Co­sta Cro­cie­re si ri­pren­de la

il Giornale del Turismo Magazine - - CROCIERE -

ser­vi­zio a cu­ra di An­to­nio Del Pia­no

Sia­mo tor­na­ti. Vie­ne in men­te uno dei co­ri clas­si­ci gri­da­ti del­le squa­dre che tor­na­no in se­rie A, per spie­ga­re me­glio lo sta­to d’ani­mo che ser­peg­gia in Co­sta Cro­cie­re. Sen­ti­men­ti evi­den­zia­ti dai volti sod­di­sfat­ti del ma­na­ge­ment, dal Ceo Mi­chael Thamm al di­ret­to­re com­mer­cia­le Ita­lia Car­lo Schiavon, nell’il­lu­stra­re i nu­me­ri del­la sta­gio­ne che è ap­pe­na par­ti­ta, al­la pla­tea de­gli agen­ti di viag­gio ospi­ti a bor­do di Co­sta Lu­mi­no­sa per l’at­tri­bu­zio­ne dei ri­co­no­sci­men­ti ai Pro­ta­go­ni­sti del Ma­re. “Nei pri­mi tre me­si del 2014 la quo­ta di mercato di Co­sta Cro­cie­re si at­te­sta al 61%, con un gua­da­gno di 11 pun­ti ri­spet­to ad un an­no fa” an­nun­cia Schiavon. “L’an­no è ini­zia­to in ma­nie­ra mol­to po­si­ti­va – con­ti­nua il di­ret­to­re com­mer­cia­le – ma quel­lo che più con­ta è che la ri­pre­sa non so­lo è una co­sa di cui si parla ma qual­co­sa che stia­mo ef­fet­ti­va­men­te sen­ten­do”. I da­ti par­la­no chia­ro: “Se guar­dia­mo le cro­cie­re che par­to­no nell’an­no fi­sca­le 2014 e va­lu­tia­mo il pe­rio­do gen­na­io apri­le, in Ita­lia Co­sta ha un trend po­si­ti­vo del 51%. Se poi ana­liz­zia­mo le cro­cie­re che par­to­no nell’an­no 2015, il da­to sa­le al 55%, una co­sa dav­ve­ro no­te­vo­le. L’an­ti­ci­po del­le pre­no­ta­zio­ni nel 2014 è ar­ri­va­to a 4 me­si. Que­sto vuol di­re che c’è un mercato sem­pre più at­ten­to”. In più la con­si­de­ra­zio­ne, con­fer­ma­ta da tut­ti i players del set­to­re, su co­me il mercato cro­cie­ri­sti­co in Ita­lia ab­bia an­co­ra am­pi mar­gi­ni di cre­sci­ta. “Nel 2012 la quo­ta cro­cie­re del mercato ita­lia­no va­le­va 13 pun­ti, un an­no do­po è ar­ri­va­ta a 15 e que­st’an­no, se guar­dia­mo ai pri­mi quat­tro me­si, sia­mo già al 19%. Pen­sia­mo non sia fi-

Nel cor­so de I Pro­ta­go­ni­sti

del Ma­re, Car­lo Schiavon trac­cia un pri­mo bi­lan­cio di una sta­gio­ne che ve­de la Com­pa­gnia

re­cu­pe­ra­re po­si­zio­ni e lan­cia la nuo­va stra­te­gia che va da We Ca­re

a Co­sta Ex­tra

ni­ta qui, c’è an­co­ra mol­to da fa­re. Ce lo di­ce an­che il con­fron­to con mer­ca­ti più ma­tu­ri. Quel­lo in­gle­se va­le il dop­pio di quel­lo ita­lia­no, ne­gli Usa so­no qua­si al tri­plo. In Ita­lia, un ita­lia­no su 4 è già sta­to in cro­cie­ra, vo­glia­mo fa­re il mo­do di sfrut­ta­re al mas­si­mo il po­ten­zia­le di cre­sci­ta”.

LA SCEL­TA WE CA­RE

Que­sti ri­sul­ta­ti non ar­ri­va­ti per ca­so. Al­la lo­ro ba­se c’è an­che la de­ci­sio­ne pre­sa due an­ni fa di es­se­re un’azien­da We Ca­re, tra­spa­ren­te, che ascol­ta i part­ner e con­di­vi­de con lo­ro le scel­te. “Una scel­ta che nel 2014 con­cre­ta­men­te si tra­du­ce nel­la rior­ga­niz­za­zio­ne po­li­ti­ca com­mer­cia­le, del­la for­za ven­di­ta, del con­tact cen­ter, dei ser­vi­zi co­mar­ke­ting, del­la for­ma­zio­ne e nel nuo­vo bu­si­ness por­ta­le Co­sta Ex­tra”. Il nuo­vo pia­no com­mis­sio­ni ri­co­no­sce mag­gio­re re­mu­ne­ra­zio­ne al­le agen­zie che si im­pe­gna­no nel­la ven­di­ta di pro­dot­ti qua­li­tà, co­me le ca­bi­ne con bal­co­ne, la SPA Sam­sa­ra e tut­te le sui­te. E do­po aver ascol­ta­to i pa­re­ri e le ri­chie­ste de­gli agen­ti di viag­gio, si è de­ci­so di au­men­ta­re del 50% le com­mis­sio­ni del Fly&Crui­se. La rior­ga­niz­za­zio­ne del re­par­to com­mer­cia­le ha vi­sto la no­mi­na di tre nuo­vi re­spon­sa­bi­li d’area che coor­di­na­no una squa­dra di 35 sa­les ma­na­ger. Si la­vo­ra an­che per mi­glio­ra­re l’ef­fi­cien­za del con­tact cen­ter. “Il no­stro è mol­to va­li­do, ma vo­glia­mo au­men­tar­ne l’ef­fi­cien­za a par­ti­re dal re­sol­ving, per far si che nell’ar­co di una so­la te­le­fo­na­ta si rie­sca a ri­sol­ve­re qual­sia­si ti­po di pro­ble­ma”. In ter­mi­ni di for­ma­zio­ne, va avan­ti in pro­gram­ma di Sa­les Aca­de­my che ha ri­scos­so enor­me suc­ces­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.