Nes­su­no spe­gne­rà le mil­le lu­ci di Pa­ri­gi

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO - Va­len­ti­na Cle­men­te

Pa­ri­gi è cam­bia­ta, ma è ri­ma­sta al­lo stes­so tem­po se stes­sa: al­le bom­be ha ri­spo­sto con clas­se, ve­sten­do­si a fe­sta, per non la­sciar­si por­ta­re via quel­la quo­ti­dia­na li­qui­di­tà tan­to av­ver­sa a co­lo­ro che ne vo­glio­no ru­ba­re la li­ber­tà. C’è sta­ta la con­ci­ta­zio­ne, la pau­ra, ma al­la fi­ne la cit­tà non si è mai svuo­ta­ta, an­che sa­ba­to mat­ti­na quan­do qual­che te­me­ra­rio si ci­men­ta­va nel so­li­to foo­ting gior­na­lie­ro. For­se il dub­bio più gran­de del­le per­so­ne, coin­vol­te o me­no di­ret­ta­men­te ne­gli at­ten­ta­ti del 13 no­vem­bre, è quel­lo di ri­ma­ne­re in­gab­bia­ti in que­sto sen­so di tor­po­re per le leg­gi d’emer­gen­za che il go­ver­no sta va­ran­do in que­sti gior­ni. Per le stra­de co­mun­que non si re­spi­ra l’aria dell’as­sal­to, cer­to c’è qual­che sguar­do più cor­ruc­cia­to, ma la vi­ta non si de­ve fer­ma­re e lo spi­ri­to dei pa­ri­gi­ni è sta­to in­car­na­to, in ma­nie­ra più che po­si­ti­va, dal­la co­per­ti­na di quel Char­lie Heb­do che, sen­za esa­ge­ra­re, ha sa­pu­to co­glie­re in quei ri­vo­li di cham­pa­gne che usci­va­no dal cor­po mar­to­ria­to del pro­ta­go­ni­sta la ne­ces­si­tà di con­ti­nua­re ad esi­ste­re. Ec­co mi fer­me­rei pro­prio su que­st’ul­ti­mo ver­bo, per sot­to­li­near­ne la dif­fe­ren­za con il ‘fra­tel­lo’ vi­ve­re: pos­sia­mo an­da­re avan­ti e con­ti­nua­re a vi­ve­re con il pi­lo­ta au­to­ma­ti­co, con­ti­nuan­do a far sci­vo­la­re i gior­ni in una re­si­sten­za pas­si­va, ma qui in bal­lo c’è l’esi­sten­za stes­sa di una cit­tà che ha fat­to del­le lu­ci e del­lo spet­ta­co­lo il suo mar­chio di fab­bri­ca da più di un se­co­lo. Con tut­te le sue sfac­cet­ta­tu­re, Pa­ri­gi ha sem­pre in­car­na­to il sim­bo­lo dell’ec­ces­so e per al­cu­ni ad­di­rit­tu­ra del­la per­ver­sio­ne, con i lo­ca­li di Pi­gal­le, ma la vil­le Lu­miè­re ha uti­liz­za­to tan­ti pic­co­li qua­dri per co­strui­re un di­pin­to uni­co nel­la sua spe­cie, sa­pen­do sfrut­ta­re sem­pre al me­glio tut­ti i ca­na­li di co­mu­ni­ca­zio­ne. Tut­to sem­bra scor­re­re co­me sem­pre, co­me se quel ve­ner­dì se­ra non fos­se suc­ces­so nien­te, o al­me­no ci si pro­va: la si­cu­rez­za è sta­ta rin­for­za­ta, ma gi­ran­do per la cit­tà la sen­sa­zio­ne non è quel­la dell’as­se­dio, ma piut­to­sto di un con­trol­lo stri­scian­te per ten­ta­re co­mun­que di man­te­ne­re la cal­ma. Pa­ri­gi è co­me una fe­ni­ce, si lec­ca le fe­ri­te, ma ri­par­ti­rà pro­prio dal­le sue ce­ne­ri per tor­na­re a bril­la­re an­co­ra, non c’è ter­ro­re che ten­ga.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.