Scuo­le vec­chie e fuo­ri nor­ma La map­pa dei ri­schi

La Lo­zer è quel­la che ha i pro­ble­mi più im­por­tan­ti ed è co­stan­te­men­te mo­ni­to­ra­ta Au­le chiu­se a Val­va­so­near­ze­ne e a Cor­de­nons una re­te "con­tie­ne" il con­tro­sof­fit­to

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina -

Ci so­no com­pu­ter e ta­blet, le co­mu­ni­ca­zio­ni cor­ro­no su Wha­tsapp e mail, il re­gi­stro è elet­tro­ni­co e i ge­ni­to­ri co­no­sco­no in tem­po rea­le ciò che ac­ca­de agli stu­den­ti. Tec­no­lo­gia e pas­si avan­ti, ma all'in­ter­no di scuo­le che in al­cu­ni ca­si han­no qua­si cin­quant'an­ni, che spes­so non so­no mai sta­te in­te­res­sa­te da ope­re di ri­strut­tu­ra­zio­ne e che og­gi com­pon­go­no la map­pa dell'emer­gen­za. Il crol­lo di una por­zio­ne del­la scuo­la «Leo­nar­do da Vin­ci» di Pa­do­va ha riac­ce­so la spia ros­sa: an­che in pro­vin­cia di Pordenone ci so­no si­tua­zio­ni da mo­ni­to­ra­re. Scuo­le vec­chie e ma­lan­da­te, ma so­prat­tut­to ina­de­gua­te al­le esi­gen­ze di un'istru­zio­ne mo­der­na e si­cu­ra. La cit­tà ha i suoi pro­ble­mi, an­che se la mag­gior par­te de­gli edi­fi­ci sco­la­sti­ci ha pas­sa­to il pri­mo te­st, e la pro­vin­cia se­gue a ruo­ta con al­cu­ni dei ca­si più vi­ci­ni al li­mi­te. A Pordenone c'è una «gran­de ma­la­ta». È la scuo­la «Lo­zer» di Tor­re, nel­la zo­na nord del­la cit­tà. L'edi­fi­cio che ospi­ta le clas­si del­le me­die è com­po­sto da mo­du­li ri­sa­len­ti a 40 an­ni fa e og­gi non ga­ran­ti­sce la sta­bi­li­tà ge­ne­ral­men­te ri­chie­sta ai ples­si sco­la­sti­ci. È da ri­fa­re. Le pa­re­ti so­no trop­po esi­li, i ser­ra­men­ti co­stan­te­men­te a ri­schio rot­tu­ra mi­nac­cia­no di rom­pe­re i ve­tri del­le fi­ne­stre, il tet­to dell'edi­fi­cio è gra­va­to da pro­ble­mi strut­tu­ra­li. «È la si­tua­zio­ne che stia­mo mag­gior­men­te mo­ni­to­ran­do con­fer­ma Ales­san­dro Bas­so, con­si­glie­re co­mu­na­le con de­le­ga all'istru­zio­ne -. A muo­ver­si do­vran­no es­se­re Co­mu­ne e Re­gio­ne». Ser­ve un in­ve­sti­men­to in tem­pi bre­vi e di gran­di pro­por­zio­ni. Sem­pre in cit­tà, poi, ci so­no due ca­si di­ver­si: uno ri­guar­da il li­ceo Leo­par­di­ma­jo­ra­na, l'al­tro il Ken­ne­dy. Due isti­tu­ti-sim­bo­lo che pe­rò de­vo­no far fron­te a pro­ble­mi con­tin­gen­ti. Il li­ceo de­ve an­co­ra far «emi­gra­re» al­cu­ne clas­si al Bro­nx, in una strut­tu­ra che per pe­so del­le per­so­ne all'in­ter­no e strut­tu­ra stes­sa non è adat­to ad ospi­ta­re una scuo­la (nel 2015 si ve­ri­fi­cò il di­stac­co di un fi­ne­stro­ne, poi fi­ni­to sui ban­chi). Il Ken­ne­dy, in­ve­ce, è al­le pre­se con mac­chi­na­ri di mec­ca­ni­ca da ve­ri­fi­ca­re e con la chiu­su­ra for­za­ta - a cau­sa del pro­ble­ma le­ga­to al­la si­cu­rez­za del­le at­trez­za­tu­re - di al­cu­ne aree dei la­bo­ra­to­ri. In Pro­vin­cia il ca­so-li­mi­te è quel­lo di Cor­de­nons. Ad og­gi, in­fat­ti, al­la Du­ca d'ao­sta (scuo­la ele­men­ta­re) gli alun­ni fre­quen­ta­no le le­zio­ni se­du­ti sot­to a re­ti pro­tet­ti­ve: in­stal­la­te in tar­da pri­ma­ve­ra, ser­vo­no ad evi­ta­re che un nuo­vo di­stac­co del con­tro­sof­fit­to pos­sa col­pi­re ra­gaz­zi o in­se­gnan­ti. L'edi­fi­cio non ri­spet­ta le nor­me an­ti­si­smi­che e at­ten­de un in­ter­ven­to da più di un mi­lio­ne di eu­ro che par­ti­rà so­lo in esta­te. Le le­zio­ni, no­no­stan­te tut­to, pro­ce­do­no re­go­lar­men­te. Co­sa che non è av­ve­nu­ta a Val­va­so­ne Ar­ze­ne, do­ve si è de­ci­so di sgom­be­ra­re il pri­mo pia­no del­la scuo­la ele­men­ta­re. Man­ca­va­no i cer­ti­fi­ca­ti an­tin­cen­dio e la sca­la di si­cu­rez­za. E dal 31 di­cem­bre non sa­rà nem­me­no più ga­ran­ti­ta la ma­nu­ten­zio­ne ef­fet­tua­ta dal­la Pro­vin­cia. L'en­te ces­se­rà le ope­ra­zio­ni, pas­san­do la pal­la ad Uti e Co­mu­ni, sog­get­ti già a cor­to di ri­sor­se.

CROL­LO DEL SOF­FIT­TO Uno dei ca­si più em­ble­ma­ti­ci ac­ca­du­ti nel Friu­li Oc­ci­den­ta­le: i cal­ci­nac­ci del con­tro­sof­fit­to al­la scuo­la ele­men­ta­re Du­ca d’ao­sta di Cor­de­nons

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.