La fa­mi­glia al cen­tro e l’azien­da in­tor­no

il Giornale del Turismo Magazine - - PROTAGONISTI DEL TURISMO -

a cu­ra di An­to­nio Del Pia­no

Si di­ce che il mon­do sia fat­to a sca­le, e si vuo­le che ci sia chi scen­de e chi sa­le. In an­ni du­ran­te i qua­li l’eco­no­mia ha vi­sto nu­me­ro­se azien­de scen­de­re, o ad­di­rit­tu­ra ruz­zo­la­re, lun­go le gra­di­na­te dell’are­na tu­ri­sti­ca, ci so­no al­cu­ni ca­si di be­st prac­ti­ce che re­ga­la­no al set­to­re la spe­ran­za che non de­ve mai man­ca­re, quel­la di riu­sci­re a far­ce­la. Fra i ca­si più si­gni­fi­ca­ti­vi c’è Ve­ra­tour, uno dei brand più no­ti e di lun­go cor­so fra quel­li pre­sen­ti sul mercato. Azien­da a ca­rat­te­re fa­mi­lia­re, gui­da­ta da pa­tron Car­lo e dai suoi due ra­gaz­zi, Ste­fa­no e Da­nie­le, che ha fat­to dell’iden­ti­tà fa­mi­lia­re uno dei suoi pun­ti di for­za. E Car­lo Pom­pi­li, pre­si­den­te di Ve­ra­tor, la fa­mi­glia l’ha sem­pre mes­sa al cen­tro del pro­get­to:“È sta­ta fon­da­men­ta­le al­me­no ne­gli ul­ti­mi 15 an­ni. Se una fa­mi­glia la­vo­ra uni­ta e per­se­gue lo stes­so obiet­ti­vo, dif­fi­cil­men­te le co­se an­dran­no ma­le. La fa­mi­glia è la pri­ma ad ave­re in­tes­se nell’azien­da e per que­sto è im­por­tan­te an­da­re d’ac­cor­do ed es­se­re in sin­to­nia. Noi ci sia­mo riu­sci­ti e una par­te di me­ri­to io me la pre­do!”.

FI­GLI, MON­TA­GNE E … CRO­CIE­RE

Co­me si fa a tra­smet­te­re di pa­dre in fi­glio la stes­sa pas­sio­ne e la stes­sa ca­pa­ci­tà nel rea­liz­za­re un pro­get­to vin­cen­te. I pa­dri non so­no sem­pre mon­ta­gne trop­po al­te da sca­la­re per i fi­gli? “Sei una mon­ta­gna se le co­se le fai pe­sa­re e se le co­se di­ven­ta­no pe­san­ti, pri­ma o poi ti schian­ta­no. L’abi­li­tà sta nell’aver sem­pre cer­ca­to di non far pe­sa­re tut­ta l’im­pre­sa sul­le spal­le di per­so­ne gio­va­ni, aver ac­cet­ta­to lo­ro even­tua­li er­ro­ri e cer­ca­to di far­glie­ne fa­re il me­no pos­si­bi­le. Gli er­ro­ri li fac­cia­mo tut­ti, sba­glia­re si può ma nel­le no­stre at­ti­vi­tà dob­bia­mo es­se­re bra­vi a sba­glia­re po­co”. E an­che se i fi­gli cre­sco­no, co­me ca­pi­ta per Ste­fa­no e Da­nie­le che in Ve­ra­tour ora se­guo­no la di­re­zio­ne ge­ne­ra­le e quel­la dei vil­lag­gi, pa­tron Car­lo non in­ten­de cu­cir­si an­co­ra ad­dos­so l’eti­chet­ta di Gran­de Vec­chio:“Quan­do sa­rò ta­le, me ne an­drò in cro­cie­ra, quel­le che og­gi fan­no con­cor­ren­za al no­stro pro­dot­to. Per ora ne ho fat­ta una e mi è ba­sta­ta (ri­de)… co­mun­que ci vuo­le an­co­ra qual­che an­no, io mi di­ver­to an­co­ra. Il mio la­vo­ro è sta­to di­ver­ti­men­to. È di­ver­ti­men­to. Lo è al pun­to che mi sem­bra stra­no an­che chia­mar­lo la­vo­ro”. L’azien­da co­mun­que si sta strut­tu­ran­do per af­fron­ta­re le sfi­de di do­ma­ni, i ma­na­ger ar­ri­va­no ad af­fian­ca­re i pa­dro­ni di ca­sa nel­la ge­stio­ne del­la mac­chi­na sem­pre più com­ples­sa co­me quel­la di un tour ope­ra­tor da 33 vil­lag­gi spar­si per il mon­do. Una mac­chi­na vin­cen­te per­ché il cam­mi­no di Ve­ra­tour è pa­ra­go­na­bi­le al­la ga­lop­pa­ta vin­cen­te di uno di quei team che gui­da­no il cam­pio­na­to dal­la pri­ma all’ul­ti­ma gior­na­ta. Con il van­tag­gio che qua l’ul­ti­ma gior­na­ta non c’è. È dal 1990 che l’azien­da chiu­de il bi­lan­cio con il se­gno po­si­ti­vo, an­che in an­ni non sem­pli­ci da vi­ve­re. Una mo­sca bian­ca nel pa­no­ra­ma ge­ne­ra­le. Il 1990 è sta­to an­che l’an­no del­la na­sci­ta di Ve­ra­tour.

Il tour ope­ra­tor

dei vil­lag­gi e dei re­cord, con il bi­lan­cio in at­ti­vo fin dal­la sua na­sci­ta nel 1990. La po­li­ti­ca dei

pas­si giu­sti e l’ap­pun­ta­men­to con la pros­si­ma cro­cie­ra… il più

tar­di pos­si­bi­le

PRI­MI PAS­SI SUL MERCATO

La so­cie­tà ori­gi­na­ria vi­de lu­ce ad­di­rit­tu­ra nel 1976. Era la fi­lia­le ita­lia­na del­la spa­gno­la Via­jes Ecua­dor che ope­ra­va co­me ri­cet­ti­vi­sta con 200 se­di fra Spa­gna, Eu­ro­pa e Ame­ri­ca La­ti­na. “L’uf­fi­cio ita­lia­no non fa­ce­va par­te del­la ven­di­ta

Ve­ra­club Cry­stal Bay

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.