È mor­to il ca­va­lie­re del­le Fer­rie­re Nord

Il Gazzettino (Pordenone) - - Friuli - Da­vid Za­ni­ra­to

In­tuì, all'età di se­di­ci an­ni, in una Ge­mo­na che a sten­to ten­ta­va di usci­re dal­le ma­ce­rie del­la se­con­da guer­ra mon­dia­le, che i rot­ta­mi bel­li­ci po­te­va­no es­se­re ri­ven­du­ti e che qual­cu­no do­ve­va pur de­mo­li­re per ri­co­strui­re. Get­tò pro­prio al­lo­ra, in un pra­to vi­ci­no ad Osoppo, il pri­mo nu­cleo di quel­la che di­ven­te­rà in po­chi an­ni un'azien­da lea­der a li­vel­lo mon­dia­le. Era­no gli an­ni Cin­quan­ta e An­drea Pit­ti­ni da Pio­ve­ga, la fra­zio­ne bas­sa del­la cit­ta­di­na pe­de­mon­ta­na dov'era na­to e cre­sciu­to, in­co­min­ciò a scri­ve­re pa­gi­ne pio­nie­ri­sti­che di un Friu­li agli al­bo­ri in­du­stria­li. Ie­ri, all'età di 85 an­ni, ha sa­lu­ta­to tut­ti, co­me era so­li­to fa­re sem­pre con i suoi ama­ti di­pen­den­ti, e si è spen­to sul let­to dell'ospe­da­le di Udi­ne, dov'era sta­to ri­co­ve­ra­to, stret­to dal ca­lo­re dei suoi figli, Ma­ri­na e Fe­de­ri­co, del­la mo­glie An­na­ma­ria, del­la sto­ri­ca se­gre­ta­ria Mi­rel­la e dei col­la­bo­ra­to­ri più stret­ti del­la sua crea­tu­ra, la Pit­ti­ni Group. Un co­los­so mon­dia­le del­la si­de­rur­gia com­po­sto da 7 dif­fe­ren­ti azien­de con 17 sta­bi­li­men­ti che co­pro­no l'in­te­ro ci­clo pro­dut­ti­vo (ol­tre 3 mi­lio­ni di ton­nel­la­te all'an­no di ac­ciai), dal rot­ta­me fer­ro­so al pro­dot­to fi­ni­to, e ol­tre 1.700 di­pen­den­ti, di cui 500 ad Osoppo.

«To­sto, ca­par­bio, di­ret­to, in­te­ger­ri­mo, un uo­mo d'ac­cia­io, co­me il suo ac­cia­io, tut­to d'un pez­zo» so­no gli ag­get­ti­vi che lo rac­con­ta­no nel­le pa­ro­le di chi lo ha co­no­sciu­to da vi­ci­no in ol­tre mez­zo se­co­lo di vi­ta, la­vo­ro, bat­ta­glie e ri­vo­lu­zio­ni. Co­me quel­la del "tra­lic­cio elet­tro­sal­da­to", gra­zie al qua­le si svi­lup­pò la pre­fab­bri­ca­zio­ne in ce­men­to ar­ma­to. Ed an­co­ra dal­la fi­ne de­gli an­ni Ses­san­ta l'av­via­men­to a Mon­fal­co­ne del­la Me­tal­lur­gi­ca Pit­ti­ni, l'in­stal­la­zio­ne del la­mi­na­to­io ver­gel­la e del for­no elet­tri­co ad Osoppo, la na­sci­ta del­le Fer­rie­re Nord S.P.A. qua­le polo in­te­gra­to dell'ac­cia­io, l'espan­sio­ne nel La­zio, in Si­ci­lia e in Ger­ma­nia. Ma ec­co ar­ri­va­re la tra­ge­dia, il 1976, il ter­re­mo­to. «Mi pre­ci­pi­tai da Mi­la­no, tut­to era di­strut­to, ave­va­mo per­so 7 ope­rai e 39 per­so­ne era­no fe­ri­te - ri­cor­da­va sem­pre, co­me in oc­ca­sio­ne dell'ul­ti­mo an­ni­ver­sa­rio dell'or­co­làt, nel mag­gio scor­so, quan­do ri­ce­vet­te il Tal­le­ro d'ar­gen­to di Ge­mo­na - cer­cam­mo su­bi­to di rea­gi­re, met­tem­mo a di­spo­si­zio­ne i fur­go­ni co­me ri­pa­ro per gli ope­rai e le lo­ro fa­mi­glie. Cream­mo una spe­ran­za ed un so­gno, quel­lo di ri­na­sce­re». Pit­ti­ni, che in se­gui­to di­ven­ne Ca­va­lie­re del La­vo­ro e pre­si­den­te de­gli In­du­stria­li friu­la­ni, non si fer­mò, no­no­stan­te il do­lo­ro­so lut­to per la per­di­ta del fi­glio Pie­ro: co­sti­tuì la San Giorgio Eu­ro­fer a San Giorgio di No­ga­ro, ac­qui­sì la Pit­tarc, la Ve­ne­ta re­ti, in­ven­tò l'ac­cia­io ad

IL CA­VA­LIE­RE

DEL FER­RO An­drea Pit­ti­ni in una fo­to con a fian­co Gio­van­ni Fan­to­ni, ex pre­si­den­te co­me lui di Con­fin­du­stria

udinese

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.