Pro­fe­zie da Sin­ga­po­re

Dia­lo­go a ruo­ta li­be­ra con l’al­le­na­to­re glo­be­trot­ter che la­vo­ra in Asia «Ri­cor­da­te­vi di Zve­rev»: Ful­vio Scian in­di­ca il ta­len­to del fu­tu­ro

Il Gazzettino (Pordenone) - - Tennis - Pier­gior­gio Griz­zo PORDENONE

Il por­de­no­ne­se Ful­vio Scian è un au­ten­ti­co glo­be­trot­ter del ten­nis. Clas­se 1965, do­po un buon pas­sa­to ago­ni­sti­co (è sta­to clas­si­fi­ca­to C1, fi­na­li­sta ai cam­pio­na­ti ita­lia­ni Un­der 18), in­ter­rot­to an­zi­tem­po per una se­rie di gra­vi in­for­tu­ni, è di­ven­ta­to mae­stro, la­vo­ran­do pri­ma in Ve­ne­to, ad Arez­zo e a Ro­ma, poi sem­pre all'este­ro. Lei ha gi­ra­to il mon­do gra­zie al ten­nis.

«Ef­fet­ti­va­men­te que­sto cer­chio di cor­de mi ha da­to tan­tis­si­mo. La mia pri­ma espe­rien­za da mae­stro fuo­ri dall'ita­lia è sta­ta a Mia­mi in Flo­ri­da nel 1997. Ho gi­ra­to il mon­do e non ho in­ten­zio­ne di fer­mar­mi, an­che se ora da tre an­ni so­no stan­zia­le nel­la ma­gi­ca Sin­ga­po­re, ele­gan­te, stra­va­gan­te, opu­len­ta, una cit­tà fu­tu­ri­sti­ca».

Do­po gli Usa co­sa c'è sta­to?

«Ho pas­sa­to qual­che an­no in Spa­gna, il Pae­se che dal pun­to di vi­sta spor­ti­vo mi ha da­to di più. So­no un coa­ch in­ter­na­zio­na­le di­plo­ma­to all'ac­ca­de­mia San­chez - Ca­sal di Bar­cel­lo­na e so­no un con­vin­to as­ser­to­re del me­to­do ibe­ri­co, che in­se­gno an­che ai miei al­lie­vi. Non a ca­so la mia so­cie­tà, che è una scuo­la di al­ta spe­cia­liz­za­zio­ne, si chia­ma Sin­ga­po­re Spa­ni­sh Ten­nis».

Tra l'al­tro è mol­to ami­co del­la fa­mi­glia Na­dal.

«Si, in par­ti­co­la­re di To­ni, lo zio - coa­ch del gran­de "Ra­fa", Ra­fael Na­dal. Qua­si ogni esta­te va­do a Ma­na­cor, a Ma­ior­ca, il quar­tier ge­ne­ra­le del cam­pio­nis­si­mo spa­gno­lo (che vi ha co­strui­to un'ac­ca­de­mia di 27 cam­pi, co­sta­ta 13 mi­lio­ni di eu­ro ndr). Per me è co­me an­da­re ad un cor­so di ag­gior­na­men­to». Co­sa am­mi­ra di Na­dal? «Ol­tre al­le do­ti ten­ni­sti­che da mar­zia­no, il ca­rat­te­re gra­ni­ti­co, la sua per­so­na­li­tà e pro­fes­sio­na­li­tà. Il suo es­se­re co­sì sem­pli­ce e al­la ma­no. Per me è un ido­lo. Vo­le­vo per­fi­no ta­tuar­mi la sua im­ma­gi­ne su un brac­cio. Quan­do gliel'ho det­to, mi ha ri­spo­sto: tu estas lo­co. Sei paz­zo».

Do­po la Spa­gna co­sa c'è sta­to?

«Il Mes­si­co, do­ve ho di­ret­to due club mol­to esclu­si­vi co­me il Bri­ta­nia Xa­la­pa di Ve­ra Cruz e il Cam­pe­stre Vil­la­her­mo­sa di Ta­ba­sco. Poi ho la­vo­ra­to a Can­cun e quin­di a Pa­na­ma, Aru­ba, Por­to Ri­co». Con chi la­vo­ra di so­li­to? «Ini­zial­men­te fa­ce­vo il mae­stro per i so­ci dei va­ri club. Da di­ver­si an­ni la­vo­ro so­lo con gli hi­gh per­for­mer, gli ago­ni­sti di al­to li­vel­lo. Il pri­mo con il qua­le ho la­vo­ra­to è sta­to Jean Mark Ar­ren­de, che all'epo­ca, nel 2005, era il cam­pio­ne Un­der 14 del Cen­tro Ame­ri­ca».

Co­me im­ma­gi­na la sua ter­za età?

«Sin­ce­ra­men­te spe­ro di re­sta­re nell'in­du­stria del ten­nis il più a lun­go pos­si­bi­le. D'al­tro i va­ri Nick Bol­let­tie­ri e Pa­co Al­va­rez in­se­gna­no an­co­ra e svez­za­no cam­pio­ni ad 80 an­ni suo­na­ti. Quan­do ap­pen­de­rò de­fi­ni­ti­va­men­te la rac­chet­ta al chio­do ma­ga­ri apri­rò un Bud­d­ha Bar in qual­che spiag­gia dei Ca­rai­bi e pas­se­rò il tem­po ser­ven­do da be­re e ascol­tan­do mu­si­ca chill out».

Dal suo os­ser­va­to­rio pri­vi­le­gia­to co­me ve­de il ten­nis ita­lia­no ed in­ter­na­zio­na­le?

«Gli ita­lia­ni, se non cam­bia­no men­ta­li­tà, non an­dran­no mai da nes­su­na par­te. In cam­po ve­dia­mo trop­pi Brad Pitt e po­chi ve­ri atle­ti. Ma vo­le­te sa­pe­re chi sa­rà il nu­me­ro uno del ten­nis mon­dia­le, fi­ni­ta l'era Djo­ko­vic? An­che To­ni e Ra­fa so­no d'ac­cor­do: il 19en­ne te­de­sco Ale­xan­der Zve­rev, che og­gi è già il nu­me­ro 27 del ran­king. Ri­cor­da­te­vi le mie pa­ro­le».

TENNISTA POR­DE­NO­NE­SE Ful­vio Scian, il glo­be­trot­ter por­de­no­ne­se del­la rac­chet­ta, scher­za con Ra­fa Na­dal

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.