Sgar­bi: «Io, Bi­ton­ci e la por­no­star vi sve­lo i se­gre­ti del­la mia Ba­be­le»

Il cri­ti­co e la sua ras­se­gna pa­do­va­na

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Ser­gio Fri­go

«Ba­sta au­to­ri che si par­la­no ad­dos­so, con­fron­tia­mo­ci sul­le idee». Co­sì Vit­to­rio Sgar­bi pre­sen­ta il pro­gram­ma di “Ba­be­le”, il fe­sti­val or­ga­niz­za­to a Pa­do­va. E ag­giun­ge: «Sia­mo in Ve­ne­to ho pen­sa­to che fos­se op­por­tu­no va­lo­riz­za­re an­che gli au­to­ri di que­sta re­gio­ne».

Chi lo co­no­sce sa che, nel be­ne o nel ma­le, la Ba­be­le è l’ele­men­to na­tu­ra­le di Vit­to­rio Sgar­bi. Tan­to più se è lui stes­so a crear­la, co­me nel fe­sti­val in cor­so in que­sti gior­ni a Pa­do­va. «Non vo­le­vo una ras­se­gna di li­bri e di au­to­ri che si par­la­no ad­dos­so, co­me ne­gli al­tri fe­sti­val - spie­ga il cri­ti­co - ma di idee e di va­lo­ri, di prin­ci­pi che si con­fron­ta­no. Tra l’al­tro è quan­to ho sem­pre fat­to quan­do ero sin­da­co o as­ses­so­re». Qua­li so­no le di­ret­tri­ci del­la ras­se­gna? «Sia­mo nel Ve­ne­to, quin­di ho pen­sa­to che fos­se op­por­tu­no va­lo­riz­za­re i gran­di scrit­to­ri di que­sta re­gio­ne, da Co­mis­so a Ci­bot­to, da Pa­ri­se a Zan­zot­to, an­che at­tra­ver­so la ri­pro­po­si­zio­ne dei film de­ri­va­ti dal­la lo­ro in­ven­zio­ne nar­ra­ti­va»

Poi ci so­no gli an­ni­ver­sa­ri... «Si, a par­ti­re dal­la ce­le­bra­zio­ni dei 500 an­ni dell’or­lan­do Fu­rio­so, ma an­che con le ri­cor­ren­ze del 1916, che ha vi­sto la na­sci­ta di Gior­gio Bas­sa­ni e di Al­do Mo­ro, che fu l’ul­ti­mo gran­de pen­sa­to­re po­li­ti­co del ’900: ho in­vi­ta­to a par­lar­ne il suo ul­ti­mo se­gre­ta­rio, Giu­sep­pe Pi­sa­nu, e il co­mu­ni­sta mi­glio­ri­sta Gian­ni Cer­vet­ti».

L’ul­ti­mo te­ma for­te? «É il dia­lo­go con l’islam, in­ve­ce che lo scon­tro. Tut­te le se­re al­le 19 si con­fron­ta­no imam, scrit­to­ri, tra­dut­to­ri, don­ne isla­mi­ci, con ve­sco­vi, pa­sto­ri e re­spon­sa­bi­li del­la me­dia­zio­ne fra cul­tu­re e co­mu­ni­tà: c’è il ve­sco­vo di

IL PRE­MIO AL PA­DRE «E’ un vec­chio po­le­sa­no che rac­con­ta la re­gio­ne»

Bo­lo­gna Mon­si­gnor Mat­teo Ma­ria Zup­pi, il Vi­ce­pre­si­den­te del­la Cei Mon­si­gnor Fran­co Giu­lio Brambilla, in dia­lo­go con Fau­sto Ber­ti­not­ti e Sha­dy Ha­ma­di, You­nis Ta­w­fik con Fran­co Car­di­ni e Mas­si­mo Fi­ni...» Che rap­por­ti ha con un’am­mi­ni­stra­zio­ne che ha su­sci­ta­to po­le­mi­che per al­cu­ne sue re­cen­ti scel­te di cam­bia­men­to in cam­po cul­tu­ra­le? «Ho im­po­sta­to le mie ini­zia­ti­ve in sen­so cul­tu­ra­le e an­tro­po­lo­gi­co, a par­ti­re dal­le mie com­pe­ten­ze, dan­do qual­che sug­ge­ri­men­to: ol­tre a Ba­be­le ci sa­ran­no del­le mo­stre, in par­ti­co­la­re una sul ’600 ve­ne­to che po­treb­be ave­re co­me ba­se Pa­laz­zo Za­ba­rel­la, ma toc­ca­re an­che le al­tre pro­vin­ce ve­ne­te. A pro­po­si­to di ar­te e scrit­tu­ra, ho vo­lu­to ri­spol­ve­ra­re Marco Bo­schi­ni e il suo con­tri­bu­to al­la co­no­scen­za dei ca­po­la­vo­ri ve­ne­zia­ni». Ha avu­to sen­to­re di re­si­sten­ze nel mon­do cul­tu­ra­le nel par­te­ci­pa­re a una ma­ni­fe­sta­zio­ne che se­gue all’espul­sio­ne del­la Fie­ra del­le Pa­ro­le? «No, l’uni­co che ha det­to di no a prio­ri, per­chè gli è an­ti­pa­ti­co Bi­ton­ci, è sta­to Mau­ro Co­ro­na. Il sin­da­co si è det­to di­spia­ciu­to, gli sa­reb­be pia­ciu­to dia­lo­ga­re con lui, ma io in real­tà non ave­vo pen­sa­to di in­vi­tar­lo, an­che se sia­mo ami­ci». Lei ha in­vi­ta­to a Ba­be­le an­che suo pa­dre, che pu­re è un ot­ti­mo scrit­to­re, e gli at­tri­bui­rà an­che il pros­si­mo Pre­mio Ca­val­li­ni: non è che co­me

LA “SPARATA”

«Ri­por­ta­re Mon­na Li­sa? Era uno spot ben pa­ga­to»

fi­glio ha qual­co­sa da far­si per­do­na­re? «É un ve­ne­to an­che lui (è na­to a Stien­ta, in pro­vin­cia di Ro­vi­go, ndr), e mi pa­re­va in­te­res­san­te af­fi­da­re a due gran­di vec­chi co­me lui e An­to­nio Giu­sti il rac­con­to di un se­co­lo. E c’è an­che il mi­ti­co Pie­ro Sa­na­vio a par­la­re di Lui­gi Gro­to...». Co­sa c’en­tra la por­no­star Vit­to­ria Ri­si in tut­to que­sto? Non cre­de che si par­le­rà più di lei che di Ruz­zan­te e Zan­zot­to, a cui l’ha ac­co­sta­ta? «L’ave­vo già usa­ta nel 2010 in oc­ca­sio­ne del­la mo­stra ve­ne­zia­na sul­la “Nu­da” del Gior­gio­ne; l’al­lo­ra Pa­triar­ca An­ge­lo Sco­la mi chie­se di non far­la spo­glia­re, e io da buon cri­stia­no ob­be­dìi, an­che per­chè ave­vo già ot­te­nu­to l’ef­fet­to che mi pre­fig­ge­vo con l’an­nun­cio. Poi sia­mo di­ven­ta­ti ami­ci. Sta­vol­ta l’ha in­tro­dot­ta il re­gi­sta Gian­ni De Lui­gi per al­cu­ni in­ter­ven­ti tea­tra­li sa­ba­to, in cui in­ter­pre­te­rà la cor­ti­gia­na Ve­ro­ni­ca Fran­co». Per fi­ni­re una do­man­da che non c’en­tra con Ba­be­le: qual­che me­se lei ha an­nun­cia­to con cla­mo­re che avreb­be ri­por­ta­to in Ita­lia la Mon­na Li­sa per una mo­stra? Com’è fi­ni­ta? «Ma era uno spot pub­bli­ci­ta­rio, ol­tre­tut­to ben pa­ga­to, del­la Ci­troen per un suo nuo­vo mo­del­lo. An­che se ho sco­per­to che è uno dei po­chi col­lan­ti na­zio­na­li ol­tre al­la Na­zio­na­le di cal­cio, il qua­dro è sta­to por­ta­to in Francia dal­lo stes­so Leo­nar­do, quin­di sta be­ne là».

CU­RA­TO­RE Vit­to­rio Sgar­bi è l’or­ga­niz­za­to­re di “Ba­be­le a Nor­de­st”, ras­se­gna di let­te­ra­tu­ra, cultura e ar­ti va­rie in cor­so a Pa­do­va fi­no a do­me­ni­ca pros­si­ma: «Va­lo­riz­ze­re­mo gli scrit­to­ri an­che con i film trat­ti dal­le lo­ro ope­re».

POR­NO­STAR «Ave­vo già usa­to Vit­to­ria Ri­si al­la mo­stra ve­ne­zia­na sul­la “Nu­da” del Gior­gio­ne. Il Pa­triar­ca mi chie­se di non far­la spo­glia­re. Qui in­ve­ce in­ter­pre­te­rà la cor­ti­gia­na Ve­ro­ni­ca Fran­co in al­cu­ni in­ter­ven­ti tea­tra­li».

RI­FIU­TO «Do­po la fi­ne del­la Fie­ra del­le pa­ro­le so­lo Mau­ro Co­ro­na ci ha det­to di no a prio­ri per­ché gli è an­ti­pa­ti­co Bi­ton­ci. Al sin­da­co è di­spia­ciu­to, io pe­rò non ave­vo pen­sa­to di in­vi­tar­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.