L’udi­ne­se ri­na­sce con Del­ne­ri

Jank­to met­te sot­to la Ju­ven­tus che poi vin­ce su ri­go­re Con il tec­ni­co d’aqui­leia grin­ta fi­no al­la fi­ne: «È una buo­na par­ten­za»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Gui­do Go­mi­ra­to

Le ri­spo­ste che il tec­ni­co friu­la­no si aspet­ta­va so­no giun­te pun­tua­li, ol­tre­tut­to al co­spet­to dei più for­ti. L'udi­ne­se c'è, è squa­dra vi­va e Lui­gi Del­ne­ri ha vo­lu­to evi­den­zia­re nel do­po ga­ra que­sto par­ti­co­la­re.

«Il pa­reg­gio ci sta­va. Ag­giun­go che ave­vo del­le con­vin­zio­ni su que­sta squa­dra, do­po la ga­ra con la Ju­ve ta­li con­vin­zio­ni si so­no raf­for­za­te. La squa­dra ha te­nu­to te­sta all'av­ver­sa­rio, ha evi­den­zia­to quel­la men­ta­li­tà che pia­ce a me, ab­bia­mo sem­pre ri­cer­ca­to il gol si­no all'ul­ti­mo se­con­do. Evi­den­te­men­te qual­co­sa sta cam­bian­do - ha det­to an­co­ra Del­ne­ri - Sta­vol­ta i ra­gaz­zi, una vol­ta tro­va­ti­si in svan­tag­gio, han­no sa­pu­to rea­gi­re non han­no per­du­to la te­sta co­me è suc­ces­so in al­tre cir­co­stan­ze. Ora ser­ve con­ti­nui­tà, dob­bia­mo la­vo­ra­re per mi­glio­ra­re an­co­ra, i ra­gaz­zi mi so­no pia­ciu­ti in en­tram­be le fa­si e non sem­pre ti tro­ve­rai di fron­te la Ju­ven­tus, per cui guar­do al fu­tu­ro con giu­sti­fi­ca­ta fi­du­cia».

Per quan­to con­cer­ne la for­ma­zio­ne e il mo­du­lo, il tec­ni­co di Aqui­leia di­ce che, con gli uo­mi­ni con­ta­ti, da­to che gli so­no ve­nu­ti a man­ca­re in set­ti­ma­na Ba­du e Ko­ne, non c'era­no dub­bi sul­lo schie­ra­men­to. «Sia­mo sta­ti an­che co­rag­gio­si e quan­do re­cu­pe­re­ran­no gli in­for­tu­na­ti, i va­ri Wid­mer, Hall­freds­son, Ba­du, Ko­ne avre­mo la pos­si­bi­li­tà di adot­ta­re an­che l'as­set­to tec­ni­co-tat­ti­co de­fi­ni­ti­vo più ap­pro­pria­to. Ma non par­lia­mo di nu­me­ri, ma di or­ga­niz­za­zio­ne di gio­co».

Sui gio­va­ni. «Mi so­no pia­ciu­ti tut­ti, Fo­fa­na, Jank­to, De Paul, Pe­ri­ca... E a di­spo­si­zio­ne ci so­no al­tri, ve­di Pe­na­ran­da, so­no tut­ti nel gi­ro del­le ri­spet­ti­ve na­zio­na­li e ci stan­no an­che gli er­ro­ri, ve­di le pal­le per­se in oc­ca­sio­ni del­le due re­ti del­la Ju­ven­tus, ma so­no il da­zio che pa­ga­no per la lo­ro cre­sci­ta. Non scor­dia­mo­ci an­che dei vec­chiet­ti, che de­vo­no far ca­pi­re al re­sto del­la squa­dra co­sa si­gni­fi­ca es­se­re friu­la­no, co­sa si­gni­fi­ca la cul­tu­ra del la­vo­ro. Co­mun­que non sia­mo mai sta­ti a guar­da­re, nean­che sul­lo 0-0 o sull'1-0: se c'era la pos­si­bi­li­tà di at­tac­ca­re non ci sia­mo fat­ti pre­ga­re a co­sto di com­met­te­re er­ro­ri. Ma è que­sto l'at­teg­gia­men­to, la men­ta­li­tà, la for­za e il per­cor­so che ri­chie­do ai miei. Ho vi­sto an­che una squa­dra che ha sa­pu­to fa­re pres­sio­ne sull'av­ver­sa­rio, che ha di­mo­stra­to di ave­re per­so­na­li­tà».

In­som­ma il la­vo­ro di Del­ne­ri sta già dan­do i frut­ti spe­ra­ti, ma il tec­ni­co ta­glia cor­to. «La squa­dra mi è pia­ciu­ta, la ga­ra di og­gi ha ac­cre­sciu­to l'au­to­sti­ma in tut­ti, ci ha da­to la di­men­sio­ne di quel­lo che pos­sia­mo fa­re. È un im­por­tan­te pun­to di par­ten­za».

COM­BAT­TEN­TE Du­van Za­pa­ta ha lot­ta­to fi­no all’ul­ti­mo istan­te, col­pen­do an­che un pa­lo che po­te­va va­le­re il 2-2

GIO­VA­NE VE­TE­RA­NO Jua­kub Jank­to, vent’an­ni, se­gna con­tro la Ju­ven­tus

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.