne­se, ma il ri­fe­ri­men­to al­la di­fe­sa ju­ven­ti­na co­me al mo­del­lo a cui ispi­rar­si è sta­to chia­ro. «Gli stra­nie­ri van­no be­ne, per ca­ri­tà - ha con­ti­nua­to Ia­chi­ni - ma se la co­mu­ni­ca­zio­ne è ra­pi­da, se ba­sta mez­za pa­ro­la per ri­sol­ve­re un pro­ble­ma che si crea d'im­prov­vi­so in area di ri­go­re, al­lo­ra è me­glio che ci sia una gui­da ita­lia­na, un lea­der fat­to in ca­sa». Esat­ta­men­te quel­lo che gli è man­ca­to nel­la sua bre­ve espe­rien­za da tec­ni­co dell'udi­ne­se: un fa­ro che par­las­se - in tut­ti i sen­si - la sua lin­gua. «Per­chè que­sto pos­sa ac­ca­de­re in più di una squa­dra - ha con­clu­so - è ne­ces­sa­rio lo svi­lup­po e il mi­glio­ra­men­to dei set­to­ri gio­va­ni­li. Gli istrut­to­ri de­vo­no in­se­gna­re le mar­ca­tu­re in­di­vi­dua­li ai ra­gaz­zi­ni per poi pas­sa­re, più tar­di, al­la tat­ti­ca col­let­ti­va».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.