Ci man­ca­va so­lo la zan­za­ra Zi­ka!

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO - An­gio­let­to de Ne­gri

Più ne­ra del­la mez­za­not­te non può ve­ni­re, per­ciò pren­dia­mo­ce­la con fi­lo­so­fia sen­za chiu­der­ci in ma­lin­co­ni­ca so­li­tu­di­ne o in rab­bio­sa cat­ti­ve­ria con­tro tut­to e tut­ti co­me sta av­ve­nen­do. Mai iso­lar­si e re­sta­re fuo­ri dal con­fron­to con la con­cor­ren­za, dal­lo scam­bio di idee, dal far­si ve­de­re en­tu­sia­sti, vi­vi e ve­ge­ti, dal­lo sco­pri­re nuo­ve strategie e mai sta­re fuo­ri dal­la fa­mi­glia, dal­le fie­re di set­to­re che ser­vo­no pro­prio in mo­men­ti co­sì dif­fi­ci­li co­me quel­lo che stia­mo at­tra­ver­san­do… Le fie­re so­no si­no­ni­mo di ener­gia, di­na­mi­smo, vi­ta­li­tà ed of­fro­no pos­si­bi­li­tà di nuo­ve pro­spet­ti­ve… È do­ve si fa il pun­to del­la si­tua­zio­ne del mer­ca­to… Po­ve­ri stol­ti co­lo­ro che non rie­sco­no più a com­pren­der­lo… Di fron­te ad ogni mi­nac­cia del mer­ca­to bi­so­gna in­no­va­re ve­lo­ce­men­te, ade­guar­si ai bi­so­gni del con­su­ma­to­re e dell’in­ter­me­dia­rio che so­no di­ven­ta­ti sem­pre più esi­gen­ti. Mi do­man­do do­ve può av­ve­ni­re tut­to ciò se non in una fie­ra spe­cia­liz­za­ta, nel pro­prio spa­zio e in po­che ore, con mi­ni­mo in­ve­sti­men­to e pos­si­bi­li­tà di co­no­sce­re an­che la pro­prie­tà di un’azien­da in­ve­ce del so­li­to com­mer­cia­le? Va­le la pe­na ac­ca­nir­si a tut­ti i co­sti per cer­ca­re di ri­sol­le­var­si in un me­stie­re che og­gi non ha più un’esclu­si­va? Og­gi il tour ope­ra­ting è ta­glia­to un po’ fuo­ri. Tut­ti fan­no tut­to e guai a chi fa fin­ta di non ca­pir­lo. Bi­so­gna tor­na­re al pas­sa­to; la no­stra pro­fes­sio­ne non è na­ta dal tour ope­ra­ting ma dall’agen­zia di viag­gio pu­ra, spe­cia­liz­za­ta ed es­sen­zial­men­te con­su­len­te. Per fa­re so­lo un esem­pio, Chia­ri­va, nu­me­ro uno del­le agen­zie sto­ri­che aper­te al pub­bli­co, per fa­re il tour ope­ra­tor ha chiu­so… era la si­gno­ra ita­lia­na del­le agen­zie di viag­gio in­sie­me a Cit, Ame­ri­can Ex­press, Sit, etc. Ri­mar­rà in pie­di so­lo il T.O. che sa­rà ca­pa­ce di of­fri­re un pro­dot­to in esclu­si­va, ma nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la: sa­rà bra­vo il T.O. che po­trà di­re“que­st’al­ber­go o vil­lag­gio è sol­tan­to mio e me lo ven­do da so­lo con la mia re­te di in­ter­me­dia­zio­ne”. Ma par­lia­mo di mo­sche bian­che. Ne­gli an­ni 70, ap­pe­na ven­ti­set­ten­ne, ero Di­ret­to­re di fi­lia­le nel grup­po STUI/FIAT. In­ven­tam­mo il tour ope­ra­ting con TUTTOJET in con­tem­po­ra­nea con AVIATOUR e man ma­no si ar­ri­vò ad es­se­re cir­ca 150/200 tour ope­ra­tor in Ita­lia che all’epo­ca res­se­ro so­lo per l’in­te­res­san­te gi­ro di sol­di che c’era. Fi­ni­to il gi­ro di sol­di per i va­ri mo­men­ti di cri­si, du­ran­te que­sti ul­ti­mi 20 an­ni mol­ti han­no chiu­so e so­no ve­ra­men­te tan­ti. Fra l’al­tro in que­ste ore mol­ti stan­no con­ti­nuan­do a chiu­de­re o pas­sa­re di ma­no gon­fian­do ma­ga­ri i fat­tu­ra­ti di chi an­co­ra ac­qui­sta, di qual­che mi­lio­na­ta di eu­ro in bi­lan­ci sen­za uti­li. Og­gi so­prav­vi­via­mo in po­chi, tut­ti pe­rò, un po’ vo­ta­ti al­la mor­te vi­sti i gros­si pro­ble­mi che stia­mo at­tra­ver­san­do dal­le Tor­ri Ge­mel­le nel 2001 fi­no al­la zan­za­ra Zi­ka che è ve­nu­ta a dar fa­sti­dio ol­tre il ruo­lo che tra­di­zio­nal­men­te le com­pe­te. Sen­za di­men­ti­ca­re che sia­mo schiac­cia­ti da Ota, ho­tel e vil­lag­gi che chia­ma­no di­ret­ta­men­te i con­su­ma­to­ri. Ed an­co­ra, le com­mis­sio­ni ze­ro del­le com­pa­gnie ae­ree e la sven­di­ta che si fa del­le ca­bi­ne sul­le na­vi da cro­cie­ra. A que­sto si ag­giun­ge la con­cor­ren­za del­le agen­zie di viag­gio det­ta­glian­ti che si so­no riap­pro­pria­te del­la lo­ro na­tu­ra­le pro­fes­sio­ne con il ‘self tour ope­ra­tor in agen­zia’ e lo sta­to di ab­ban­do­no dei go­ver­nan­ti che non ci ri­co­no­sco­no co­me ope­ra­to­ri tu­ri­sti­ci per­ché di­co­no che il tu­ri­smo è so­lo quel­lo In­co­ming… rap­pre­sen­ta­to dall’ENIT ma­ga­ri! Bi­so­gna tor­na­re al­le ori­gi­ni; se non si cam­bia for­mat è inu­ti­le spe­ra­re di far­ce­la so­lo con il ta­glio di de­ter­mi­na­ti co­sti di co­mu­ni­ca­zio­ne, com­mer­cia­li, pub­bli­ci­ta­ri o di cer­ca­re di ot­te­ne­re la cas­sa in­te­gra­zio­ne in de­ro­ga per cen­ti­na­ia di di­pen­den­ti in ogni mo­men­to. Si ri­tor­ni a fa­re il me­stie­re di tour ope­ra­tor pu­ro, quel­lo che sa fa­re il ‘Tai­lor Ma­de’, che vo­la con la com­pa­gnia ae­rea di li­nea, che non è pro­prie­ta­rio/ge­sto­re di re­sort. Op­pu­re, dob­bia­mo ave­re il co­rag­gio di tra­sfor­mar­ci ed apri­re al pub­bli­co. Ci te­nia­mo un po’ di per­so­na­le spe­cia­liz­za­to, ri­spar­mia­mo le com­mis­sio­ni, la stam­pa dei ca­ta­lo­ghi, il co­sto dei pa­laz­zi e tut­to il re­sto. Dob­bia­mo far pre­sto. In Ita­lia non può so­prav­vi­ve­re il tour ope­ra­tor tut­to­lo­go che of­fre dall’al­ber­go ai pull­man e agli ae­rei. Si è di­mo­stra­to un for­mat che non può an­da­re avan­ti ed il gua­io è che sta tra­sci­nan­do tut­to il set­to­re con le va­rie chiu­su­re ed i tan­ti de­bi­ti spar­pa­glia­ti per stra­da. Non so­no ba­sta­ti gli esem­pi di co­lo­ro che, pre­si dal de­li­rio d’on­ni­po­ten­za e dal­la me­ga­lo­ma­nia, so­no sal­ta­ti in ma­lo mo­do? Re­stia­mo con i pie­di per ter­ra e cer­chia­mo di sal­va­re il sal­va­bi­le qua­li­fi­can­do la pro­fes­sio­na­li­tà e ri­du­cen­do i ri­schi… sem­pre che ce ne sia­no le ca­pa­ci­tà! È so­lo una mia ri­fles­sio­ne in un cor­to e ama­ro feb­bra­io del 2016. Gra­zie per la let­tu­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.