Udi­ne­se, con­tro il Pe­sca­ra ci sa­rà il ti­fo­so Gui­do­lin

Il Gazzettino (Pordenone) - - Azzanese - Mar­co Agru­sti

Wel­co­me back, Gui­do. Ben­tor­na­to. Fran­ce­sco Gui­do­lin tor­na a par­la­re di Udi­ne­se e an­nun­cia la sua pre­sen­za al­la Da­cia Are­na (sa­rà un de­but­to su­gli spal­ti) in oc­ca­sio­ne del­la par­ti­ta di do­me­ni­ca con­tro il Pe­sca­ra. Poi spa­zia a tut­to cam­po, dall'eso­ne­ro di Bep­pe Ia­chi­ni al­la nuo­va av­ven­tu­ra in pan­chi­na di Gi­gi Del­ne­ri, pas­san­do poi al­le (ma­cro) dif­fe­ren­ze tra cal­cio in­gle­se e se­rie A e al­lo scar­so im­pie­go dei gio­va­ni nel cal­cio ita­lia­no. Il tec­ni­co di Ca­stel­fran­co Ve­ne­to, di­re­gi­to l'eso­ne­ro al­lo Swan­sea, è in­ter­ve­nu­to lu­ne­dì se­ra a Te­le­friu­li per com­men­ta­re sia la scon­fit­ta con­tro la Ju­ven­tus che, più in ge­ne­ra­le, il mo­men­to dell'udi­ne­se. «La squa­dra mi è pia­ciu­ta mol­to ha det­to il Gui­do - ha gio­ca­to con spi­ri­to. Ho vi­sto una squa­dra che senz'al­tro ha dei va­lo­ri, co­me sem­pre. Pen­so che il fu­tu­ro pos­sa es­se­re po­si­ti­vo». Poi una ca­rez­za a Ia­chi­ni e un in boc­ca al lu­po a Del­ne­ri: «Mi di­spia­ce dav­ve­ro mol­to per Bep­pe Ia­chi­ni - ha com­men­ta­to - che è un ra­gaz­zo per be­ne, una per­so­na che sti­mo mol­to e un al­le­na­to­re ca­pa­ce. Sti­mo mol­to an­che Gi­gi Del­ne­ri e spe­ro che le co­se va­da­no be­ne a lui e all'udi­ne­se». Stuz­zi­ca­to sul te­ma re­la­ti­vo al­la fi­du­cia nei con­fron­ti dei gio­va­ni, Gui­do­lin ha ri­per­cor­so la sto­ria re­cen­te del club bian­co­ne­ro: «Pos­so di­re che nei 4 an­ni in cui c'ero io era­va­mo mol­to gio­va­ni: pro­ba­bil­men­te la so­cie­tà si fi­da­va di me. C'era­no tan­ti tan­ti ra­gaz­zi e 3 o 4 gio­ca­to­ri esper­ti che han­no da­to una ma­no ec­ce­zio­na­le. Poi quan­do so­no an­da­to via, il grup­po è di­ven­ta­to me­no esper­to. Ades­so ci so­no nuo­va­men­te gio­va­ni co­me Ro­dri­go De Paul, Sti­pe Pe­ri­ca e Se­ko Fo­fa­na... For­se si è ri­pre­sa la ten­den­za dei miei an­ni che ci ha da­to tan­te sod­di­sfa­zio­ni». Poi un com­men­to sul­la re­cen­te espe­rien­za in Gal­les: «È sta­ta bel­la, an­che se non è fi­ni­ta be­ne. So­no si­cu­ro di aver la­scia­to un buon ri­cor­do. In Gran Bre­ta­gna è di­ver­so: le pres­sio­ni ci so­no, ma una vol­ta fi­ni­ta la par­ti­ta tut­to si spe­gne». Tor­na­to sull'udi­ne­se, Gui­do­lin ha par­la­to an­che del fu­tu­ro so­cie­ta­rio: «Non cre­do ad un di­sim­pe­gno: fin­ché il pa­tron sa­rà Giam­pao­lo Poz­zo e lui avrà la for­za e la vo­glia e la pas­sio­ne che ha, l'udi­ne­se re­ste­rà una bel­lis­si­ma real­tà del no­stro cam­pio­na­to. Non si può an­da­re sem­pre in Europa. Non bi­so­gna guar­da­re a In­ter, Mi­lan o Ju­ve ma bi­so­gna pen­sa­re a co­sa fan­no Em­po­li e Ca­glia­ri. L'udi­ne­se è in se­rie A da tan­ti an­ni e que­sta è già tan­ta ro­ba. Ser­vo­no idee, pro­get­ti, pro­gram­ma­zio­ne E am­bi­zio­ne. In que­sto l'udi­ne­se è sem­pre sta­ta sul­la stra­da giu­sta». Una stra­da che Gui­do­lin in­cro­ce­rà di nuo­vo do­me­ni­ca. Sta­vol­ta dal­la tri­bu­na.

«Bel­la espe­rien­za mal­gra­do il fi­na­le»

L’UL­TI­MA VOL­TA IN CHAM­PIONS Pa­tron Giam­pao­lo Poz­zo esul­ta as­sie­me a Fran­ce­sco Gui­di­lin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.