Il do­lo­re di un bam­bi­no: «Pa­pà, dov’è mam­ma?»

IL RAC­CON­TO Lo stra­zio dei so­prav­vis­su­ti da­van­ti al­le ba­re al­li­nea­te nel ca­pan­no­ne per il ri­to Una don­na ac­ca­rez­za i fe­re­tri del fi­glio e del­la fi­glia. La di­spe­ra­zio­ne dei non­ni, ri­ma­sti so­li

Il Gazzettino (Rovigo) - - PRIMO PIANO - Ma­rio Ajel­lo

Le la­cri­me di piog­gia che scen­do­no sul ca­pan­no­ne in cui si svol­go­no le ese­quie, e che han­no ba­gna­to i fa­mi­lia­ri dei de­fun­ti di Ama­tri­ce in­sie­me al­la me­mo­ria dei lo­ro ca­ri, par­te­ci­pa­no in qual­che mo­do al­lo stra­zio. An­che rav­vi­van­do i maz­zi di fio­ri che fin dal mat­ti­no quel che re­sta dei Se­ra­fi­ni, dei Di Co­la, dei Ne­ro­ni, dei Bo­na­mi­ci e del­le al­tre gen­ti de­ci­ma­te dal si­sma ha co­min­cia­to a por­ta­re ver­so la ten­da adi­bi­ta a chie­sa. Chie­den­do, lun­go il tra­git­to, ai vo­lon­ta­ri del­la Cro­ce Ros­sa: «Po­te­te te­ne­re que­sti fio­ri per un po’ nei vo­stri fri­go­ri­fe­ri da cam­po, co­sì di­ven­ta­no an­co­ra più fre­schi e più bel­li per quan­do dob­bia­mo da­re l’ul­ti­mo ad­dio?». C’è chi ar­ri­va al­la ce­ri­mo­nia in­sie­me al car­ro fu­ne­bre: «Ap­pe­na fi­ni­sce, por­tia­mo zio Car­lo a Ro­ma». Qual­cu­no si fa ac­com­pa­gna­re dal­lo psi­co­lo­go, al­tri pre­ga­no lun­go la mar­cia di av­vi­ci­na­men­to al­la schie­ra del­le ba­re, al­tri an­co­ra cam­mi­na­no ag­grap­pa­ti agli in­fer­mie­ri che chie­do­no al­la mam­ma ri­ma­sta so­la: «Si­gno­ra bel­la, hai pre­so la pa­sti­gliet­ta?”»(os­sia il cal­man­te). Poi lo stra­zio è quel­lo di un bam­bi­no, 7 an­ni, l’uni­co pre­sen­te ai fu­ne­ra­li, an­co­ra in te­nu­ta da cal­cio. Ha ap­pe­na fi­ni­to di gio­ca­re la par­ti­tel­la di cal­cio con i vo­lon­ta­ri. Gli è mor­ta la so­rel­la Ca­te­ri­na Amo­dio, 14 an­ni, di cui ca­rez­za il fe­re­tro in pri­ma fi­la, e non ha più nep­pu­re la ma­dre di cui chie­de no­ti­zie: «Hai pro­va­to a sal­va­re mam­ma?». «Sì, ma era som­mer­sa co­sì gli ri­spon­de lo zio - dai cal­ci­nac­ci”. «E che co­sa so­no i cal­ci­nac­ci», do­man­da il pic­co­let­to.

La si­gno­ra Gros­si, per tut­to il po­me­rig­gio, sta se­du­ta tra le ba­re dei due fi­gli. Una ma­no è pog­gia­ta con­ti­nua­men­te sul­la cas­sa di si­ni­stra, do­ve ri­po­sa An­na, 21 an­ni, e l’al­tra è fer­ma sul­la ba­ra di de­stra che con­tie­ne il cor­po del pri­mo­ge­ni­to, Fran­co, 23 an­ni. Lei ha il vol­to tut­to ne­ro per i li­vi­di cau­sa­ti dal crol­lo di quel­la not­te. E co­sì è ri­dot­ta an­che la don­na che sie­de po­co di­stan­te: «Ma­le­det­to, ma­le­det­tooooo!!!», gri­da e ce l’ha con il Pa­dre­ter­no che non ha avu­to pie­tà di sua so­rel­la, di suo co­gna­to e di sua ni­po­te.

In­tan­to, a po­che cen­ti­na­ia di me­tri dal ca­pan­no­ne dei fu­ne­ra­li col­let­ti­vi, si tro­va il pic­co­lo ci­mi­te­ro, mez­zo di­roc­ca­to, di Ama­tri­ce do­ve la fa­mi­glia Si­gi­smon­di sta tu­mu­lan­do la ma­dre e il pa­pà di Ric­car­do, 8 an­ni, ed è mor­to con lo­ro an­che que­sto bam­bi­no bion­do che gio­ca­va a pal­lo­ne nel­la Lo­di­gia­ni (vi­ve­va­no a Ro­ma), la squa­dra in cui è cre­sciu­to Fran­ce­sco

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.