NOLEGGIARE&IM­PA­RA­RE

Per ca­pi­re co­sa si­gni­fi­ca una vacanza a ve­la è ba­sta­to chie­der­lo ai no­stri let­to­ri. Ec­co il ri­sul­ta­to della no­stra ini­zia­ti­va in col­la­bo­ra­zio­ne con Glo­be Sailor e Sai­li­ta­lia. Ec­co chi ha vin­to

Il Giornale della Vela - - Sommarioago17 -

Cos’è per te una vacanza in bar­ca? In cin­que­cen­to hanno scrit­to, ec­co chi ha vin­to

Ec­co chi ha vin­to

Cin­que­cen­to ri­spo­ste! In 498, per la pre­ci­sio­ne, ave­te par­te­ci­pa­to all’ini­zia­ti­va che ab­bia­mo lan­cia­to in col­la­bo­ra­zio­ne con Glo­be Sailor e Sai­li­ta­lia, “In­do­vi­na do­ve an­da­re in vacanza con Glo­be Sailor. Vin­ci una cro­cie­ra in bar­ca!”. Qua­si tut­ti sie­te riu­sci­ti a in­do­vi­na­re la se­quen­za cor­ret­ta del­le na­zio­ni i cui luo­ghi era­no ri­trat­ti nel­le fo­to. Per la cro­na­ca, la A: 1. Ita­lia (Chia­ia di Lu­na, Pon­za), 2. Gre­cia (Ba­ia del Re­lit­to, Zan­te), 3. Croa­zia (Sve­ti Kle­ment, Hvar). Vi ave­va­mo poi chie­sto di rac­con­tar­ci co­sa fos­se per voi una vacanza in bar­ca. Tra tut­ti quel­li che hanno ri­spo­sto cor­ret­ta­men­te al quiz la no­stra giu­ria ha de­ci­so di pre­mia­re (per i pri­mi due era­no in pa­lio due cro­cie­re, per il ter­zo un ab­bo­na­men­to trien­na­le al Gior­na­le della Ve­la) co­lo­ro che più ci hanno emo­zio­na­to con i lo­ro pen­sie­ri sulle va­can­ze in bar­ca. Ban­do al­le cian­ce, è ora di sco­pri­re i tre for­tu­na­ti (e bravi) vincitori!

1° PRE­MIO - RE­NA­TO ME­LE “In bar­ca (a ve­la) la fe­li­ci­tà è un’idea sem­pli­ce“.

Una so­la fra­se è val­sa a Re­na­to una set­ti­ma­na in Sar­de­gna su un Beneteau Ocea­nis 38: con que­ste pa­ro­le ha di­mo­stra­to di aver col­to nel se­gno e so­prat­tut­to di ave­re ot­ti­mi gu­sti let­te­ra­ri. Si trat­ta in­fat­ti della pa­ra­fra­si in chia­ve ve­li­ca di un pas­sag­gio di “Chour­mo. Il cuo­re di Mar­si­glia”, ca­po­la­vo­ro dalle tin­te noir di Jean-Clau­de Iz­zo (“di fron­te al mare la fe­li­ci­tà è un’idea sem­pli­ce”), un ro­man­zo che vi con­si­glia­mo as­so­lu­ta­men­te.

2° PRE­MIO - ELISA PIERI

“Una vacanza in bar­ca è… Gli oc­chi co­sì pie­ni di so­le che nem­me­no le len­ti po­la­riz­za­te ba­sta­no, l’aglio e olio che ba­scu­la al ritmo del­le on­de, il vi­no bianco fred­do la se­ra con le chiacchiere e le stelle... l’odo­re del ga­so­lio giù nel cal­do asfis­sian­te del mo­to­re, il sa­le che dopo il ba­gno de­vi doc­cia­re via, pec­ca­to, per­ché tan­to sono di­ven­ta­ta co­sì un’uni­ca co­sa col mare che lo la­sce­rei vo­len­tie­ri ad­dos­so per sen­tir­lo grat­ta­re sot­to la maglietta... I crac­kers per chi ha il mal­di­ma­re e i bam­bi­ni a prua coi pie­di giù che si la­scia­no spruz­za­re dalle on­de... uuuuh i del­fi­ni i del­fi­niiii!!! Sbri­ga­ti sbri­ga­ti fai la fo­to!!! E poi, glug glug il mare che ti cul­la e la tua ca­bi­na è il po­sto più bel­lo de mon­do do­ve so­gna­re in pa­ce con l’uni­ver­so...”. A me­tà tra un “flus­so di co­scien­za” di me­mo­ria joy­cia­na e un poe­ma fu­tu­ri­sta in sti­le “Fon­ta­na Ma­la­ta” di Al­do Pa­laz­ze­schi (glug glug!), a noi il “co­sa è per me una vacanza in bar­ca” di Elisa è pia­ciu­to mol­to, ric­co di sen­sa­zio­ni che de­scri­vo­no si­tua­zio­ni ti­po di una cro­cie­ra. Per lei un wee­kend nel­le iso­le e sul­la costa par­te­no­pea con par­ten­za e ar­ri­vo a Pro­ci­da a bor­do di un Jean­neau Sun Odys­sey 409.

3° PRE­MIO - AN­NA­MA­RIA FON­TA­NA

“La mia pri­ma vacanza in bar­ca ha se­gna­to l’ini­zio di un’inar­re­sta­bi­le ma­lat­tia, quel­la del mare e della ve­la. Da al­lo­ra non sono più riu­sci­ta a guar­da­re il mare dal­la spiag­gia. E’ ve­ro, ci sono il tra­mon­to in ra­da, l’al­ba in mare, l’ape­ri­ti­vo in poz­zet­to, il ven­to sul­la fac­cia, la doc­cia all’aper­to, l’amicizia, le chiacchiere, i can­ti, il pe­sce pe­sca­to a trai­na, il bic­chie­re della staf­fa sot­to le stelle. Tut­ti i ca­no­ni­ci claim pro­mo­zio­na­li da agen­zia viag­gi. Qual­cu­no mi ave­va av­ver­ti­to di que­sto ri­schio, del­lo shock po­st trau­ma­ti­co che mi avreb­be ac­com­pa­gna­to per gli an­ni a ve­ni­re. Ades­so ec­co­mi qui, a so­gna­re di es­se­re so­spe­sa sull’ac­qua ogni vol­ta che sono a ter­ra, a de­si­de­ra­re la bar­ca co­me un tos­si­co con la mi­glio­re dro­ga, a chiu­de­re gli oc­chi e in­do­vi­na­re da do­ve vie­ne il ven­to quan­do sof­fia in cit­tà. Non c’è la­ti­tu­di­ne che non vor­rei rag­giun­ge­re in bar­ca. Scel­go il mare, scel­go la ve­la, scel­go il ven­to. E’ una scel­ta con­sa­pe­vo­le da cui non vo­glio e non pos­so tor­na­re in­die­tro, per­ché dopo che l’ho pro­va­ta, non pos­so più evi­ta­re il ri­chia­mo del mare. Que­sta stra­na ma­lat­tia è di lun­go de­cor­so. Il cuo­re ral­len­ta, la men­te si svuo­ta, gli oc­chi bril­la­no, il cor­po si mo­del­la sulle dra­glie. Un gior­no an­da­va­mo di bo­li­na, il ge­noa caz­za­to a fer­ro te­sa­to e pu­li­to sen­za una pie­ga. Ero ap­pog­gia­ta al­le dra­glie a prua, con le gam­be pen­zo­lo­ni fuo­ri dal­lo sca­fo. Una not­te in­son­ne e un po’ di stan­chez­za al­le spal­le: tra­scor­si qual­che mi­nu­to con la te­sta ap­pog­gia­ta al­la ve­la, chiu­si gli oc­chi e, in pa­ce con tut­to, mi ad­dor­men­tai. Du­rò po­co ma fu un’espe­rien­za stra­na che mi re­ga­lò la bar­ca quel gior­no. Ades­so par­lo con le ve­le. Non sono mat­ta, al­me­no non cre­do. A di­re il ve­ro, la ma­lat­tia della ve­la ha col­pi­to an­che il cer­vel­lo che di gior­no, in uf­fi­cio, spes­so gui­da la ma­no nel di­se­gna­re una bar­chet­ta, con ran­da, fioc­co e uno sca­fo, co­me quan­do da bam­bi­na da­vo for­ma ai miei so­gni più bel­li con le ma­ti­te co­lo­ra­te. Da quel­la pri­ma vol­ta in bar­ca, ogni gior­no mi sve­glio e pen­so al mare, al ven­to e al­le ve­le, an­che se fuo­ri c’è la neb­bia e sot­to ca­sa sen­to il traf­fi­co della cit­tà. La ma­lat­tia con­ti­nua”. Una bel­la “ma­lat­tia” quel­la de­scrit­ta da An­na­ma­ria, una te­sti­mo­nian­za di pas­sio­ne per il mare e per la ve­la em­ble­ma­ti­ca. E ben scrit­ta, al pun­to di va­ler­le un ab­bo­na­men­to spe­cia­le a tre an­ni al Gior­na­le della Ve­la e la T-Shirt vin­ta­ge “VELA75 .

La cul­tu­ra pa­ga Re­na­to Me­le, vin­ci­to­re del con­cor­so, ha de­cli­na­to in chia­ve ve­li­ca una splen­di­da fra­se del­lo scrit­to­re Jean-Clau­de Iz­zo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.