LU­CA BAT­TI­FO­RA Nel­la vi­ta so­no po­ch

il Giornale del Turismo Magazine - - PROTAGONISTI DEL TURISMO - Ma­na­ger ed im­pren­di­to­ri han­no ca­rat­te­ri­sti­che di­ver­se – so­stie­ne – ma en­tram­be ne­ces­sa­rie. L’even­tua­le va­lu­ta­zio­ne non può fer­mar­si al­la su­per­fi­cie, in ba­se al­la ca­te­go­ria di ap­par­te­nen­za, la dif­fe­ren­za sta nel pro­fi­lo che sia im­pren­di­to­re o ma­na­ger. Ci s

È il ma­na­ger del giorno. Non so­lo per­ché le azien­de del tour ope­ra­ting che ade­ri­sco­no a Con­fin­du­stria, e quin­di qua­si tut­te quel­le più im­por­tan­ti, lo han­no scel­to per la gui­da del­la lo­ro as­so­cia­zio­ne nel pros­si­mo bien­nio. Lu­ca Bat­ti­fo­ra in­fat­ti, è uno di quei ma­na­ger che tut­ti vor­reb­be­ro, e tan­ti han­no avu­to, nel­la lo­ro squa­dra. Uo­mo di gran­de in­ge­gno, ca­pa­ce di ag­gre­ga­re, e si è vi­sto, e di or­ga­niz­za­re. D’altra par­te, per lui parla il cur­ri­cu­lum: Al­pi­tour, Royal Ca­rib­bean, Viag­gi del Ven­ta­glio, G40 so­no al­cu­ne del­le tap­pe di un per­cor­so non pro­prio ba­na­le che og­gi lo ve­de al­la gui­da di Ho­tel­plan Ita­lia. E ora, da po­co me­no di due me­si sie­de an­che sul­la pol­tro­na che toc­ca al pre­si­den­te ASTOI. In se­no all’as­so­cia­zio­ne ha pre­val­so quin­di la li­nea del ma­na­ger ri­spet­to a quel­la dell’im­pren­di­to­re. Una scel­ta che, stan­do al Bat­ti­fo­ra pen­sie­ro, non in­di­ca ne­ces­sa­ria­men­te un di­ver­so orien­ta­men­to del­la ba­se as­so­cia­ti­va ri­spet­to al­la li­nea di ge­stio­ne di ASTOI stes­sa.

Qua­le sa­rà il suo pro­gram­ma dei pri­mi 100 gior­ni, te­nen­do con­to che in que­sti 100 gior­ni pas­sa tut­ta l’esta­te, e quin­di il clou dell’at­ti

vi­tà di un an­no per tut­to il set­to­re in Ita­lia?

Sia­mo sta­ti su­bi­to im­pe­gna­ti da UFE, Uni­ted For Egypt, un even­to straor­di­na­rio che pe­rò ha ri­chie­sto un im­pe­gno enor­me di tut­ti pre, du­ran­te e po­st even­to. Su­bi­to do­po si è te­nu­to un pri­mo co­mi­ta­to nel qua­le ab­bia­mo de­li­nea­to al­cu­ni pun­ti del pro­gram­ma e le de­le­ghe ne­ces­sa­rie per svi­lup­par­lo. Con i pros­si­mi in­con­tri si da­rà ve­lo­ce­men­te ope­ra­ti­vi­tà a ciò che ser­ve. I te­mi so­no tan­ti, stia­mo te­nen­do un rit­mo ser­ra­to, tut­ti sa­ran­no trat­ta­ti nell’or­di­ne di prio­ri­tà ne­ces­sa­rio.

E per i me­si suc­ces­si­vi co­me si muo­ve­rà?

C’è un’ot­ti­ma squa­dra per po­ter la­vo­ra­re con qua­li­tà: vi­ce pre­si­den­ti, i col­le­ghi del Co­mi­ta­to, il no­stro Di­ret­to­re Ge­ne­ra­le con lo staff dell’uf­fi­cio of­fro­no tut­te le ga­ran­zie ne­ces­sa­rie.

Il suo è sta­to ne­gli an­ni un per­cor­so la­vo­ra­ti­vo con tan­te me­da­glie sul pet­to ap­pun­ta­te dai gran­di no­mi del tour ope­ra­ting e poi un per­cor­so ugual­men­te in­te­res­san­te den­tro i net­work. Se pen­sa quin­di al­le pro­ble­ma­ti­che di que­sto set­to­re spe­ci­fi­co, Bat­ti­fo­ra è l’uo­mo che rap­pre­sen­ta la giu­sta sin­te­si o il pun­to di in­con­tro fra le esi­gen­ze di gros­si­sti e det­ta­glian­ti?

Gros­si­sta e det­ta­glian­te è una vi­sio­ne che ap­par­tie­ne al pas­sa­to, pur­trop­po c’è chi an­co­ra sta sul­la bar­ri­ca­ta dell’una o altra par­te . Per me esi­ste un per­cor­so di ac­qui­sto che il clien­te fa nel com­pra­re un viag­gio nel qua­le noi dob­bia­mo es­se­re pre­sen­ti in mo­do qua­li­fi­ca­to e fun­zio­na­le.

Il cur­ri­cu­lum che por­ta in do­te è mol­to di­na­mi­co: non si è fer­ma­to mai nel­lo stes­so po­sto per trop­po tem­po. Dan­do per scon­ta­to che sia sta­to per scel­ta, co­sa la spin­ge, ar­ri­va­to a un cer­to pun­to, a cam­bia­re?

Ve­ro, ho la­vo­ra­to in di­ver­se azien­de e que­sto mi ha per­mes­so di ar­ric­chir­mi in ter­mi­ni pro­fes­sio­na­li. Le mo­ti­va­zio­ni di que­sti cam­bia­men­ti pe­rò so­no di­ver­se: nel 2005 quan­do la­sciai Wel­co­me fu per ra­gio­ni di cre­sci­ta pro­fes­sio­na­le do­po cin­que an­ni en­tu­sia­sman­ti tra­scor­si aVe­ro­na e com­ples­si­va­men­te die­ci nel Grup­po Al­pi­tour. Di­ver­se in­ve­ce le ra­gio­ni che mi co­strin­se­ro a la­scia­re Il Grup­po Ven­ta­glio nel 2009 do­po so­li tre an­ni, pur­trop­po la con­ti­nui­tà dell’azien­da era com­pro­mes­sa non vi era­no più le con­di­zio­ni per pro­se­gui­re. Co­me spes­so ac­ca­de nel­la vi­ta, un’esi­gen­za può tra­mu­tar­si in op­por­tu­ni­tà, fui con­tat­ta­to dai ver­ti­ci di G40 con i qua­li en­trai su­bi­to in sin­to­nia e in bre­ve de­li­neam­mo un pia­no trien­na­le di rior­ga­niz­za­zio­ne e svi­lup­po che si è con­clu­so con la re­cen­te in­te­gra­zio­ne con Gat­ti­no­ni Travel Net­work. Ora Ho­tel­plan Ita­lia, un’azien­da di qua­li­tà as­so­lu­ta che ha vis­su­to un mo­men­to di ap­pan­na­men­to or­mai pas­sa­to, ma che è par­te del­la sto­ria del tu­ri­smo in Ita­lia ed nel mon­do. Due

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.