Cal­cio d’ini­zio! Ri­par­te il cam­pio­na­to

il Giornale del Turismo Magazine - - SOMMARIO - An­gio­let­to de Ne­gri

La sta­gio­ne esti­va è fi­ni­ta si ri­par­te, e sul cam­po sa­rà un an­no ve­ra­men­te de­ter­mi­nan­te tra fe­sti­vi­tà, pri­ma­ve­ra ed esta­te. An­che gra­zie al­le tan­te no­vi­tà, che a va­rio ti­to­lo so­no sce­se sul ter­re­no di gio­co. Un cam­pio­na­to dall’ac­cen­to de­ci­sa­men­te cu­rio­so ri­par­te con la so­li­ta cac­cia di que­ste ore a chi re­ste­rà sul mer­ca­to o a chi fa più ac­qui­si­zio­ni pos­si­bi­li di azien­de che da so­le non ce l’han­no fat­ta. O a chi ge­sti­rà il tur­no­ver di te­ste di am­mi­ni­stra­to­ri de­le­ga­ti, spe­ran­do che se­gni­no più gol dei lo­ro pre­de­ces­so­ri, e chi rie­sca­no ad ac­cor­pa­re più network pos­si­bi­li. E an­co­ra sa­rà cac­cia a chi nel­la cam­pa­gna ac­qui­sti ge­sti­rà più re­sort pos­si­bi­li Ol­treo­cea­no pur co­scien­ti di tro­var­si in area com­ple­ta­men­te sco­no­sciu­ta per­ché fi­no a ie­ri gio­ca­va so­lo in area Egit­to o Tu­ni­sia, os­sia due fuo­ri­clas­se re­du­ci da in­for­tu­ni se­ri e che chis­sà per quan­to tem­po non po­tran­no più met­te­re pie­de in cam­po e ne­gli sta­di... Sen­za di­men­ti­ca­re que­gli even­ti fie­ri­sti­ci che si ac­cor­pa­no con la spe­ran­za di so­prav­vi­ve­re. Poi ci so­no pu­re le so­li­te cri­ti­ci­tà da car­tel­li­no ros­so che re­ma­no con­tro le squa­dre che si gio­ca­no il cam­pio­na­to: fon­do di ga­ran­zia che non de­col­la a cau­sa del­la non chia­ra le­gi­fe­ra­zio­ne da par­te del go­ver­no, nes­sun cen­no di pa­ce nel mon­do, si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca che in­ve­ce di ri­pren­der­si ha fat­to in­nal­za­re ul­te­rior­men­te l’ap­pren­sio­ne nu­tri­ta nei suoi con­fron­ti vi­sta la pa­le­se dif­fi­col­tà che si in­con­tra nel pro­va­re a fa­re pre­vi­sio­ni che ab­bia­no una ele­va­ta at­ten­di­bi­li­tà. Ed an­co­ra so­no cri­ti­ci­tà da non tra­scu­ra­re la cre­sci­ta dei co­sti azien­da­li, de­gli stru­men­ti ge­stio­na­li, del­le nuo­ve tec­no­lo­gie e il co­sto ele­va­tis­si­mo del­le ri­sor­se uma­ne. Una cri­ti­ci­tà per tut­te, an­che que­sta da car­tel­li­no ros­so, è l’in­dif­fe­ren­za che mo­stra­no le or­ga­niz­za­zio­ni pre­po­ste al­la ne­ces­si­tà di sot­to­por­re al Go­ver­no una ri­chie­sta di ‘sta­to di cri­si’ di un set­to­re che sof­fre da an­ni e so­lo per or­go­glio ed am­bi­zio­ni in­na­te in noi ope­ra­to­ri si ap­pre­sta ad af­fron­ta­re un al­tro cam­pio­na­to, met­ten­do pez­ze a co­lo­ri da una par­te all’altra del pro­prio club. Io rap­pre­sen­to uno di que­sti club pron­to a scen­de­re sem­pre in cam­po ma ora bi­so­gna pen­sar­ci be­ne per­ché fra l’al­tro le tri­bu­ne so­no sem­pre più spo­po­la­te, sen­za spet­ta­to­ri e sen­za più ti­fo­si... le par­ti­te or­mai i no­stri ex fan se le stan­no ve­den­do da ca­sa pro­pria in com­pa­gnia del­le si­gno­ri­ne ol­ta, on li­ne, crs, app e va­rie! E al­lo­ra, mi chie­do, quan­to man­ca al gior­no in cui noi tour ope­ra­tor apri­re­mo gli oc­chi spo­glian­do­ci dal­la vec­chia di­vi­sa che ci im­po­ne­va ogni ri­guar­do per il mer­ca­to... Gra­zie per la lettura

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.