AL­TER­NA­TI­VE

Ro­ta: «ga­va non può eser­ci­ta­re la pro­fes­sio­ne. In Afri­ca muo­io­no bam­bi­ni per ma­lat­tie che qui non esi­sto­no più»

Il Gazzettino (Udine) - - DA PRIMA PAGINA - Fa­va­ro e Ros­si­gna­ti

Nel mi­ri­no an­che Ro­ber­to Ga­va, il car­dio­lo­go di Ca­stel­fran­co, chia­ma­to a mo­de­ra­re an­che un con­ve­gno in Se­na­to e pro­fe­ta del­le cu­re al­ter­na­ti­ve.

«Per me quel me­di­co an­dreb­be ra­dia­to». È pe­ren­to­rio il dot­tor Ro­ber­to Mo­ra, presidente dell’or­di­ne dei me­di­ci del Ve­ne­to e di Verona, sul­la vi­cen­da che da me­si ve­de pro­ta­go­ni­sta il col­le­ga tre­vi­gia­no Ro­ber­to Ga­va, che con con­ve­gni, li­bri, con­fe­ren­ze ha mes­so in dub­bio l’uti­li­tà del­le vac­ci­na­zio­ni di mas­sa, scri­ven­do an­che as­sie­me ad al­tri col­le­ghi una let­te­ra all’isti­tu­to su­pe­rio­re del­la sa­ni­tà.

«Chia­ria­mo su­bi­to che quel me­di­co non di­ce mai di es­se­re con­tro i vac­ci­ni, ci man­che­reb­be, pe­rò af­fer­ma che non tut­ti van­no vac­ci­na­ti, so­prat­tut­to i bam­bi­ni. E lo fa pro­muo­ven­do con li­bri e con­ve­gni ri­vol­ti ai ge­ni­to­ri que­sta sua te­si - spie­ga Mo­ra - Il pros­si­mo con­ve­gno sa­rà a Creaz­zo di Vi­cen­za, il 5 no­vem­bre, in un ho­tel e per par­te­ci­par­vi c’è un quo­ta di iscri­zio­ne da pa­ga­re. E que­sto non va as­so­lu­ta­men­te be­ne. So che l’or­di­ne com­pe­ten­te nei suoi con­fron­ti, quel­lo di Tre­vi­so, ha già aper­to un pro­ce­di­men­to di­sci­pli­na­re nei suoi con­fron­ti. An­che qui ci so­no tre gra­di di giu­di­zio, ul­ti­mo la Cas­sa­zio­ne. E quin­di ser­vi­ran­no an­ni, ma per me va ra­dia­to, ri­mar­rà lau­rea­to in me­di­ci­na ma non po­trà più eser­ci­ta­re la pro­fes­sio­ne».

Mo­ra spie­ga per­ché è co­sì du­ro su que­sta vi­cen­da: «Se og­gi in Ita­lia o in Eu­ro­pa l’aspet­ta­ti­va di vi­ta è ar­ri­va­ta a 80-85 an­ni lo dob­bia­mo ai vac­ci­ni, la più gran­de ar­ma che l’uma­ni­tà ha sco­per­to con­tro le ma­lat­tie. Tut­ti sap­pia­mo che vi so­no dei bam­bi­ni che non pos­so­no es­se­re vac­ci­na­ti, a cau­sa del lo­ro si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio, ma an­che quan­do le vac­ci­na­zio­ni era­no ob­bli­ga­to­rie per lo­ro era pre­vi­sta l’esen­zio­ne. E qui ar­ri­via­mo al pro­ble­ma: se uno dei quei bam­bi­ni en­tra in con­tat­to con una per­so­na non vac­ci­na­ta che gli tra­smet­te ma­ga­ri il mor­bil­lo, ne può mo­ri­re. È que­sto il ve­ro te­ma: dob­bia­mo vac­ci­na­re chi può es­se­re vac­ci­na­to, ed è la stra­gran­de mag­gio­ran­za, per di­fen­de­re quei bam­bi­ni che non de­vo­no in­ve­ce es­se­re vac­ci­na­ti. Tut­ti co­lo­ro che fre­quen­ta­no luo­ghi pub­bli­ci van­no vac­ci­na­ti pro­prio per di­fen­de­re chi in­ve­ce il vac­ci­no non può far­lo. La vac­ci­na­zio­ne di mas­sa im­pe­di­sce il ri­tor­no di ma­lat­tie ter­ri­bi­li co­me il va­io­lo, che ab­bia­mo de­bel­la­to, o la dif­te­ri­te. In Afri­ca an­co­ra og­gi mol­ti bam­bi­ni muo­io­no per ma­lat­tie che noi in Ita­lia ri­te­nia­mo non esi­sta­no più. Ci pen­si­no quei ge­ni­to­ri che se­guo­no cer­ti con­ve­gni».

LA PREOCCUPAZIONE Pos­so­no tor­na­re pa­to­lo­gie mor­ta­li

PRESIDENTE Ro­ber­to Mo­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.