YCI, Reggio go­ver­na, Cro­ce non ci sta

Il Giornale della Vela - - Backstage - Eu­ge­nio Ruoc­co

Tut­to ad un trat­to la por­ta fa “slam!”. Non è so­lo il ver­so di una no­ta canzone de­gli 883, ma quel­lo che è suc­ces­so quan­do Car­lo Cro­ce, pre­si­den­tis­si­mo del­lo Yacht Club Ita­lia­no per vent’an­ni, non è sta­to ri­con­fer­ma­to dal con­si­glio del circolo più an­ti­co d’Ita­lia, fon­da­to nel 1879. Cro­ce ha ab­ban­do­na­to la sa­la se­gui­to da un buon nu­me­ro (ma mi­no­ri­ta­rio) di con­si­glie­ri, dan­do a in­ten­de­re che si sa­reb­be fat­to sen­ti­re pre­sto. In­tan­to, il mar­che­se Ni­co­lò Reggio, 63 an­ni (fo­to so­pra), è il nuo­vo pre­si­den­te. In­ge­gne­re na­va­le e mec­ca­ni­co, li­be­ro pro­fes­sio­ni­sta nel set­to­re dei tra­spor­ti ma­rit­ti­mi, è sta­to ran­di­sta in Cop­pa Ame­ri­ca su Az­zur­ra nel 1983 men­tre per la cam­pa­gna del 1987 ha se­gui­to la co­stru­zio­ne della bar­ca. Il no­me della sua fa­mi­glia (co­me quel­la di Cro­ce, del re­sto, seb­be­ne que­st’ul­ti­ma sia più co­no­sciu­ta per i ruo­li di­ri­gen­zia­li) è in­trin­se­ca­men­te le­ga­to al­la ve­la: è pro­ni­po­te di Gio­van­ni Leone Reggio, che nel 1936 vin­se la pri­ma me­da­glia d'oro olim­pi­ca della ve­la ita­lia­na. Si è fat­to por­ta­to­re di un’ala all’in­ter­no della so­cie­tà che con­te­sta­va a Cro­ce di aver la­scia­to lo Yacht Club un po’ ab­ban­do­na­to a sé stes­so, pre­so com’era da­gli al­tri im­pe­gni (aven­do pre­sie­du­to nel con­tem­po FIV e World Sai­ling, la fe­der­ve­la in­ter­na­zio­na­le). Ha pre­val­so quin­di la vo­glia di cam­bia­re. Ho in­con­tra­to Reggio di per­so­na, as­sie­me ai mem­bri del nuo­vo di­ret­ti­vo YCI, in una ce­na in­for­ma­le a Saint Tro­pez in oc­ca­sio­ne della Gi­ra­glia, do­ve tra l’al­tro mi è sta­ta posta la fa­ti­di­ca do­man­da: “Per­ché il Gior­na­le della Ve­la an­co­ra non ha scrit­to nul­la sul cam­bio di te­sti­mo­ne al­lo YCI?”. Ho da­to una ri­spo­sta in sti­le Quin­to Fa­bio Mas­si­mo, con­so­le ro­ma­no det­to

Cunc­ta­tor, il tem­po­reg­gia­to­re: “Stia­mo aspet­tan­do di ve­de­re co­sa ac­ca­drà nell’as­sem­blea straor­di­na­ria”. Già, per­ché co­me ave­va la­scia­to su­bi­to in­ten­de­re, Cro­ce è pas­sa­to all’at­tac­co rac­co­glien­do 150 fir­me con l’obiet­ti­vo (rag­giun­to) di con­vo­ca­re un’as­sem­blea straor­di­na­ria per pro­va­re, di fat­to, a de­sti­tui­re Reggio (elet­to dal con­si­glio con 8 pre­fe­ren­ze su 15), il qua­le pe­ral­tro ha su­bi­to ini­zia­to a la­vo­ra­re so­do, c’è già sta­ta un’as­sem­blea or­di­na­ria a giu­gno. La mo­ti­va­zio­ne del col­po di co­da “cro­cia­no”? Se­con­do l’ex pre­si­den­te, il pas­sag­gio di con­se­gne non sa­reb­be av­ve­nu­to, co­me ha scrit­to in una let­te­ra ai so­ci, “se­con­do le più al­te tradizioni del vi­ve­re ci­vi­le e le mi­glio­ri vir­tù ma­ri­na­re”. Sul­la base del­le nor­me con­sue­tu­di­na­rie che re­go­la­no il club, il so­cio più vo­ta­to do­vreb­be es­se­re il pre­si­den­te: Cro­ce ave­va ef­fet­ti­va­men­te pre­so più vo­ti dai so­ci (sen­za ma­tu­ra­re di­stac­chi “bul­ga­ri”), ma il Con­si­glio si è espres­so di­ver­sa­men­te. Co­me fi­ni­rà la vi­cen­da? Fa­cen­do gli au­gu­ri a Ni­co Reggio, che a mo­do suo sta pro­van­do a svec­chia­re lo YCI (a ta­vo­la si par­la­va di In­sta­gram e Fa­ce­book in­ve­ce di J-Class), ve lo rac­con­te­re­mo ad as­sem­blea con­clu­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.