Sul­le ali del tem­po Vit­to­rio Rus­so/Viag­gia­to­re

An­to­nio Del Pia­no

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO -

Una del­le più bel­le sto­rie im­pren­di­to­ria­li, e del tu­ri­smo, che dall’Ita­lia del do­po­guer­ra ar­ri­va fi­no ad og­gi. Dal­la gio­ven­tù

in Egit­to al rien­tro for­za­to in pa­tria, il rac­con­to di co­me un fo­to­gra­fo gi­ra­mon­do con­qui­stò la sce­na del tu­ri­smo con Ral­lo Tour Ope­ra­tor e che og­gi tor­na di nuo­vo in cam­po con il suo ca­val­lo di bat­ta­glia gra­zie a ‘uno che mi pia­ce co­me ra­gio­na’

C’ è un sto­ria che na­sce in Egit­to. Che nel­la Ter­ra del Ni­lo è cre­sciu­ta e si è for­ti­fi­ca­ta. Che dal­la Sto­ria, quel­la che scri­vo­no gli uo­mi­ni, è sta­ta spin­ta fuo­ri dall’om­bra di Sfin­gi e Pi­ra­mi­di. Per poi tor­na­re, co­me quan­do si tor­na a ca­sa, per scri­ve­re nuo­ve pa­gi­ne fi­no a che ce ne sa­rà il tem­po. La sto­ria è quel­la di Vit­to­rio Rus­so, Mae­stro ri­co­no­sciu­to del tour ope­ra­ting ita­lia­no per in­tui­zio­ne, per ca­pa­ci­tà, per ini­zia­ti­va. E per co­rag­gio. Un rac­con­to che par­te da lon­ta­no, da Port Said, in quell’Egit­to cul­la del­la sto­ria, e di cul­tu­ra, e cul­la del­lo stes­so Vit­to­rio che al gran­de Pae­se del me­dio Orien­te ha le­ga­to la sua vi­ta a dop­pio fi­lo, an­che quan­do, an­co­ra gio­va­ne, la Sto­ria, quel­la che fan­no gli uo­mi­ni, lo co­strin­se ad an­da­re via. Senza sa­pe­re che un giorno, Vit­to­rio avreb­be ‘spo­sa­to’ l’Egit­to, per fa­re un’altra sto­ria, sta­vol­ta nel tour ope­ra­ting.

UN ITA­LIA­NO D’EGIT­TO

“So­no na­to in Egit­to ai tempi del co­lo­nia­li­smo, nel 1938, più di set­tan­ta an­ni fa, e co­sì an­che i miei avi. Ita­lia­ni pe­rò, in quel Pae­se per­ché i miei non­ni ave­va­no le­ga­to i lo­ro de­sti­ni al­la gran­de ope­ra che avreb­be cam­bia­to l’Egit­to qua­le è il Ca­na­le di Suez” rac­con­ta Vit­to­rio. Pa­pà di Tra­ni, mam­ma di Sor­ren­to, tut­ti emi­gra­ti ma con l’Ita­lia nel cuo­re e co­mun­que sul pas­sa­por­to. Un ele­men­to de­ci­si­vo per le sor­ti fu­tu­re del­la fa­mi­glia Rus­so. L’in­fan­zia e la gio­ven­tù vi­de­ro Vit­to­rio im­mer­so ne­gli stu­di al­le scuo­le sa­le­sia­ne del Cai­ro, cro­ce­via di cul­tu­re di­ver­se e do­ve

il gio­va­ne Rus­so vi­ve­va fian­co a fian­co con coe­ta­nei non so­lo ita­lia­ni. Una vi­ta tran­quil­la che pe­rò già do­ve­va fa­re i con­ti con la Sto­ria. “Il mio pa­pà era for­ni­to­re ma­rit­ti­mo, la­vo­ra­va col ca­na­le di Suez. An­che la fa­mi­glia del­la mia mam­ma la­vo­ra­va nel ca­na­le di Suez. Nel 1940 ar­ri­va la guer­ra e mio pa­dre vie­ne in­ter­na­to per­ché l’Egit­to era pro­tet­to­ra­to in­gle­se. Cin­que an­ni e qual­che me­se. Ab­bia­mo per­so tut­to quel­lo che la mia fa­mi­glia era riu­sci­ta a co­strui­re. Pe­rò sia­mo riu­sci­ti ad an­da­re avan­ti lo stes­so gra­zie a mia mam­ma. Lei si era di­plo­ma­ta al Con­ser­va­to­rio di Na­po­li e quin­di in Egit­to in­se­gna­va mu­si­ca e fa­ce­va con­cer­ti. In que­sto mo­do ci ha po­tu­to man­te­ne­re fi­no al­la li­be­ra­zio­ne di mio pa­dre av­ve­nu­ta nel 1945”. Da qui ri­par­te la sto­ria del­la fa­mi­glia Rus­so, ri­par­te da do­ve ave­va la­scia­to. La Sto­ria de­gli uo­mi­ni in­ve­ce, quel­la che si leg­ge sui li­bri di scuo­la, tor­na a pre­sen­ta­re il con­to ap­pe­na no­ve an­ni do­po. “Era il 1956. Per­dia­mo tut­to, per la se­con­da vol­ta per­ché Nas­ser de­ci­de di na­zio­na­liz­za­re il Ca­na­le di Suez. Sia­mo do­vu­ti tor­na­re in Ita­lia. Da pro­fu­ghi”. E qui ne co­min­cia un’altra di sto­ria, quel­la che una de­ci­na di an­ni do­po con­se­gne­rà Vit­to­rio Rus­so al tu­ri­smo ita­lia­no. In­tan­to, a me­tà de­gli an­ni Cin­quan­ta, lo con­se­gna­va

all’im­pren­di­to­ria.

DAL­LA FO­TO­GRA­FIA AL GIOR­NA­LI­SMO

“Tor­na­re da ri­fu­gia­ti non era quel­lo che so­gna­va­mo, né io, tan­to­me­no mio pa­dre che ave­va sem­pre la­vo­ra­to in Egit­to. La sua espe­rien­za e le sue co­no­scen­ze gli per­mi­se­ro di ri­par­ti­re nei pri­mi tempi, dan­do­ci mo­do di adat­tar­ci al­la real­tà di que­sto Pae­se che, per quan­to noi ita­lia­ni, era co­mun­que nuo­va”. Poi è ve­nu­to il tem­po di dar­si da fa­re, per vi­ve­re. “Mi ero iscrit­to all’uni­ver­si­tà di Pa­do­va. Fa­col­tà di chi­mi­ca, mi pia­ce­va. Pe­rò do­ve­vo la­vo­ra­re. Ho fat­to mil­le me­stie­ri: ho ge­sti­to night club, ho avu­to un bar, ho ven­du­to sou­ve­nir. C’era sem­pre uno sfon­do com­mer­cia­le nel­le mie at­ti­vi­tà ed il mo­ti­vo è pre­sto det­to. L’uni­co pez­zo di car­ta avu­to dal­lo Sta­to ita­lia­no al mo­men­to del rien­tro in Pa­tria, era quel­lo con lo sta­tus di pro­fu­go dall’Egit­to. E quel­lo mi fa­ci­li­ta­va l’at­tri­bu­zio­ne di li­cen­ze di ca­rat­te­re com­mer­cia­le. Pe­rò non ave­vo sol­di. Co­sì un mio ami­co, che i sol­di in­ve­ce li ave­va, mi fe­ce la­vo­ra­re con lui ed in­sie­me met­tem­mo in pie­di una se­rie di at­ti­vi­tà che po­te­vo ge­sti­re”. Il gio­va­ne Rus­so era uno di quel­li ani­ma­ti dal fuo­co sa­cro. Sta­re fer­mo non era pro­prio il

suo for­te. E co­sì, fra mil­le co­se, rie­sce a por-

di An­to­nio Del Pia­no

ta­re avan­ti an­che una del­le sue pas­sio­ni re­con­di­te: fa­re il fo­to­gra­fo. “Mi pia­ce­va e mi pia­ce an­co­ra. In vi­ta mia ho scat­ta­to tan­te di quel­le fo­to… Ho co­min­cia­te a ca­ta­lo­gar­le ma so­no co­sì tan­te che te­mo che non mi re­sta il tem­po di rior­di­nar­le tut­te…

IO E DA­LI­DA

La vi­ta è fat­ta di oc­ca­sio­ni. Vit­to­rio Rus­so è uno di quel­li che ha vis­su­to evi­den­te­men­te ad oc­chi spa­lan­ca­ti per­ché so­no si­cu­ra­men­te po­che le oc­ca­sio­ni che si è fat­to sfug­gi­re. C’è un epi­so­dio em­ble­ma­ti­co le­ga­to al­la sua at­ti­vi­tà di fo­to­gra­fo che va­le la pe­na rac­con­ta­re. “La­vo­ra­vo a Cor­ti­na da Be­pi Ghe­di­na che era uno dei più gran­di fo­to­gra­fi d’Ita­lia. Mi por­ta­va a fa­re le ri­pre­se per le car­to­li­ne e mi ha in­se­gna­to i ru­di­men­ti giu­sti del­la fo­to­gra­fia ar­ti­sti­ca”. Un po’ per ca­so, co­me per tan­te co­se ac­ca­du­te nel­la sua vi­ta,Vit­to­rio ap­pren­de dall’Ansa dell’ar­ri­vo del­la fa­mo­sa can­tan­te Da­li­da nel­la lo­ca­li­tà del­le Dolomiti, per ri­ce­ve­re un pre­mio. “Io la co­no­sce­vo co­me Io­lan­da Gi­gliot­ti. Era di ori­gi­ne ca­la­bre­se ma abi­ta­va a Il Cai­ro, a 100 me­tri dal mio col­le­gio e suo fra­tel­lo sta­va nel­la stes­sa scuo­la. Ci fre­quen­ta­va­mo mol­to, tan­to che lei ve­ni­va a gio­ca­re da noi e noi an­da­va­mo a man­gia­re a ca­sa sua. Ap­pren­de del suo ar­ri­vo in tre­no a Cor­ti­na, va al­la sta­zio­ne e la fo­to­gra­fa men­tre scen­de dal­la vet­tu­ra. Poi la chia­ma. “Non ur­lo il suo no­me d’ar­te, Da­li­da. La chia­mo Io­lan­da, co­me ai vec­chi tempi. Lei si vol­ta sor­pre­sa, mi guar­da e fa: “Ma seiVit­to­rio del Cai­ro?” E da li ab­brac­ci e com­mo­zio­ne. Mi por­ta in mac­chi­na con lei, mi chie­de di tut­ti i no­stri ami­ci. So­no ri­ma­sto in sua com­pa­gnia in al­ber­go fi­no a se­ra a chiac­chie­ra­re del no­stro Egit­to. Lei era con­ten­tis­si­ma, si in­for­ma su quel­lo che co­sa fac­cio e io le rac­con­to che ero là per un ser­vi­zio. Le chie­do per­ciò di fa­re un’in­ter­vi­sta. Ac­cet­ta. An­zi, mi di­ce che lei aspet­ta Jean So­bie- sky, il suo aman­te po­lac­co che era in Ita­lia per una mo­stra. Mi fa: “Se do­ma­ni mat­ti­na vie­ni al­le 10 ci por­ti do­ve vuoi e ci fa qual­che fo­to”. Al­le 10, pre­ci­sis­si­mo, con la mia pic­co­la 600 li va­do a pren­de­re e fac­cio un bel ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co con lo­ro due men­tre si ab­brac­cia­no, si ba­cia­no... in­som­ma, una co­sa ro­man­ti­ca. Pran­zia­mo in­sie­me in un ri­fu­gio do­ve nel po­me­rig­gio lei avreb­be in­con­tra­to la stam­pa. E co­sì, do­po pranzo, men­tre io scen­de­vo a val­le con la mia esclu­si­va, gli al­tri gior­na­li­sti sa­li­va­no in quo­ta per in­con­tra­re l’ar­ti­sta. In quel mo­men­to pe­rò, io e Ghe­di­na sta­va­mo man­dan­do all’Ansa un ser­vi­zio che fu un ve­ro boom!”.

IL VIAG­GIO NEL DE­STI­NO

La sto­ria di un ita­lia­no d’Egit­to tor­na­to con­tro vo­glia for­se nel suo Pae­se, si ar­ric­chi­sce quin­di di nuo­vi ca­pi­to­li, men­tre ma­tu­ra il tem­po de­gli amo­ri de­fi­ni­ti­vi, quel­li che so­no per la vi­ta. La fo­to­gra­fia con­se­gne­rà in­fat­ti Vit­to­rio Rus­so al tu­ri­smo men­tre in­con­tra la gio­va­ne Marina che nel 1967 por­te­rà all’al­ta­re. “La­vo­ran­do fra Ie­so­lo e Cor­ti­na, ver­so la me­tà de­gli an­ni Ses­san­ta, eb­bi l’or­di­ne di fa­re al­cu­ni scat­ti di al­ber­ghi per i ca­ta­lo­ghi di im­por­tan­ti tour ope­ra­tor este­ri. Par­lo di Co­smos, Thom­son, Tra­fal­gar, Wa­gon Light. Fu co­sì che en­trai in con­tat­to con que­sto mon­do. Ca­pi­ta che men­tre ero a Lon­dra con l’art di­rec­tor di uno dei tour ope­ra­tor con cui col­la­bo­ra­vo per sce­glie­re le fo­to per i ca­ta­lo­ghi, uno dei boss mi fa la pro­po­sta di ac­com­pa­gna­re i lo­ro tour in Ita­lia e nel con­tem­po avrei an­che scat­ta­to le fo­to agli al­ber­ghi che sta­va­no nel lo­ro ca­ta­lo­ghi”. Vit­to­rio per­ciò co­min­cia a fa­re su e giù per l’Ita­lia. “Era l’epo­ca del gran­de Clas­si­co Ita­lia­no. I grup­pi di tu­ri­sti ar­ri­va­va­no in ae­reo a Ve­ne­zia e con pull­man da 40 per­so­ne si por­ta­va­no a Fi­ren­ze, As­si­si, Ro­ma, Na­po­li e Sor­ren­to. A Na­po­li poi scen­de­va un al­tro ae­reo che pre­le­va­va quel­li che ave­va­no con­clu­so il tour e la­scia­va un al­tro grup­po con il qua­le si ri­sa­li­va fi­no a Ve­ne­zia”. In­ca­ri­co bel­lo, di­ver­ten­te e an­che re­mu­ne­ra­ti­vo. “Fa­ce­vo l’ac­com­pa­gna­to­re, mi di­ver­ti­vo, gua­da­gna­vo tan­tis­si­mo con le com­mis­sio­ni dei va­ri ne­go­zi. In più fa­ce­vo le fo­to ai grup­pi, in ac­cor­do con il fo­to­gra­fo lo­ca­le le svi­lup­pa­vo e le ven­de­vo”. È co­sì che mi so­no ap­pas­sio­na­to al tu­ri­smo. Nel 1969 ho co­min­cia­to a se­gui­re un ami­co che ave­va un’agen­zia di viag­gi a Ie­so­lo. Mi ero stan­ca­to di fa­re le sta­gio­ni fra ma­re e Cor­ti­na, vo­le­vo qual­co­sa di fis­so a Me­stre, do­ve vi­ve­vo, per­ché nel frat­tem­po mi ero spo­sa­to. Una se­ra a ci­ne­ma in­con­tro un mio ami­co av­vo­ca­to. Ave­va da fa­re tra due fra­tel­li, ere­di di un’agen­zia che ave­va­no de­ci­so di ven­de­re, la La­gu­na Travel, pro­prio qui a Me­stre. Ri­cor­do che era un ve­ner­dì se­ra… Gli di­co che mi in­te­res­sa e con­cor­dia­mo di an­da­re dai due ere­di il lu­ne­dì per va­lu­ta­re la co­sa. Il giorno do­po avrei ri­le­va­to l’agen­zia…”.

CO­SÌ SI IN­VEN­TA UN TOUR OPE­RA­TOR

Le co­no­scen­ze de­gli an­ni pre­ce­den­ti, so­prat­tut­to quel­le con gli in­gle­si, fa­vo­ri­ro­no lo svi­lup­po dell’at­ti­vi­tà. “Nel 1971 poi, in­con­tro ca­sual­men­te Fran­co Ros­so che co­min­cia­va con i pri­mis­si­mi viag­gi sull’Egit­to. Io co­no­sce­vo be­nis­si­mo la de­sti­na­zio­ne, e mi chie­do­no di ac­com­pa­gna­re un grup­po. Fran­co Ros­so ave­va sa­pu­to che par­la­vo ara­bo e che ave­vo un’agen­zia, co­sì mi chie­de di oc­cu­par­mi di un lo­ro pro­gram­ma Egit­to”. Un in­vi­to de­ci­si­vo per il fu­tu­ro di Rus­so. “En­tro in con­tat­to con due o tre ope­ra­to­ri egi­zia­ni che fa­ce­va­no incoming. Fa­ta­li­tà, uno di lo­ro era un mio vec­chio ami­co di scuo­la e na­sce un rap­por­to di col­la­bo­ra­zio­ne. Tan­to che, nel­lo stes­so 1971, ho avu­to il co­rag­gio, a Me­stre, di fa­re il pri­mo opu­sco­lo de­di­ca­to all’Egit­to che poi è di­ven­ta­to l’Egit­to di Vit­to­rio Rus­so”. Per­ché l’Egit­to di Vit­to­rio Rus­so? “Per di­stin­guer­lo. Per­ché non era so­lo quel­lo del­la cul­tu­ra del­le pi­ra­mi­di ma an­che del­la vi­ta del vil­lag­gio, del­la quo­ti­dia­ni­tà di un gran­de Pae­se”. E che ha vi­sto ri­co­no­sce­re all’ope­ra­to­re me­stri­no la ca­pa­ci­tà, qua­si esclu­si­va, di riu­sci­re a con­fe­zio­na­re un pro­dot­to per­fet­to per­ché, di­co­no i suoi col­le­ghi, ‘Vit­to­rio l’Egit­to lo co­no­sce be­ne’. Pri­mo opu­sco­lo, pri­mi con­sen­si. “Fa­ce­vo i grup­pi con ab­ba­stan­za fa­ci­li­tà. Mi ero fat­to il gi­ro in au­to di tut­te le agen­zie del Ve­ne­to. Tut­ti mi di­ce­va­no che ero paz­zo ma io ho co­min­cia­to a fa­re e già il pri­mo an­no ho con­ta­to i pri­mi 12 grup­pi”. Po­te­va es­se­re suf­fi­cien­te es- se­re ope­ra­to­re a Me­stre? As­so­lu­ta­men­te no! Per uno che guar­da sem­pre un po’ più avan­ti ri­spet­to al suo na­so poi…. E co­sì… “Ar­ri­via­mo al 1980. Io so­no sem­pre sta­to per lo svi­lup­po del­le at­ti­vi­tà, il mio so­cio in­ve­ce era per la tran­quil­li­tà. Co­sì, in buo­na ar­mo­nia, de­ci­dem­mo di se­pa­rar­ci”. Per far co­sa? “Ave­vo sa­pu­to che la Ral­lo era in ven­di­ta… Il vec­chio Ugo Ral­lo pen­sa­va che la fi­glia po­tes­se con­ti­nua­re ma non era co­sì”. Oc­ca­sio­ne da non la­sciar­si sfug­gi­re per uno at­ten­to co­me Rus­so.

AL TI­MO­NE DI RAL­LO

A Me­stre si di­ce­va io va­do da Ral­lo per di­re che si an­da­va in agen­zia. Da stu­den­te, il gio­va­ne Vit­to­rio an­da­va da Ral­lo per fa­re l’ab­bo­na­men­to del tre­no. Ad­di­rit­tu­ra il di­ret­to­re dell’epo­ca gli ave­va fat­to ac­com­pa­gna­re dei grup­pi per­ché co­no­sce­va le lin­gue. “Fa­ta­li­tà, la mia pri­ma espe­rien­za da ac­com­pa­gna­to­re in­fat­ti, è sta­ta con Ral­lo”. Ral­lo nel de­sti­no dun­que. “So­no an­da­to a trat­ta­re l’ac­qui­sto dell’ope­ra­to­re e an­che là, in una not­te, l’ho pre­sa da una per­so­na che l’ave­va ri­le­va­ta dal vec­chio Ral­lo. Senza di­scu­te­re il prez­zo, an­che no­te­vo­le per l’epo­ca”. Non sia­mo più nel­la vec­chia La­gu­na Travel, l’at­ti­vi­tà cam­bia con­si­de­re­vol­men­te. “Do­ve­vo fa­re l’ope­ra­to­re su lar­ga sca­la, ho fat­to su­bi­to un ra­mo d’azien­da e ho crea­to la Ral­lo Viag­gi e Tour Ope­ra­tor srl, coin­vol­gen­do pu­re mia fi­glia Sil­via. Ab­bia­mo pre­so una bel­la pa­laz­zi­na qui in

piaz­za Fer­ret­to e da lì è par­ti­ta la no­stra av­ven­tu­ra nel tour ope­ra­ting dei gran­di. Pri­ma con l’Egit­to e poi Egit­to e Gior­da­nia e do­po an­che il Li­ba­no, e tut­to il me­dio Orien­te do­ve pu­re co­no­sce­vo un po’ tut­ti”. A tor­na­re uti­li a Rus­so, an­co­ra una vol­te, le ami­ci­zie dell’epo­ca del Cai­ro. “Tut­ti quel­li che so­no an­da­ti via nell’epo­ca di Nas­ser, si so­no piaz­za­ti be­ne. In Gior­da­nia, per esem­pio, c’era un mio ami­co che guar­da ca­so, ave­va pu­re lui un’agen­zia di viag­gi. Un ag­gan­cio uti­le che ci por­tò, nel 1984, ad or­ga­niz­za­re pri­mo char­ter per la Gior­da­nia in­sie­me a Fran­co Pec­ci”. Dall’81 al 2000 quin­di, tro­via­mo Vit­to­rio Rus­so al­la gui­da di Ral­lo tour ope­ra­tor, at­ti­vi­tà pu­ra di gros­si­sta, con­ser­van­do pe­rò a la­te­re an­che l’agen­zia. Quel­lo che nel fu­tu­ro si ri­ve­le­rà poi un’in­tui­zio­ne im­por­tan­te. Ac­can­to al­la pro­du­zio­ne me­dio orien­ta­le, Rus­so sce­glie di al­lar­ga­re le pro­gram­ma­zio­ni a quel­le de­sti­na­zio­ni che aves­se­ro in sé qual­che va­len­za ar­cheo­lo­gi­ca. L’ar­cheo­lo­gia in­fat­ti è l’altra del­le sue pas­sio­ni, tan­to che og­gi, con la ri­vi­sta Ar­cheo­lo­gia Ve­ra, con­ti­nua a pro­por­re iti­ne­ra­ri di gran­de in­te­res­se, di quel­li che si pos­so­no de­fi­ni­re ‘d’au­to­re’, co­sì co­me è il suo Egit­to. La pro­po­sta ar­cheo­lo­gi­ca si al­lar­ga quin­di a pae­si co­me quel­li del cen­tro Ame­ri­ca che han­no qual­co­sa da rac­con­ta­re. Ma non man­ca­va nem­me­no il ma­re. “Man ma­no ab­bia­mo am­plia­to il no­stro in­te­res­se a Mes­si­co, Gua­te­ma­la, Co­sta­ri­ca e Co­lom­bia, sia sto­ria che spiag­ge. Poi spiag­gia ti­ra spiag­gia e so­no ar­ri­va­to a Mau­ri­tius, Sey­chel­les ed Ocea­no In­dia­no”. Ral­lo ha sem­pre pro­po­sto ca­ta­lo­ghi mol­to cu­ra­ti che ne­gli an­ni si so­no vi­sti at­tri­bui­re pre­mi del­la stam­pa spe­cia­liz­za­ta. A un cer­to pun­to è na­to Port­fo­lio, un ma­ga­zi­ne mol­to spe­cia­le: “L’ho crea­to per­ché so­no sem­pre sta­to con­vin­to che al clien­te pia­ce ve­de­re do­ve de­ve an­da­re. Pri­ma ac­ca­de­va su car­ta stam­pa­ta ora su in­ter­net ma è co­sì”. Port­fo­lio pro­po­ne­va una sor­ta di re­por­ta­ge del­le de­sti­na­zio­ni ser­vi­te da Ral­lo, con le spie­ga­zio­ni ne­ces­sa­rie per af­fron­ta­re il viag­gio e ap­pro­fon­di­men­ti. Una ri­vi­sta in pra­ti­ca, con un in­ser­to estraibile con le quo­ta­zio­ni dei viag­gi, do­ve ci si è im­bat­tu­ti an­che in fir­me no­te e pre­sti­gio­se del gior­na­li­smo ita­lia­no. Un suo buon ami­co, per esem­pio, è sta­to Gian­nan­to­nio Stel­la.

AT­TEN­TA­TI E AV­VEN­TU­RIE­RI

Per tut­te le sto­rie si spe­ra in un lie­to fi­ne. Per quel­la di Ral­lo non è sta­to co­sì. L’usci­ta di sce­na di un mar­chio co­sì im­por­tan­te del tour ope­ra­ting è fi­glia dell’av­ven­tu­ri­smo fi­nan­zia­rio più che im­pren­di­to­ria­le che ha ca­rat­te­riz­za­to gli an­ni a ca­val­lo del nuo­vo se­co­lo. E di cui Rus­so, è da di­re, non è sta­to vit­ti­ma ma so­lo al­li­bi­to spet­ta­to­re. “La fi­ne di Ral­lo, del­la mia Ral­lo, ha una da­ta pre­ci­sa: 17 no­vem­bre 1997. Quel giorno ero in Egit­to, ac­com­pa­gna­vo un grup­po. Ave­vo ap­pe­na fir­ma­to al­cu­ni con­trat­ti con Ali­ta­lia ed i cor­ri­spon­den­ti lo­ca­li per una se­rie di char­ter su Hur­ga­da e Sharm. Un im­pe­gno di 3 mi­liar­di di li­re. Ci fer­ma­no al­le 9 del mat­ti­no, c’era sta­to un at­ten­ta­to a Lu­xor. Una stra­ge, 58 tu­ri­sti stra­nie­ri uc­ci­si. Da lì ar­ri­va il bloc­co to­ta­le del­le ven­di­te. Ave­vo già pa­ga­to per cui il man­ca­to in­troi­to mi ha por­ta­to ad ave­re dif­fi­col­tà due an­ni do­po, ad usa­re i sol­di del­le ban­che, co­sa che io non ave­vo mai fat­to in pre­ce­den­za”. Ral­lo fat­tu­ra­va all’epo­ca 50 mi­liar­di di li­re all’an­no… Si an­da­va in­con­tro al­le cri­si de­gli an­ni suc­ces­si­vi, poi sa­reb­be ve­nu­to an­che l’11 set­tem­bre. “Sa­rà sta­ta l’en­ne­si­ma in­tui­zio­ne, ma­ni­fe­sto a mia fi­glia Sil­via la vo­lon­tà di la­scia­re e lei ne fa par­te­ci­pe uno dei fra­tel­li Bo­sco­lo nel cor­so di una chiac­chie­ra­ta. Io co­no­sce­vo An­ge­lo Bo­sco­lo. Era en­tra­to nel tu­ri­smo quan­do ero pre­si­den­te Fiavet del Ve­ne­to ed era ve­nu­to a chie­der­mi con­si­glio. Fa­ce­va incoming con i fran­ce­si ma non ave­va li­cen­za. Gli con­si­gliai di apri­re un’agen­zia. An­ge­lo Bo­sco­lo… mol­to bra­vo… il più vec­chio dei fra­tel­li, era lui il ve­ro cer­vel­lo”. Il fra­tel­lo Giorgio in­con­tra Sil­via e le chie­de di ave­re in pro­gram­ma­zio­ne l’Egit­to se­con­do Vit­to­rio Rus­so. “Me l’han­no chie­sto in tan­ti in que­sti an­ni, no­mi im­por­tan­ti del tour ope­ra­ting ma ho sem­pre det­to di no…” Bo­sco­lo pe­rò ap­pren­de da Sil­via del­la vo­lon­tà di ce­de­re. “An­ge­lo mi chia­ma per chie­de­re se era ve­ro, ci ve­dia­mo, ne par­lia­mo… Quin­di­ci gior­ni do­po ha com­pra­to la Ral­lo. An­zi, vo­le­va che io pren­des­si la di­re­zio­ne del re­par­to tu­ri­smo del­la Bo­sco­lo Tour. Ho ac­cet­ta­to. Tan­to è ve­ro che nel­la Ral­lo World Wi­de che ave­va crea­to, mi ave­va la­scia­to il 20% e lui si era te­nu­to 80%. Mi di­ce di te­ne­re in ma­no la di­re­zio­ne to­ta­le, le per­so­ne che vo­glio fra Mi­la­no e Ro­ma, e di an­da­re a Pa­do­va in­ve­ce di sta­re a di Me­stre”. L’ac­cor­do si­gla­to il 30 giu­gno, du­ra tre me­si. “So­no usci­to per­ché non an­da­vo d’ac­cor­do con Giorgio, l’al­tro fra­tel­lo. Non ci ca­pi­va­mo per nien­te. L’ho det­to ad An­ge­lo che pe­rò pro­prio non vo­le­va mol­lar­mi. Ma Giorgio non ave­va chia­ro co­sa fos­se il tu­ri­smo e co­me si do­ve­va fa­re per­ché era in­fluen­za­to dai gran­di con­su­len­ti del­la Boc­co­ni, i va­ri ‘Mcken­zie’, che so­no gran­de teo­ria ma nien­te pra­ti­ca…”. La rot­tu­ra de­fi­ni­ti­va ar­ri­va nel cor­so una riu­nio­ne. “Lui chia­ma que­sti qua e io con­te­sto una se­rie di co­se che lo­ro ave­va­no an­no­ta­to sul­la la­va­gnet­ta: si fa co­sì, si fa co­sì…”.Vit­to­rio ed An­ge­lo ave-

va­no re­dat­to per la RWW un bu­si­ness plan di tre an­ni. “Fat­to al­la mia ma­nie­ra, mol­to rea­li­sti­co e non teo­ri­co, senza nu­me­ri e ra­di­ci qua­dra­te, fat­to mol­to ter­ra ter­ra, la pra­ti­ca del pa­dre di fa­mi­glia che ge­sti­sce l’azien­da. Co­me ave­vo fat­to per la mia at­ti­vi­tà ge­sti­ta be­ne pur senza es­se­re un eco­no­mi­sta”. Giorgio Bo­sco­lo e i suoi spe­cia­li­sti guar­da­no, dis­sen­to­no, si li­ti­ga…. “An­ge­lo era il pre­si­den­te, io do­ve­vo es­se­re l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to. Per for­tu­na ave­vo ri­fiu­ta­to” ri­flet­te Vit­to­rio col sen­no di poi. “Al cul­mi­ne del li­ti­gio, un in­fu­ria­to An­ge­lo Bo­sco­lo sbat­te le car­te sul ta­vo­lo e di­ce che si fa co­me di­ce­vo io. A quel pun­to il fra­tel­lo si al­za e se ne va. Po­te­vo mai io re­sta­re? Non po­te­vo. Glie­lo dis­si an­che ad An­ge­lo, quel­lo era il fra­tel­lo, sa­reb­be sta­to com­pli­ca­to coe­si­ste­re…”. E co­sì Vit­to­rio Rus­so esce de­fi­ni­ti­va­men­te dal­la sce­na di Ral­lo, quel­la del Grup­po Bo­sco­lo, no­no­stan­te le lu­sin­ghe di An­ge­lo, la men­te che for­se ave­va già ca­pi­to tut­to. O al­me­no in­tui­to qua­le sa­reb­be sta­ta la stra­da mi­glio­re. E non si sba­glia­va. Non esi­ste­rà mai la con­tro­pro­va ma la stra­da che poi si scel­se non si ri­ve­lò mi­glio­re di quel­la che era sta­ta con­si­glia­ta. “Do­po due an­ni Giorgio Bo­sco­lo vendette la Ral­lo a un grup­po fi­nan­zia­rio mi­la­ne­se ret­to da quel Gian­lui­gi Fac­chi­ni che ha fat­to no­ti­zia so­lo per i va­ri fal­li­men­ti col­le­zio­na­ti. Ha sput­ta­na­to il no­me di Ral­lo fin tan­to che è fal­li­ta nel giu­gno del 2010”.

L’IN­TUI­TO DEL BUON PA­DRE DI FA­MI­GLIA

“Era suc­ces­so pe­rò che io l’agen­zia Ral­lo di piaz­za Fer­ret­to me la ero te­nu­ta... Ho so­lo cam­bia­to sti­le. Con Sil­via ab­bia­mo po­ten­zia­to l’azien­da egi­zia­na, la Syl­via Tour che si oc­cu­pa di ri­cet­ti­vo in Egit­to. E gra­zie al­la qua­le og­gi sia­mo in gra­do di ri­pro­por­re l’Egit­to di Vit­to­rio Rus­so che esce con la pro­gram­ma­zio­ne de IViag­gi dell’Ai­ro­ne di An­ge­lo de Ne­gri”. Una pro­gram­ma­zio­ne d’au­to­re chie­sta da tan­ti ed a tut­ti ne­ga­ta. Per­ché de Ne­gri si e gli al­tri no? “La mia idea è quel­la di man­te­ne­re la Ral­lo agen­zia, ma co­me rap­pre­sen­tan­za di qual­che no­me gros­so di tour ope­ra­tor o com­pa­gnia ae­rea per­ché fa­re l’agen­te di viag­gio vec­chia ma­nie­ra non si può più, si fal­li­sce pri­ma di na­sce­re. Se in­ve­ce tro­vi un ca­na­le dif­fe­ren­te… Que­sta agen­zia va avan­ti con i viag­gi di Ar­cheo­lo­gia Vi­va e con i clien­ti ami­ci che fan­no i grup­pi con noi da 20 an­ni. E con quei clien­ti che co­no­sco­no la Ral­lo da 50 an­ni, e con i lo­ro fi­gli che pu­re ven­go­no qua… pri­ma di emet­te­re un pre­ven­ti­vo chie­dia­mo il bud­get, dia­mo sug­ge­ri­men­ti. Noi ven­dia­mo po­chis­si­mo con i ca­ta­lo­ghi per­ché ve­nia­mo dal tour ope­ra­ting, ab­bia­mo due ra­gaz­ze che la­vo­ra­va­no in pro­gram­ma­zio­ne, co­no­sco­no i cor­ri­spon­den­ti… fac­cia­mo tut­to da noi”. Poi suc­ce­de che nel cor­so del­la BMT, Sil­via in­con­tra de Ne­gri. “Co­sì è na­to il pro­get­to. Mi pia­ce­va l’idea di pren­de­re la rap­pre­sen­tan­za di un ope­ra­to­re del sud non pre­sen­te in Ve­ne­to do­ve ci co­no­sco­no be­nis­si­mo e al­lo­ra le ho sug­ge­ri­to di pro­por­re la rap­pre­sen­tan­za”. E poi­ché nien­te ac­ca­de per ca­so… “È ve­nu­to fuo­ri che a de Ne­gri oc­cor­re­va­no i ser­vi­zi in Egit­to per una sua pro­gram­ma­zio­ne e da lì è na­to l’Egit­to di Vit­to­rio Rus­so, un pro­dot­to che ades­so si pro­po­ne sot­to la ban­die­ra de I Viag­gi dell’Ai­ro­ne, ge­sti­to da Me­stre con un boo­king ap­po­si­to”. Possiamo di­re al­lo­ra che Vit­to­rio è tor­na­to? “Vit­to­rio c’è sem­pre sta­to, dan­do le giu­ste in­di­ca­zio­ni a sua fi­glia che da an­ni si de­di­ca all’incoming egi­zia­no. A Me­stre c’è sem­pre l’agen­zia Ral­lo, e an­che quel­la di mia fi­glia dal pri­mo gen­na­io di que­st’an­no. Io di cer­to non mi de­fi­ni­sco un pen­sio­na­to. Que­sto me­stie­re per me è una dro­ga. Ho 76 an­ni e an­co­ra fac­cio at­ti­vi­tà. Al li­mi­te cam­bia il ruo­lo, mia fi­glia per esem­pio, mi chia­ma ‘il sug­ge­ri­to­re’. Con de Ne­gri in­ve­ce, mi so­no tro­va­to per uni­tà di in­ter­ven­ti. Ci sia­mo ca­pi­ti, ab­bia­mo avu­to due sto­rie pa­ral­le­le, mi è pia­ciu­to an­che co­me ra­gio­na. Ec­co per­ché ‘ho sug­ge­ri­to’ co­me met­te­re in pie­di il nuo­vo pro­get­to che ci ri­guar­da”.

L’EGIT­TO NON AVRÀ MAI FI­NE

Un pro­get­to che pun­ta sull’Egit­to dun­que. Che, a guar­dar­lo og­gi, rap­pre­sen­ta gio­ia e do­lo­ri per chi fa tu­ri­smo. Me­ta ri­cer­ca­ta, sul­la qua­le si co­strui­sco­no pro­gram­ma­zio­ni, su cui si con­cen­tra­no in­ve­sti­men­ti, trop­po an­co­ra espo­sta pe­rò al­le oscil­la­zio­ni e al­le in­sta­bi­li­tà del mon­do me­dio orien­ta­le. Pe­rò ‘il sug­ge­ri­to­re’, ma­sti­ca an­co­ra ot­ti­mi­smo: “L’Egit­to ha co­no­sciu­to cri­si a sta­gio­ni al­ter­ne, l’ul­ti­ma di cer­to è sta­ta la peg­gio­re – di­ce, ri­fe­ren­do­ci al­la de­po­si­zio­ne di Mu­ba­rack – La sua pe­rò è una sto­ria che non avrà mai fi­ne, qui ci so­no 5000 an­ni di sto­ria cer­ta, i Fa­rao­ni, le Pria­mi­di… non so­no leg­gen­de. Ed è il mo­ti­vo per cui, pur non vo­len­do fa­re il tour ope­ra­tor, l’Egit­to di Vit­to­rio Rus­so è tor­na­to”. Vie­ta­to mol­la­re quin­di. Ma, an­che se è an­co­ra pre­sto per met­ter­si da par­te, co­sa non ri­fa­reb­be Vit­to­rio Rus­so trac­cian­do l’an­te­pri­ma di un bi­lan­cio per­so­na­le? “Ri­fa­rei tut­to, ugua­le”. Poi guar­da dal­la ve­tra­ta del suo uf­fi­cio la bel­la pa­laz­zi­na che fu se­de del­la ‘sua’ Ral­lo Tour Ope­ra­tor, che af­fac­cia su una vi­va­ce piaz­za Fer­ret­to e so­spi­ra, fra il se­rio e (for­se) fa­ce­to: “Cer­to, all’epo­ca tor­nam­mo da ita­lia­ni in Ita­lia… for­se era me­glio se ci fa­ce­va­mo egi­zia­ni…”.

Vit­to­rio Rus­so tra la mo­glie Marina e la fi­glia Sil­via

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.