Car­lo Schiavon/È que­sta la mia fa­mi­glia

An­to­nio Del Pia­no

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO - An­to­nio Del Pia­no

An­da­ta e ri­tor­no a Ge­no­va di un ma­na­ger cre­sciu­to in ca­sa ed a cui la Com­pa­gnia ha af­fi­da­to il com­pi­to di rial­lac­cia­re il rap­por­to con la di­stri­bu­zio­ne e il mercato do­po Con­cor­dia. Dal­la fi­du­cia di Co­sta all’im­pe­gno nel­la co­stru­zio­ne del più re­cen­te suc­ces­so

e la ri­tro­va­ta se­re­ni­tà azien­da­le. A de­ci­de­re di tor­na­re non ha do­vu­to pen­sar­ci a lun­go. Val­tur? Espe­rien­za che non ri­fa­reb­be

La fi­du­cia pri­ma di tut­to. In­sie­me all’one­stà è si­cu­ra­men­te l’ele­men­to de­ci­si­vo in un rap­por­to a due. E non par­lia­mo ne­ces­sa­ria­men­te di ma­tri­mo­nio. La fi­du­cia è quel­la che ha av­ver­ti­to Car­lo Schiavon, Di­ret­to­re Com­mer­cia­le e Mar­ke­ting Co­sta Cro­cie­re, il giorno del ‘ri­tor­no a ca­sa’ do­po un pe­rio­do di lon­ta­nan­za vis­su­to pri­ma in Spa­gna, e poi de­di­can­do­si per al­cu­ni me­si al­le vi­cen­de di uno dei mag­gio­ri tour ope­ra­tor ita­lia­ni, in at­te­sa del pas­sag­gio quell’azien­da da un re­gi­me com­mis­sa­ria­le ad un ef­fet­ti­vo nuo­vo pro­prie­ta­rio. Una fi­du­cia im­por­tan­te, quel­la di Co­sta Cro­cie­re, in un mo­men­to dif­fi­ci­le e for­se per que­sto an­co­ra più sen­ti­ta. Og­gi Schiavon ha tra­mu­ta­to quel­la fi­du­cia in ri­sul­ta­ti con­cre­ti e, so­prat­tut­to po­si­ti­vi, e la Com­pa­gnia si è riap­pro­pria­ta di una lea­der­ship in real­tà mai per­du­ta ma so­lo of­fu­sca­ta dal­la con­tin­gen­za. È sem­bra­ta giu­sti­fi­ca­ta quin­di agli os­ser­va­to­ri, l’emo­zio­ne con cui il ma­na­ger ha af­fron­ta­to l’ar­ri­vo in fa­mi­glia e sul mercato, del­la nuo­va Re­gi­na del Me­di­ter­ra­neo. Per­ché la fe­sta è sta­ta sì per la na­ve ma an­che, è sem­bra­to, per una se­re­ni­tà ri­tro­va­ta, dal­la Com­pa­gnia e di ri­fles­so per tut­to il com­par­to che in Co­sta Cro­cie­re ha un pun­to di ri­fe­ri­men­to ine­vi­ta­bi­le.

Ora co­min­cia un nuo­vo ca­pi­to­lo del­la sto­ria, di una nuo­va av­ven­tu­ra. Con qua­li sen­ti­men­ti l’af­fron­ta un ma­na­ger che sa, tro­van­do­si di fron­te ad una Re­gi­na del Ma­re, di es­se­re in qual­che mo­do l’ar­te­fi­ce del­le sue fu­tu­re for­tu­ne?

“Il sen­ti­men­to che pre­va­le è pri­ma di tut­to l’or­go­glio di po­ter pre­sen­ta­re al mercato que­sto gio­iel­lo del­la can­tie­ri­sti­ca ita­lia­na. Con Co­sta Dia­de­ma l’of­fer­ta di va­can­za Co­sta si ar­ric­chi­sce pun­tan­do an­co­ra di più sull’ita­lia­ni­tà, sia per quan­to ri­guar­da la progettazione e co­stru­zio­ne, sia per l’espe­rien­za che que­sta splen­di­da na­ve of­fri­rà ai suoi ospi­ti. Mi ri­fe­ri­sco, per esem­pio, al­la lun­ghis­si­ma pas­seg­gia­ta sul ma­re, l’an­co­ra più am­pia of­fer­ta eno-ga­stro­no­mi­ca, il pro­gram­ma di escur­sio­ni e le nuo­ve part­ner­ship con im­por­tan­ti mar­chi ita­lia­ni, che ci per­met­te­ran­no di of­fri­re dav­ve­ro il me­glio del no­stro pae­se. Co­sta Dia­de­ma, che pro­po­ne un iti­ne­ra­rio nel Me­di­ter­ra­neo oc­ci­den­ta­le con tre pos­si­bi­li­tà di im­bar­co dall’Ita­lia - Na­po­li, La Spe­zia e Sa­vo­na -, è si­cu­ra­men­te una gran­de op­por­tu­ni­tà per il no­stro mercato; ma la nuo­va am­mi­ra­glia è un pro­get­to che ha coin­vol­to tut­ta l’azien­da e che sta ri­scuo­ten­do suc­ces­so in ogni mercato. L’entusiasmo di­mo­stra­to dai no­stri part­ner e ospi­ti du­ran­te gli even­ti di pre­sen­ta­zio­ne e inaugurazione a Trie­ste e a Ge­no­va , è sta­to per tut­ti noi mo­ti­vo di gran­de sod­di­sfa­zio­ne ed è sti­mo­lo per con­ti­nua­re in que­sta di­re­zio­ne”.

Car­lo Schiavon sul pon­te di co­man­do (com­mer­cia­le) del lea­der eu­ro­peo del­le cro­cie­re: co­me ci si tro­va su quel­la pol­tro­na do­ve, pen­so, si sia ob­bli­ga­ti a guar­da­re avan­ti ma qual­che vol­ta an­che a vol­tar­si in­die­tro per ve­de­re quan­ta lu­ce c’è fra le pro­prie na­vi e le flot­te con­cor­ren­ti?

“Fa par­te del­la mia na­tu­ra, non­ché del mio ruo­lo, guar­da­re sem­pre avan­ti, pia­ni­fi­ca­re e met­te­re in at­to le azio­ni ne­ces­sa­rie per rag­giun­ge­re gli obiet­ti­vi di un’azien­da sem­pre all’avan­guar­dia. Ed è per que­sto che ri­ten­go im­por­tan­te mo­ni­to­ra­re ed in­ter­pre­ta­re co­stan­te­men­te gli an­da­men­ti di mercato e non per­de­re mai di vi­sta i con­cor­ren­ti, che non bi­so­gna mai sot­to­va­lu­ta­re, no­no­stan­te Co­sta re­sti sal­da­men­te lea­der di mercato”.

Di­ver­sa­men­te dal pas­sa­to, i ver­ti­ci di Co­sta og­gi par­la­no lin­gue di­ver­se dall’ita­lia­no. Qua­li so­no le dif­fe­ren­ze? Di men­ta­li­tà, di ap­proc­cio, di ge­stio­ne?

“La for­za che ren­de uni­ca Co­sta Cro­cie­re è quel­la di ave­re una vi­sio­ne glo­ba­le e con­tem­po­ra­nea­men­te la ca­pa­ci­tà di agi­re coe­ren­te­men­te sui di­ver­si mer­ca­ti lo­ca­li. Al­la lu­ce di que­sto fat­to è na­tu­ra­le che la no­stra or­ga­niz­za­zio­ne ab­bia una strut­tu­ra in­ter­na­zio­na­le. Ma Co­sta è sem­pre sta­ta e sem­pre sa­rà una azien­da con pro­fon­de ra­di­ci ita­lia­ne. Il no­stro cuo­re, il no­stro pro­dot­to e la no­stra ban­die­ra so­no ita­lia­ni”.

Il suo rap­por­to con Co­sta Cro­cie­re sem­bra es­se­re mol­to fi­du­cia­rio: qua­si ven­ti an­ni in azien­da con un viag­gio di an­da­ta e… ri­tor­no per da­re il giu-

sto av­vio a Ibe­ro­cru­ce­ros. Se­gno che del ma­na­ger ci si fi­da…

“So­no par­ti­co­lar­men­te ono­ra­to del­la sti­ma che l’azien­da ha sem­pre di­mo­stra­to nei miei con­fron­ti. Con re­ci­pro­ca fi­du­cia ho sem­pre cer­ca­to di ri­cam­bia­re dan­do il mas­si­mo”.

A mag­gior ra­gio­ne è sta­to ri­chia­ma­to in se­de per af­fron­ta­re il do­po Con­cor­dia…

“In real­tà non si può di­re que­sto …. an­che se da quan­do so­no rien­tra­to ho cer­ca­to, co­me tut­ti, di da­re il mio con­tri­bu­to, so­prat­tut­to per quan­to ri­guar­da la re­la­zio­ne con le re­te di di­stri­bu­zio­ne ita­lia­na che è sta­ta per noi un sup­por­to fon­da­men­ta­le an­che nei mo­men­ti più cri­ti­ci”.

Quan­do era un (più) gio­va­ne sa­les di Co­sta, co­me fa­ce­va a con­vin­ce­re il suo mercato a ven­de­re Co­sta piut­to­sto che… e og­gi co­sa è cam­bia­to?

“In real­tà cer­te re­go­le so­no va­li­de sem­pre e non c’è dub­bio che, og­gi co­me al­lo­ra, il pro­dot­to cro­cie­ra con­ti­nui ad of­fri­re un con­tro­va­lo­re mol­to ele­va­to in ter­mi­ni di ‘Va­lue for Mo­ney’. Og­gi le na­vi so­no più gran­di e per­for­man­ti, di con­se­guen­za so­no in gra­do di of­fri­re più di ie­ri. E le evo­lu­zio­ni del mercato, spes­so in con­tro­ten­den­za con i trend del set­to­re, di­mo­stra­no co­me le cro­cie­re con­ti­nui­no a rac­co­glie­re am­pio gra­di­men­to da par­te del pub­bli­co”.

Per quel­lo che è pos­si­bi­le sa­pe­re, quan­do è squil­la­to il te­le­fo­no per dir­le di tor­na­re a ca­sa, a Ge­no­va, quan­to ci ha pen­sa­to?

“Per me è sta­ta l’oc­ca­sio­ne per rien­tra­re in fa­mi- glia, sia dal pun­to di vi­sta pro­fes­sio­na­le che fa­mi­lia­re… e quin­di one­sta­men­te le con­fes­so che non ho do­vu­to pen­sar­ci a lun­go”.

Il pe­rio­do spa­gno­lo l’ha vi­sta pas­sa­re per Tra­vel­plan. Co­me è la Spa­gna del tour ope­ra­ting vi­sta da chi l’ha ef­fet­ti­va­men­te toc­ca­ta con ma­no? Che dif­fe­ren­ze con l’Ita­lia?

“Pen­so che gli sce­na­ri cam­bi­no ra­pi­da­men­te, e da que­sto pun­to vi­sta il 2009 è già mol­to lon­ta­no. La Spa­gna da al­lo­ra ha at­tra­ver­sa­to mo­men­ti mol­to dif­fi­ci­li, ma ora sem­bra stia dan­do in­te­res­san­ti se­gna­li di ri­pre­sa. In com­pen­so l’Ita­lia è at­tra­ver­sa­ta da una cri­si eco­no­mi­ca strut­tu­ra­le che dal 2009 non ha da­to gran­di se­gni di in­ver­sio­ne di ten­den­za”.

È pas­sa­to an­che at­tra­ver­so il pe­rio­do com­mis­sa­ria­le di Val­tur. I com­mis­sa­ri con­fes­sa­ro­no off li­ne (ma an­che pub­bli­ca­men­te…) che in fin dei con­ti l’espe­rien­za per lo­ro era sta­ta gra­ti­fi­can­te e an­che di­ver­ten­te. E per lei?

“È sta­ta un’espe­rien­za di­ver­sa, si­cu­ra­men­te mol­to im­pe­gna­ti­va ma an­che for­ma­ti­va. Po­ten­do sce­glie­re, sin­ce­ra­men­te di­co che pre­fe­ri­rei non ri­pe­ter­la”.

È sta­to mai in cro­cie­ra da pas­seg­ge­ro, aven­do il ruo­lo di chi il ser­vi­zio lo ri­cer­ca per se stes­so e non per gli al­tri? E senza che ci fos­se qual­cu­no fra il per­so­na­le che po­tes­se di­re: At­ten­ti che ci sta Schiavon.. Nel ca­so, che espe­rien­za è sta­ta? O, in ca­so con­tra­rio, non la in­cu­rio­si­sce l’idea?

“Tut­te le mie espe­rien­ze so­no sta­te par­ti­co­lar­men­te po­si­ti­ve… pe­rò c’è da di­re che ho sem­pre fat­to so­lo cro­cie­re con Co­sta!”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.