MA­RIO RUS­SO CI­RIL­LO Il Tu­ri­smo fac­cia sen­ti­re la sua vo­ce

il Giornale del Turismo Magazine - - GRANDI FAMIGLIE - ‘pri­mo del­la clas­se’ su­per­bi, sac­cen­ti

De­si­de­ro, in pri­mo luogo, por­ge­re il mio gra­zie all’Edi­to­re del­la ri­vi­sta ‘Il Gior­na­le del Tu­ri­smo’ per l’au­da­cia po­sta nel­lo spin­ge­re, in ma­nie­ra rea­le e con­cre­ta, l’at­ti­vi­tà me­ra­men­te im­pren­di­to­ria­le che per­se­gue met­ten­do a frut­to idee e progetti ori­gi­na­li. Di con­tro, sap­pia­mo tutti del sus­si­ste­re di non po­che dif­fi­col­tà, so­prat­tut­to per il de­plo­re­vo­le ope­ra­to di mol­tis­si­mi, av­vez­zi a du­pli­ca­re sen­za le ne­ces­sa­rie espe­rien­ze il la­vo­ro al­trui e, peg­gio an­co­ra, a sot­trar­lo ai col­le­ghi con me­to­do­lo­gie del tut­to di­scu­ti­bi­li, il più del­le vol­te frut­to di bas­so pro­fi­lo af­fa­ri­sti­co pri­vo di di­scer­ni­men­to e sen­za il più che mi­ni­mo ri­spet­to del­le per­so­ne e del­le pro­fes­sio­na­li­tà di co­lo­ro che han­no spe­so una vi­ta nel ten­ta­ti­vo di po­ter crea­re un fu­tu­ro di la­vo­ro per sé e per la pro­pria fa­mi­glia. È evi­den­te che il mio par­ti­co­la­re plau­so ini­zia­le è ri­vol­to al col­le­ga e ami­co An­gio­let­to De Ne­gri, mentre i no­mi che co­sti­tui­sco­no la fol­ta schie­ra dei fur­bi non me­ri­ta­no nep­pu­re di es­se­re men­zio­na­ti. La­scia­mo lo­ro in­dos­sa­re la coc­car­da con la qua­le so­no av­vez­zi a fre­giar­si del ti­to­lo di o me­glio, se si ri­cor­res­se a un ap­pro­fon­di­men­to in­tro­spet­ti­vo, oc­cor­re­reb­be par­la­re di di che tut­to san­no e che tut­to, sol­tan­to lo­ro, han­no rea- liz­za­to nel­la vi­ta. La su­per­bia, af­fer­ma Sant’Ago­sti­no, è la sca­tu­ri­gi­ne di tutti i pec­ca­ti e di tutti i ma­li, mo­ti­vo per il qua­le mol­ti fa­reb­be­ro be­ne a com­pie­re un se­rio esa­me di co­scien­za e, so­prat­tut­to, a ser­vir­si dell’umil­tà e del­la ve­ri­tà nel fa­re cer­te af­fer­ma­zio­ni rac­con­tan­do la sto­ria, nel­la qua­le pen­sa­no di po­ter en­tra­re a tutti i co­sti, e che si ri­ve­la ben dis­si­mi­le da quel­la che si è rea­liz­za­ta a ini­zia­re dai pri­mi an­ni del se­co­lo scor­so, quan­do le lo­ro at­ti­vi­tà non era­no nep­pu­re sor­te e per­tan­to i fat­ti rac­con­ta­ti ri­sal­go­no, for­se, agli ini­zi de­gli an­ni ‘50. Que­sta pre­mes­sa è do­ve­ro­sa per ri­por­ta­re nel giu­sto al­veo la sto­ria del Tu­ri­smo in Ita­lia e a Na­po­li, che è le­ga­ta in buo­na par­te al­la fa­mi­glia Rus­so Ci­ril­lo, ol­tre­tut­to per la con­si­de­ra­zio­ne che il fe­no­me­no so­cio-culturale e eco­no­mi­co del Tu­ri­smo non può e non de­ve es­se­re estra­po­la­to dal con­te­sto na­zio­na­le an­zi, a mio giu­di­zio e non solo, an­dreb­be ri­con­dot­to an­che og­gi sol­tan­to a que­st’ul­ti­mo con la ri­co­sti­tu­zio­ne di un se­rio e au­to­re­vo­le Mi­ni­ste­ro del Tu­ri­smo aven­te come con­tro­par­te la Con­fe­de­ra­zio­ne del Tu­ri­smo at­tra­ver­so la qua­le la clas­se im­pren­di­tri­ce do­vreb­be far ascol­ta­re la sua rea­le vo­ce, pri­va del con­di­zio­na­men­to di al­tri set­to­ri i cui in­te­res­si so­no mol­te vol­te, se non in pie­na an­ti­te­si, certamente di­ver­gen­ti e lon­ta­ni dal­la real­tà del­lo straor­di­na­rio mon­do del Tu­ri­smo stes­so. For­se è un’uto­pia! Ma at­ten­zio­ne, mol­te vol­te le uto­pie pos­so­no an­che di­ve­ni­re real­tà sol­tan­to se vo­lu­te da chi è rea­le at­to­re e ar­te­fi­ce esclu­si­vo del­le pro­prie idee sane e del pro­prio per­so­na­le im­pe­gno la­vo­ra­ti­vo, ot­te­nu­to, come si suo­le di­re, con il su­do­re del­la pro­pria fron­te. Si par­la tan­to di ri­for­me, ma poi le ve­re ri­for­me ra­di­ca­li e pro­fon­de nes­su­no le vuo­le! Sia­no gli ar­te­fi­ci del Tu­ri­smo italiano, ov­ve­ro la clas­se im­pren­di­to­ria­le, ad avan­za­re pro­po­ste di ri­for­me se­rie, par­ten­do dal com­par­to che già per le sue ca­rat­te­ri­sti­che può con­cor­re­re al­la ri­pre­sa eco­no­mi­ca ita­lia­na an­che con in­ve­sti­men­ti pub­bli­ci li­mi­ta­ti. Già, in par­te, ba­ste­reb­be non sper­pe­ra­re e di­sper­de­re gli scar­si fon­di de­sti­na­ti al set­to­re. Tutti sap­pia­mo co­sa av­vie­ne og­gi, ma tutti con­ti­nuia­mo a in­vo­ca­re aiu­ti e in­ter­ven­ti ‘uti sin­gu­li’; for­se sia­mo in po­chi ad aver com­pre­so che oc­cor­re un’im-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.