A liett strit­te cuc­cat n’mie­ze (a let­ti stret­ti... co­ri­ca­ti al cen­tro)

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO - An­gio­let­to de Ne­gri

Si pro­prio al cen­tro… non ca­di mai!!! Ma­ga­ri un cen­tro pic­co­lo, sco­mo­do, stret­to… ma sei si­cu­ro di es­ser­ci… sem­pre. Noi na­po­le­ta­ni usia­mo que­sta me­ta­fo­ra per sug­ge­ri­re di fa­re tut­to il pos­si­bi­le per par­te­ci­pa­re sem­pre al bel­lo ed al brut­to di ogni mo­men­to del­la vi­ta. Mai sal­ta­re la not­te e far fin­ta di nien­te… è fa­ti­co­so e la­scia i se­gni… ma in­fi­lar­si in qual­che mo­do nel pic­co­lo spa­zio del cen­tro del let­to co­sì ci sei e non dai adi­to a far fa­re pen­sie­ri cat­ti­vi… Noi di ASTOI sia­mo una ca­te­go­ria for­te ed uni­ta, sia­mo noi la sto­ria del Tour Ope­ra­ting Ita­lia­no e non si de­ve da­re al­cu­na im­por­tan­za a opi­nio­ni o in­ciu­ci. Cer­to, so­no sto­riel­le che van­no con­trol­la­te e di­fe­se ma non ta­glian­do­si i co­sid­det­ti… per far di­spet­to al­la mo­glie. Io, co­mun­que, in­si­sto nel sug­ge­ri­re al Pre­si­den­te Bat­ti­fo­ra, ai Vi­ce Pre­si­den­ti, al Di­ret­to­re Ge­ne­ra­le Fran­ce­schi­ni ed a tut­ti i miei col­le­ghi Con­si­glie­ri di non ri­pe­te­re più l’area co­mu­ne ASTOI… le ag­gre­ga­zio­ni tra con­cor­ren­ti non rie­sco­no mai!!! È so­lo un mio fer­mo con­vin­ci­men­to all’al­ba dei 40 an­ni di at­ti­vi­tà nel tour Ope­ra­ting.

E poi, se l’in­ten­to è fa­re a me­no del­le fie­re tu­ri­sti­che ita­lia­ne pen­san­do di tra­sci­na­re an­che le Agen­zie di viag­gio… beh, cre­do si trat­ti so­lo di una pia il­lu­sio­ne. Io so­no con­vin­to che mol­te Agen­zie non co­no­sco­no nean­che l’esi­sten­za di ASTOI e quin­di, in­ve­ce di in­si­ste­re a tut­ti i co­sti di cer­ca­re di ri­sol­ve­re i pro­ble­mi non par­te­ci­pan­do al­le fie­re, im­pe­gnia­mo­ci a far­ci co­no­sce­re me­glio dall’in­ter­me­dia­zio­ne, fa­cen­do più at­ti­vi­tà di fi­de­liz­za­zio­ne spe­cial­men­te ne­gli stand… Ed è pu­re sba­glia­to pren­der­se­la con l’or­ga­niz­za­to­re del­la Fie­ra se non ci so­no vi­si­te al­lo stand… lo spa­zio espo­si­ti­vo di ogni Tour Ope­ra­tor, di ogni Azien­da va vi­va­ciz­za­to giù in pre­ce­den­za con un’ am­pia at­ti­vi­tà com­mer­cia­le e con an­nun­ci del­le no­vi­tà che tro­ve­ran­no in fie­ra. Non è la fie­ra che at­ti­ra l’uten­te ma è l’espo­si­to­re del­la Fie­ra che de­ve at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne su se stes­so. Pen­sa­re che se non c’è ASTOI ad una Fie­ra le Agen­zie non par­te­ci­pa­no è un’il­lu­sio­ne. È ve­ro il con­tra­rio: non aspet­ta­no al­tro che i pe­rio­di del­le due prin­ci­pa­li fie­re TTG e BMT (og­gi ven­ten­ne) an­che per es­se­re ri­ce­vu­ti dal­la con­cor­ren­za (OL­TA, DMC, NET­WORK, WEB) che è sem­pre più pre­sen­te… per non par­la­re dei no­stri più fi­de­liz­za­ti cor­ri­spon­den­ti che cer­ca­no com­pra­to­ri a tut­ti co­sti, non a ca­so nel­le no­stre fie­re, la pre­sen­za dei prin­ci­pa­li cor­ri­spon­den­ti ame­ri­ca­ni o spa­gno­li è co­stan­te.

In quan­to al­la pre­sen­za espo­si­ti­va ASTOI al­le fie­re, fac­cia­mo un pas­so in­die­tro, la­scia­mo che ognu­no scel­ga il pro­prio spa­zio… ma­ga­ri mar­chia­mo­ci sem­pre ASTOI ma in­di­pen­den­ti as­so­lu­ta­men­te l’uno dall’al­tro… an­che dal­lo stes­so spa­zio isti­tu­zio­na­le ASTOI che de­ve es­se­re ri­ser­va­to as­so­lu­ta­men­te per il ri­spet­to del­la ne­ces­sa­ria pri­va­cy. Più ci unia­mo in un so­lo spa­zio, per gran­de che sia, me­no ap­pa­ria­mo… Spar­pa­glia­ti fac­cia­mo più ef­fet­to, pre­si­dia­mo me­glio il mer­ca­to fie­ri­sti­co, sia­mo li­be­ri e of­fria­mo ospi­ta­li­tà, riu­scen­do a co­no­sce­re chi la­vo­ra con noi e non ab­bia­mo al­cun ram­ma­ri­co per il fat­to che il col­le­ga d’avan­ti ha fat­to lo stand più al­to del no­stro co­me spes­so è ac­ca­du­to in que­sti spa­zi co­mu­ni di una co­mu­ni­tà che di co­mu­ne, ov­via­men­te, ha so­lo la vo­glia di es­se­re mi­glio­re del vi­ci­no.

Di­ser­ta­re, co­mun­que, non con­vie­ne mai, è scien­ti­fi­ca­men­te di­mo­stra­to che è ne­ga­ti­vo. Bi­so­gna es­se­re sem­pre den­tro al mer­ca­to e mai ave­re la pre­sun­zio­ne di es­se­re il nu­me­ro uno sem­pre e con i pro­pri dik­tat. Sa­reb­be un con­tro­sen­so ri­spet­to a quan­to fat­to fi­no a ie­ri quan­do si fa­ce­va a ga­ra a chi spen­de­va di più per es­se­re più vi­si­bi­li, lu­mi­no­si, en­tu­sia­sti, sor­ri­den­ti… an­che agli oc­chi dei no­stri for­ni­to­ri che, co­mun­que, ver­ran­no sem­pre in fie­ra e so­no sem­pre pron­ti a fa­re al­tri cat­ti­vi pen­sie­ri se non ci sei con uno stand. Que­sta vo­glia di di­ser­ta­re le fie­re for­se è det­ta­ta so­lo dal­la ne­ces­si­tà di que­sto mo­men­to di re­cu­pe­ro eco­no­mi­co in con­fron­to ai gran­di bud­get de­sti­na­ti al­le fie­re fin qui… ma al­lo­ra det­tia­mo noi le re­go­le ma non ci ca­sti­ghia­mo di­ser­tan­do, co­sì co­me pa­re che si vo­glia fa­re da par­te di qual­cu­no! Chi pen­sa di ri­spar­mia­re can­cel­lan­do di col­po quan­to esa­ge­ra­ta­men­te ha spe­so fin qui per la pro­pria im­ma­gi­ne com­mer­cia­le e per la com­mer­cia­liz­za­zio­ne dei pro­pri pro­dot­ti, è co­me co­lui che fer­ma l’oro­lo­gio pen­san­do di vi­ve­re più a lun­go. Tor­nia­mo sui no­stri pas­si, pro­po­nia­mo­ci di det­ta­re noi le con­di­zio­ni eco­no­mi­che di par­te­ci­pa­zio­ne, di­ven­tan­do noi pro­ta­go­ni­sti del suc­ces­so di una fie­ra.

So­no si­cu­ro di tro­va­re le por­te aper­te da ogni par­te, can­cel­lan­do ogni inu­ti­le e dan­no­sa po­le­mi­ca a pro­po­si­to di gior­na­li, fie­re e con­flit­ti di in­te­res­si che se pu­re esi­stes­se­ro non ver­reb­be­ro me­no con una no­stra as­sen­za nel­le fie­re. Fa­cen­do fron­te uni­co in tut­to e per tut­to con gli or­ga­niz­za­to­ri del­le prin­ci­pa­li fie­re ot­ter­rem­mo, an­co­ra di più, la pos­si­bi­li­tà di crea­re quel­la fi­de­liz­za­zio­ne ne­ces­sa­ria con le agen­zie det­ta­glian­ti che so­lo una fie­ra di set­to­re ti può da­re per spa­zi, tem­pi, luo­ghi, or­ga­niz­za­zio­ne ed ospi­ta­li­tà. È per que­sto che BMT apre le por­te a tut­ti i col­le­ghi ASTOI con il so­li­to gar­bo e con tan­te no­vi­tà, ca­ri­ne­rie e sor­pre­se per fe­steg­gia­re in­sie­me i suoi ven­ti an­ni… e poi chi non ci sta… Gra­zie per la let­tu­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.