Rie­ti, 90 mi­lio­ni spar­pa­glia­ti in tre­cen­to pic­co­li can­tie­ri

Il Gazzettino (Rovigo) - - PRIMO PIANO - Mau­ro Evan­ge­li­sti

L’area di Rie­ti ha avu­to 90 mi­lio­ni da spen­de­re ne­gli ul­ti­mi ven­ti an­ni per il do­po ter­re­mo­to e per met­te­re in si­cu­rez­za gli edi­fi­ci, ep­pu­re il 24 ago­sto Ama­tri­ce e Ac­cu­mo­li si so­no sbri­cio­la­te. Era­no fi­nan­zia­men­ti sta­ta­li e re­gio­na­li pio­vu­ti do­po il si­sma dell’um­bria del 1997 e do­po quel­lo dell’aqui­la, del 2009. Ep­pu­re, no­no­stan­te que­sto fiu­me di de­na­ro, usa­to ma­le o ad­di­rit­tu­ra non usa­to del tut­to, al­le 3.36 del 24 ago­sto non so­lo so­no crol­la­ti im­mo­bi­li pri­va­ti, ma an­che pa­laz­zi pub­bli­ci, su cui era­no sta­ti ese­gui­ti dei la­vo­ri, ad Ama­tri­ce ed Ac­cu­mo­li, va­le a di­re in due pae­si di fa­scia 1 - quin­di di mas­si­mo ri­schio si­smi­co - del­la pro­vin­cia di Rie­ti. Co­me è pos­si­bi­le? Una ri­spo­sta è lam­pan­te: 300 pic­co­li in­ter­ven­ti spar­si in gran par­te del va­sto ter­ri­to­rio si so­no ri­ve­la­ti una scelta fol­le, per­ché si è vo­lu­to da­re sol­di a tut­ti, ma non so­no sta­ti pe­rò rea­liz­za­ti in­ter­ven­ti an­ti si­smi­ci im­por­tan­ti do­ve ve­ra­men­te sa­reb­be­ro ser­vi­ti.

In­ve­ce di con­cen­tra­re le ri­sor­se a di­spo­si­zio­ne su in­ter­ven­ti mi­ra­ti, si è da­to po­co a tut­ti e inu­til­men­te. Ec­co per­ché da gior­ni sta con­ti­nuan­do la can­ti­le­na a cui ci stia­mo abi­tuan­do «qui so­no sta­ti fi­nan­zia­ti in­ter­ven­ti di mi­glio­ra­men­to an­ti si­smi­co, non di ade­gua­men­to, che sa­reb­be co­sta­to mol­to di più». Ma que­sta non è una giu­sti­fi­ca­zio­ne, ma l’am­mis­sio­ne di una stra­te­gia sba­glia­ta, per­ché so­lo in­ter­ven­ti pro­fon­di di ade­gua­men­to ga­ran­ti­sco­no che l’edi­fi­cio pos­sa re­si­ste­re al­le scos­se più for­ti. «Con il sen­no di poi - ana­liz­za Fa­bio Me­lil­li, par­la­men­ta­re rea­ti­no del Pd, che da pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia è sta­to uno dei tre com­mis­sa­ri che si so­no suc­ce­du­ti nel­la ge­stio­ne dei fon­di - for­se si de­ve am­met­te­re che sa­reb­be sta­to giu­sto pun­ta­re su me­no in­ter­ven­ti ma più ef­fi­ca­ci».

Il pro­ble­ma è che ogni co­mu­ne - dal ca­po­luo­go al più pic­co­lo - se­gna­la­va dan­ni, chie­de­va at­ten­zio­ne, e spes­so le ragioni del­la po­li­ti­ca non con­sen­to­no di di­re no. E poi c’è il pro­ble­ma del­la ri­strut­tu­ra­zio­ne dei pon­ti, co­me il Ro­sa e il Tre Oc­chi, en­tram­bi dan­neg­gia­ti

Fiu­me di de­na­ro sta­ta­le sen­za ope­re an­ti-si­sma

«Col sen­no di poi si può di­re che è sta­to un er­ro­re»

dal ter­re­mo­to con con­se­guen­te iso­la­men­to del ter­ri­to­rio di Ama­tri­ce: la Re­gio­ne nel 2014 stan­ziò 611 mi­la eu­ro sen­za ero­gar­li, la Pro­vin­cia di Rie­ti non ave­va fon­di a suf­fi­cien­za per in­te­gra­re quel­la ci­fra, li ha in­se­ri­ti nel bi­lan­cio 2016, ma tut­to è ri­ma­sto fer­mo, sul­la car­ta. Sol­di esi­sten­ti, non spe­si. In­fi­ne, nel­la li­sta del­le oc­ca­sio­ni per­du­te van­no mes­si an­che i pri­va­ti: i fon­di con­sen­ti­va­no an­che al pic­co­lo pro­prie­ta­rio di ade­gua­re al­le nor­me an­ti si­smi­che le pro­prie ca­se, ma in po­chis­si­mi si so­no fat­ti avan­ti, per­ché poi i fi­nan­zia­men­ti ri­ce­vu­ti an­da­va­no in­te­gra­ti.

La li­sta del­la ri­co­stru­zio­ne è lun­ghis­si­ma, 300 ope­re: 500 mi­la eu­ro ad Ac­cu­mo­li (per la tor­re ci­vi­ca, per due par­roc­chie, per la ca­ser­ma dei ca­ra­bi­nie­ri); 1,9 mi­lio­ni ad Ama­tri­ce, per una lun­ga li­sta di chie­se e par­roc­chie. Ma i fon­di ven­go­no ri­par­ti­ti in to­ta­le su una tren­ti­na di co­mu­ni, dal­la A di Ac­cu­mo­li al­la T di Tor­ri­cel­la, e que­sta fram­men­ta­zio­ne al­la fi­ne si è ri­ve­la­ta a dir po­co inef­fi­ca­ce. Si so­no mes­si tan­ti ce­rot­ti, ma non si so­no vac­ci­na­ti i pae­si in cui ser­vi­va per­ché nel­le zo­ne più a ri­schio.

Nel­la li­sta c’era­no mol­tis­si­me chie­se e i la­vo­ri fu­ro­no ge­sti­ti an­che dal­la cu­ria di Rie­ti, ma ad Ac­cu­mo­li l’in­ter­ven­to pre­vi­sto sul com­ples­so di San Pie­tro e San Lo­ren­zo si è ri­ve­la­to un fal­li­men­to per­ché fu fi­nan­zia­ta la ri­strut­tu­ra­zio­ne del­la chie­sa, ma il cam­pa­ni­le è crol­la­to, tra­vol­gen­do una ca­sa e uc­ci­den­do un’in­te­ra fa­mi­glia.

CHIU­SO Il Pon­te a Tre Oc­chi dan­neg­gia­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.